Altro

Cult horror classico Mirror, Mirror compie 30 anni

>

di Marina Sargenti Specchio specchio sta compiendo 30 anni, e con l'ondata di registe donne che creano opere di grande impatto nell'horror, è un po' sorprendente che non ci sia stata una grande rinascita per il film. Sebbene sia raramente incluso negli elenchi di importanti serie horror, il film ha generato tre sequel, due dei quali diretti anche da donne, rendendo questo uno dei principali franchise horror a guida femminile degli anni '90.

Specchio specchio attinge da una manciata di tropi horror familiari, ma crea qualcosa di molto suo proprio come fa. Attraverso i suoi dialoghi spiritosi e un genuino interesse nell'utilizzare al meglio il suo cast prevalentemente femminile, è diventato facilmente uno dei film horror di culto più ricordati della sua epoca.

i power ranger incontrano le tartarughe ninja
specchio specchio 2

Specchio specchio (1990) / Crediti: New City



Il film inizia con un flashback degli anni '20, in cui una donna uccide sua sorella gemella davanti a un grande specchio spettrale. Decenni dopo, nel 1990, Susan Gordon (Karen Black) si trasferisce in questa casa con sua figlia Megan (Rainbow Harvest) dopo la morte del marito, il padre di Megan. Apparentemente il terapista di Susan ha consigliato di trasferirsi in un posto più tranquillo di Los Angeles per guarire. Susan prende questo nel senso che dovrebbero trasferirsi in un'enorme casa infestata in una piccola città del Midwest senza consultare suo figlio a riguardo, ed è esattamente quello che fa. Lo specchio demoniaco della scena iniziale viene lasciato accidentalmente nella camera da letto di Megan e Megan, sorridendo per la prima volta, insiste per tenerlo.

Megan si adatta male alla sua nuova casa e le cose non migliorano quando inizia la scuola. Alcuni dei suoi compagni di classe iniziano immediatamente a prenderla in giro per il suo abbigliamento gotico. Una ragazza in corsa per la presidenza di classe di nome Nikki fa amicizia con Megan principalmente per fare un punto sull'accettazione, che il suo ragazzo osserva che potrebbe rapidamente diventare una causa persa con Megan. Nel frattempo, la banditrice della casa Emelin (Yvonne De Carlo) inizia a leggere alcuni diari che descrivono in dettaglio la precedente possessione demoniaca del gemello da parte dello specchio. Emelin cerca di riprendersi lo specchio da Susan, solo per scoprire che Megan si è affezionata violentemente ad esso.

Megan scopre rapidamente che lo specchio le sta concedendo il potere di mettere in atto la sua volontà, e lei va immediatamente oltre il limite. Inizia a causare morti brutali per le persone che la criticano o la ostacolano. Nikki, inizialmente incapace di credere a ciò che Megan ha fatto, alla fine deve combatterla per fermare il suo regno del terrore.

voce delle tartarughe ninja 2014
specchio specchio 1

Specchio specchio (1990) / Crediti: New City

Specchio specchio non è altro che un bagno di sangue, e quasi ogni singolo personaggio muore prima del lancio dei titoli di coda. Di tanto in tanto è stato scritto come una tariffa horror leggera per adolescenti, ma qui ci sono alcune cose macabre. I fan di Gore non rimarranno delusi. Le morti si leggono quasi come una lista di controllo attraverso i tropi della morte dell'orrore del liceo, ma le scene in cui i personaggi vengono fatti a pezzi dallo specchio sono brutali per gli standard di chiunque. Innanzitutto, questo è un film slasher in cui il slasher è semplicemente uno specchio posseduto.

Almeno la metà del divertimento deriva dal dialogo e dalle esibizioni. Il cast è incredibile, con molti pilastri dei B-movie. Karen Black è particolarmente deliziosa nel suo ruolo di madre incapace di Megan, Susan. Il rapporto teso tra madre e figlia, così come gli imbarazzanti ma genuini tentativi di Susan di fare ammenda con Megan, sono dove cade la maggior parte del peso emotivo della storia. Black è uno dei grandi attori caratteriali dell'horror e infonde a questo ruolo apparentemente superficiale una quantità sorprendente di risonanza emotiva. Per un personaggio che avrebbe potuto essere interpretato così facilmente come unidimensionale, la performance di Black aggiunge molta profondità al ruolo e il film è migliore per questo. Allo stesso modo, il tropo horror dell'osservatore ficcanaso di terze parti potrebbe essere molto meno divertente senza la presenza specifica di Yvonne De Carlo nel ruolo. Questo è sicuramente un film in cui gli attori tirano fuori molto dalla sceneggiatura.

Naturalmente, l'amicizia tra Megan e Nikki è la forza trainante della storia. Anche se non c'è molto tempo sullo schermo per sviluppare la loro relazione, è credibile. La timidezza di Megan-trasformata-possessività-diventata-grido-di-aiuto non è qualcosa che la maggior parte degli adolescenti sarebbe in grado di affrontare bene, ma l'angoscia di Nikki nel vedere la sua amica scivolare rapidamente nel profondo e la sua convinzione di aiutarla nonostante quello che sta fatto è avvincente.

specchio specchio 5

Specchio specchio (1990) / Crediti: New City

è Bill Burr nel mandaloriano

Questo è stato il primo film di Marina Sargenti, a cui ha fatto seguito due film per la TV, due episodi in soap opera in prima serata e l'amatissimo Xena: Principessa Guerriera episodio 'Ecco che arriva... Miss Amphipolis.' Rainbow Harvest ha recitato in due film realizzati per la TV l'anno successivo, poi apparentemente si è ritirato. Yvonne De Carlo, che era apparsa in molte dozzine di film, ne ha realizzati solo altri cinque prima di ritirarsi dal cinema nel 1993. Kristin Dattilo ha continuato a fare apparizioni in molte serie TV, tra cui il genere preferito Dexter . Nel frattempo, Karen Black ha continuato a produrre spettacoli divertenti e interessanti in film indipendenti e horror per quasi due decenni e mezzo, inclusa la sua apparizione come Mother Firefly in Rob Zombie's Casa dei mille cadaveri .

Benchè Specchio specchio è pieno di incomprensioni e di aperto antagonismo tra i suoi personaggi femminili, le relazioni sono ancora interessanti e complicate. Interazioni apparentemente scarse comunicano più di quanto sembri, e le battute tra i personaggi mantengono la storia appesantita dove altrimenti potrebbe andare alla deriva nel suo eccessivo eccesso. La semplice scelta di focalizzare effettivamente la traiettoria dei personaggi femminili l'uno intorno all'altro crea un'atmosfera unica in sé e per sé per un film horror per adolescenti di qualsiasi epoca. Una forte enfasi sulle amicizie femminili e su come la perdita di queste sia ciò che alla fine causa l'escalation di Megan è parte del perché Specchio specchio rimane così memorabile fino ad oggi.



^