Icona E Razzo

I creatori dietro il revival di Icon e Rocket sulla 'storia dell'empowerment' al centro del rilancio di Milestone

>

Nel 1993, durante la prima ondata di fumetti di Milestone Media, altamente influente, lo scrittore Dwayne McDuffie e l'artista MD Bright hanno introdotto la storia di un alieno con superpoteri che viveva come un uomo di colore sulla Terra dai tempi della schiavitù, e il giovane donna di strada che ha contribuito a trasformarlo in un supereroe. Ora, quasi 30 anni dopo, Icon e Rocket sono tornati nella seconda serie che emerge dalla DC Comics Ritorni traguardi rilancio e il co-sceneggiatore Reginald Hudlin ricorda ancora i principi di narrazione stabiliti da McDuffie tanti anni fa.

'Ricordo solo di aver avuto conversazioni su Icon e Rocket con Dwayne, e ha dato una definizione così bella del perché il concetto ha funzionato', ha detto Hudlin a un gruppo di giornalisti, tra cui SYFY WIRE, la scorsa settimana. “Li ha descritti come un'unità di opposti: maschio/femmina, giovane/vecchio, umano/alieno, conservatore/progressista, ed è proprio così. È una coppia così perfetta perché non hanno nulla in comune tranne che si preoccupano. Icon [viene] spinto fuori dal suo cinismo da un giovane, ingenuo ma appassionato Rocket. E ho solo pensato 'Beh, questa è solo una grande dinamica, punto.' E se ci aggiungi dei superpoteri, è ancora meglio.'

Scritto da Hudlin e Leon Chills e disegnato da Doug Braithwaite, Icona e razzo: prima stagione mantiene quella dinamica di 'unità degli opposti' con il suo primo numero, reintroducendo ai lettori l'abbottonato e conservatore Augustus Freeman, alias Icon, e il più liberale e impulsivo Raquel Ervin, alias Rocket. Nel 1993, i due si incontrarono per la prima volta quando lei fece irruzione in casa sua con alcuni dei suoi amici, e mentre la loro nuova storia di origine riflette parte di quella struttura originale, Hudlin e Chills si sforzarono anche di aggiornare le circostanze e l'approccio per il 21° secolo lettori.



'Quando sono tornato indietro e ho riletto quel primo numero, c'è un'intera sezione in cui camminano per la città e discutono di filosofie politiche tra Martin Luther King e Malcolm X, che riflettevano molto quel momento', ha detto Hudlin. 'Quindi ci siamo seduti e ho detto 'OK, ecco tutte le cose fantastiche del numero originale, ed ecco tutte queste cose nuove che vogliamo inserire,' ed è stato come, 'Oh, sono circa 40, 50 pagine.' Quindi, mi sono davvero concentrato su, 'OK, come possiamo raccontare qualcosa di diverso in modo che sia eccitante per i nuovi lettori, ma per i fan originali, possono vedere cose che sono diverse [e] più sfumate?' Quindi abbiamo dovuto fare alcune nuove scelte. Ma questo non significa che non torneremo a rivedere cose più avanti nei numeri futuri.'

Queste nuove scelte significano anche un aspetto un po' nuovo per i personaggi del titolo, disegnato da Braithwaite con l'input di design del co-fondatore di Milestone originale Denys Cowan, per dare ai personaggi un aspetto un po' più moderno.

'L'intero stile dei costumi dei supereroi comici è cambiato così tanto', ha detto Braithwaite. 'Voglio dire, gli anni '90 sono stati un periodo piuttosto drastico per quanto riguarda il design dei costumi. Anche se il costume di Icon era piuttosto snello rispetto a molti libri che stavano uscendo all'epoca, non aveva le spalline, non aveva ginocchiere, cinturoni o qualcosa del genere. Era davvero un costume sorprendente. Ma penso che, ovviamente, questo sia il 21° secolo ora, quindi devi aggiornarlo leggermente. Penso che l'aspetto funzioni. La combinazione di colori per il costume funziona davvero bene. E ho appena visto i colori per il secondo numero in cui lo vedi per la prima volta nel suo costume intero e sembra davvero sorprendente sulla pagina.'

Cover Icon RocketCredito: Taurin Clarke / DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comics Credito: DC Comicsnascondi miniature mostra miniature

Icona e razzo arriva in un grande momento per Milestone, poche settimane dopo il arrivo di Statico: prima stagione e settimane prima del lancio di Hardware: prima stagione , ponendo ancora una volta Milestone e i suoi personaggi in prima linea nei fumetti durante un'intensa estate editoriale. Per Chills, che ha fatto il salto dalla televisione ai fumetti per lavorare a questo libro, fa tutto parte di un momento più grande per i supereroi neri, uno che spera di far parte del lavoro della sua vita.

'Penso che più scrivo, più mi rendo conto che il mio scopo come scrittore è quello di mettere i personaggi neri in prima linea nei generi in cui di solito vengono messi da parte', ha detto Chills. “E sfortunatamente, il genere dei supereroi è sicuramente uno di quelli, e quindi essere in grado di far parte del racconto della storia dei supereroi neri è semplicemente fantastico. E la cosa speciale di questi eroi in particolare è che sono stati creati anche da un creatore nero, quindi è un onore continuare la storia che [McDuffie] stava raccontando e portarla a un nuovo pubblico.'

Come l'altro Ritorni traguardi titoli nella lista della DC Comics, Icona e razzo esiste come re-immaginazione non solo di singoli eroi, ma di un universo più ampio. Anche se non stanno necessariamente rivelando tutto in anticipo, Hudling, Chills e Braithwaite hanno anticipato che possiamo aspettarci di tutto, dai nuovi personaggi ai nuovi sguardi sulla presenza di Icon nella storia americana lungo questo viaggio. Al centro, tuttavia, Hudlin ha sottolineato ancora una volta il potere di quella dinamica originale immaginata da McDuffie tre decenni fa.

'Quando fai cose del genere, dici 'OK, questa è l'ultima storia che posso raccontare, non solo su Icon e Rocket, ma solo punto.' Se questa è la mia ultima volontà e testamento come narratore, vuoi che abbia tutto', ha detto Hudlin. 'E mi sembra che si occupi storicamente della nostra eredità allo stesso tempo di questioni filosofiche di ampio respiro. Ma, cosa più importante, è una storia di empowerment. Parla di questa ragazza nera adolescente che si prende il controllo della sua vita e cambia direzione e fa di uno degli esseri più potenti della terra un alleato, e ho pensato 'Chi non vuole vederlo?' È bello. E si concentra su come cambiare il mondo intorno a lei, e la missione di Icon è 'Fammi usare questo come lezione di insegnamento per farti capire davvero come funziona davvero il mondo.' Penso solo che sia una storia emozionante che vorrei sicuramente leggere ed è sempre da lì che inizio come narratore.'

Icona e razzo: prima stagione Il numero 1 è ora nei negozi.



^