Il Veloce E Il Furioso

Potresti davvero lanciare un'auto nello spazio, come in F9? La scienza dietro la finzione

>

Nessuno ha mai accusato il Fast & Furious franchigia del realismo. Mentre la serie ha iniziato a radicarsi nel mondo reale con il suo primo film, è andata alla deriva piuttosto duramente in avventure sempre più fantastiche. Non è mai stato più vero dell'ultima puntata della serie, F9 .

È stato uno scherzo di lunga data tra i fan - e tra i creatori - che la Famiglia sarebbe finita nello spazio. in an intervista con Il giornalista di Hollywood , il regista Justin Lin ha dichiarato di aver giocato con l'idea di andare nello spazio per anni, in attesa di trovare il giusto arco emotivo per giustificare il trasferimento. Nel F9 , l'ha trovato.

Mentre portare i personaggi nello spazio in una Pontiac Fiero ingannata è iniziata come uno scherzo, secondo Lin è in realtà una delle sequenze d'azione più fondate (gioco di parole) nel film o nel franchise. In quello stesso THR intervista, Lin menziona di aver parlato con gli scienziati di carburante e fisica, anche lui a quanto pare consultato ampiamente con gli scienziati della NASA per ottenere la sequenza giusta, o almeno il più vicino possibile per a Veloce colpo di frusta.



Se c'è qualcuno di cui possiamo fidarci per conoscere i viaggi spaziali, è la NASA, ma consideriamo cosa potrebbe volerci per portare un Fiero in orbita e riportare il suo equipaggio sano e salvo sulla Terra.

ARRIVARCI

Entrare in orbita non è poi così difficile, relativamente parlando. Lo facciamo più o meno costantemente da oltre 50 anni, con carichi utili sostanzialmente più grandi di una Pontiac Fiero. Migliaia di satelliti sono stati lanciati in orbita con successo, con più lanci in ogni momento.

Gli enti governativi, così come le aziende private, si lanciano regolarmente, al punto che l'attività è diventata tristemente banale. La Fiero non sarebbe nemmeno la prima auto nello spazio. A seconda della tua definizione, diverse auto hanno lasciato il nostro pianeta per l'orbita o per altri mondi. Il programma Apollo utilizzava rover lunari guidabili, a partire dall'Apollo 15. Sebbene, hanno sfruttato a una velocità di 8 miglia all'ora (13 km / h) . Non esattamente furioso.

I rover su Marte possono anche essere pensati come automobili, sebbene siano pilotati a distanza dalla Terra. Tuttavia, sia Curiosity che Perseverance sono oggetti delle dimensioni di un'auto, delle dimensioni di un SUV medio . E chi potrebbe dimenticare Elon Musk lancio di una Tesla Roadster nello spazio a bordo del Falcon Heavy di SpaceX? Sebbene l'etica del lancio di un'auto nello spazio, puramente per il fattore cool, sia nella migliore delle ipotesi discutibile, rappresenta il primo e unico esempio di ciò che potremmo considerare un'automobile riconoscibile in orbita.

Insomma, portare un'auto nello spazio non solo è possibile, è stato fatto. Dai un'occhiata. Ma la situazione presentata in F9 è un po' diverso. Non stiamo parlando di un'auto come parte di un carico utile in una grande missione a razzo. Stiamo parlando di un'auto come veicolo di lancio.

Il Fiero ha un paio di cose che lavorano a suo favore. Innanzitutto, è un piccolo carico utile. Il peso della vettura, anche con modifiche e rinforzi, è più leggero di un tipico carico utile di lancio. In secondo luogo, nel film, viene lanciato dall'aria, non da una piattaforma di lancio a terra.

L'elemento principale che ostacola il lancio di Fiero è la dimensione del suo motore a razzo. Hai bisogno di circa 11.000 metri al secondo di velocità per sfuggire alla gravità terrestre e ciò richiede molto carburante. È il motivo per cui i carichi utili relativamente piccoli sono generalmente collegati a razzi relativamente grandi. Anche se non abbiamo il vantaggio di numeri concreti, a giudicare dalle dimensioni del motore a razzo di Fiero, il lancio dall'aria piuttosto che da terra era l'unica opzione possibile.

Lanci aria-orbita comportano il collegamento di un carico utile a un aeromobile e il suo trasporto in quota. I vantaggi di un tale lancio includono la riduzione della distanza dall'orbita e la densità dell'atmosfera. Nel complesso, significa un fabbisogno di carburante inferiore, quindi qualcosa come un Fiero potrebbe potenzialmente arrivare in orbita con un motore più piccolo.

Nonostante tutto questo, se il Fiero potesse o meno andare in orbita con il tipo di motore che stavano usando rimane una domanda aperta .

F9

Credito: Universal Pictures

TORNARE...VIVI

Raggiungere l'orbita è solo la prima parte di una missione di successo. Una volta lì, devi sopravvivere abbastanza a lungo da raggiungere il tuo obiettivo e, si spera, tornare a casa. Supponendo che Fiero esca dalla Terra, potrebbe essere equipaggiato per mantenere in vita il suo equipaggio di due persone?

Ci sono alcune cose essenziali da considerare con qualsiasi veicolo orbitale. Deve contenere un'atmosfera e deve essere in grado di rientrare nell'atmosfera senza bruciarsi.

La Fiera media (o qualsiasi automobile di consumo) non è attrezzata per contenere un'atmosfera. Guidando sulla superficie della Terra, non c'è motivo di essere a tenuta d'aria. In effetti, avere uno scambio di gas è piuttosto importante. Se la tua auto fosse a tenuta d'aria, potresti essere nei guai durante un lungo viaggio su strada. La tua auto è progettata per far entrare aria dall'esterno e, anche dove non c'è un design intenzionale, l'aria entra attraverso guarnizioni insufficienti. Sulla Terra, questo impedisce ai motociclisti di soffocare, ma se stai portando la tua auto nello spazio, vorrai puntellare quei divari. Finestre, porte, prese d'aria - tutto ciò che può aprirsi e ovunque ci sia una separazione - dovrebbero essere sigillate.

È importante sottolineare che i sigilli che potrebbero essere sufficienti sulla Terra potrebbero non reggere nello spazio. I veicoli spaziali hanno in genere sistemi ridondanti. Rivetti extra, sigilli extra, scudi extra sono il nome del gioco.

Anche sulla stazione spaziale, una nave spaziale ben consolidata, le perdite accadono . Le foche falliscono e i micrometeoroidi sono un problema. Piccoli pezzi di detriti che viaggiano ad alta velocità possono perforare le imbarcazioni e perdere aria nel vuoto. Su qualcosa come la stazione spaziale, questa può essere una preoccupazione minore, per quanto riguarda queste cose, perché c'è un eccesso di ossigeno in grado di compensare la perdita. In una piccola imbarcazione, come un Fiero, questo sarebbe un problema più grande. Questo ci porta al problema della schermatura.

L'intero velivolo dovrebbe essere in grado di proteggere il suo equipaggio dai pericoli dello spazio. Le finestre standard non sarebbero sufficienti. Un micrometeoroide attraverso un tipico finestrino di un'auto sarebbe catastrofico e le pressioni di rientro costituirebbero un problema. A proposito di rientro...

I mestieri arrivano attraverso l'atmosfera da angoli particolari. Troppo poco profonde e potrebbero rimbalzare sull'atmosfera come una roccia saltata. Troppo profondo e potrebbe bruciare. I veicoli spaziali arrivano a sette chilometri al secondo, generando calore superiore a 1.600 gradi Celsius. Supponendo che Fiero arrivasse con la giusta angolazione, avrebbe comunque bisogno di essere rinforzato con una schermatura termica per affrontare l'attrito del ritorno a casa.

Alla fine, mentre modificare una vecchia auto per i viaggi nello spazio potrebbe essere tecnicamente possibile, probabilmente non è la migliore strategia per raggiungere l'orbita e tornare a casa.

Sembra piuttosto bello, però.



^