Potenza

L'energia del vulcano sottomarino potrebbe soddisfare il fabbisogno energetico di tutti gli Stati Uniti?

>

Fortificato con la forza da brivido della potenza del vulcano, un nuovo documento di ricerca ritiene che ci sia abbastanza energia prodotta dalle eruzioni sottomarine per fornire energia a tutti gli Stati Uniti. Queste profonde spaccature oceaniche emettono costantemente calore e sfiatano materiale dalle profondità del La crosta terrestre . Tuttavia, sfruttare effettivamente questa fonte di energia furiosa potrebbe essere un'impresa estremamente difficile.

I vulcani sottomarini non solo emettono cenere nell'acqua circostante come le loro controparti fuori terra, ma producono anche intensi cicloni di acqua surriscaldata chiamati megaplumes che potrebbero facilmente riempire circa 40 milioni di piscine olimpioniche.

Gli scienziati sono stati a lungo affascinati dalla nozione di megapennacchi oceanici e dalle loro insondabili origini, specialmente quando si tratta di teorie su come l'umanità potrebbe collegarsi a questo motore naturale. C'è stata una ricerca nominale sull'attività vulcanica del fondo marino e sul domare la sua energia geotermica, ma questi eventi megaplume sono troppo rari e remoti per offrire una quantità sostanziale di informazioni per sviluppare ulteriormente la comprensione delle loro dinamiche.



vulcano

Credito: Getty Images

Ma secondo uno studio pubblicato la scorsa settimana in Comunicazioni sulla natura , i vulcanologi Sam Pegler e David Ferguson dell'Università di Leeds hanno impiegato sia osservazioni dirette che calcoli matematici per aggirare il fatto che esiste una tale assenza di dati. Per formulare la loro ipotesi, gli scienziati hanno attinto ai dati raccolti da altri ricercatori che hanno esaminato il flusso di lava di Escanaba settentrionale del Pacifico nordorientale (NESCA) nel 2009.

Per la loro ricerca , la bocca NESCA riscalda l'acqua di mare in violenti torrenti che possono trasportare particelle di roccia vulcanica chiamate tephra fino a tre miglia di distanza dal sito dell'eruzione. Questo metodo ha permesso a Pegler e Ferguson di ideare una simulazione in grado di stimare l'entità di questi capricci vulcanici.

I nostri risultati limitano il tasso di rilascio di energia (o potenza) e mostrano che durante l'eruzione la potenza erogata è sufficiente per far funzionare gli Stati Uniti per quel periodo di tempo, probabilmente dell'ordine di ore/giorni (per quanto tempo duri, non non lo so con precisione),' Ferguson ha detto a Vice. Direi che c'è effettivamente zero possibilità di catturare l'energia per tutti i tipi di ragioni, come non sappiamo quando o dove accadranno le eruzioni, molto difficile da accedere, ecc. Il punto del confronto era davvero solo per illustrare quanto sono potenti/energiche queste cose.

Un'interessante nota a margine delle loro indagini ruota attorno a considerazioni su come i megapennacchi potrebbero influenzare la dispersione della vita organica nelle correnti circostanti.

La vita estremofila nelle profondità oceaniche è sostenuta (in completa assenza di luce solare e altri nutrienti) dall'energia e dalle sostanze chimiche fornite dall'attività magmatica e vulcanica, Ferguson ha aggiunto . Oltre a trovare forme di vita inaspettate intorno alle bocche idrotermali del fondale marino (noti anche come fumatori neri), gli scienziati hanno anche scoperto diversi microbiomi all'interno della stessa crosta oceanica solida.

Il meccanismo più probabile con cui questi microbi termofili (amanti del calore) vengono dispersi in altri siti è nei megapennacchi. I nostri risultati suggeriscono che questo processo è probabilmente mediato dall'attività vulcanica. C'è anche l'interessante congettura che molti biologi considerano i sistemi idrotermali di acque profonde come buoni candidati per l'origine della vita sulla Terra.

vulcano1

Credito: Getty Images

Il team di Leeds ha anche concluso che i megapennacchi volatili probabilmente non provengono interamente dalla lava fusa che erutta da profonde fessure nel fondo marino e potrebbero essere rinforzati da sacche bollenti di fluido sfiatato all'interno della crosta terrestre che esplodono nell'ondata in fuga.

Il nostro risultato suggerisce che queste eruzioni comportano un enorme trasferimento di calore all'oceano, e che gran parte di esso può provenire dal rapido sfiato di fluidi sotterranei riscaldati, Ferguson ha detto . 'Studi futuri potrebbero rivelare il ruolo dei gas vulcanici in questa produzione di calore, la relazione tra i siti di sfiato e le eruzioni e come i tephra sono incorporati nei megaplumes.

Si spera che le future osservazioni in situ delle eruzioni marine profonde possano far progredire la nostra comprensione delle molte domande in sospeso su questi eventi superpotenti.



^