Evoluzione

Le scimmie potrebbero costruire una società in 3000 anni? La scienza dietro Il pianeta delle scimmie

>

Il reboot del 2001 di Tim Burton di Pianeta delle scimmie il franchise è stato in gran parte dimenticato, sepolto sotto il riavvio di maggior successo del 2011 . Gran parte del disprezzo deriva probabilmente da un finale inutile e difficile da analizzare. Tuttavia, gli effetti speciali e il trucco sono stati meravigliosamente efficaci e sono riusciti a sollevare alcune domande interessanti.

Il film inizia nel 2029, a bordo della stazione spaziale Oberon, prima di spingere i personaggi attraverso un'anomalia spaziale e nel... futuro? Una realtà alternativa? Le specifiche non sono esattamente chiare, né sono così importanti. L'astronauta Leo Davidson (Mark Wahlberg) si ritrova 3000 anni nel futuro e alla mercé di una civiltà relativamente avanzata di scimmie evolute.

La domanda per Davidson diventa quindi come sopravvivere e tornare a casa. La domanda per noi è se sia possibile per le scimmie come le conosciamo svilupparsi a un tale livello in tempi evolutivi così brevi, perché 3000 anni non sono Quello a lungo quando si tratta di evoluzione. Destra?



EVOLUZIONE RAPIDA E COLLI DI BOTTIGLIA

Per la maggior parte del tempo tra Darwin e ora, la saggezza comune ha sostenuto che l'evoluzione attraverso la selezione naturale avviene incredibilmente lentamente. Si pensava che la differenza tra una specie e l'altra, anche se strettamente imparentata, richiedesse migliaia di generazioni. Anche tra i nostri amici animali di breve durata, ciò significa tempi oltre ciò che è osservabile nel corso di una vita umana.

La nostra specie, l'Homo sapiens, è esistita per circa 200.000 anni , anche se il periodo esatto è ancora oggetto di dibattito. Geneticamente e anatomicamente parlando, tuttavia, non siamo cambiati molto nel frattempo. Inoltre, la transizione tra l'uomo moderno e la prima specie umana, qualcosa di più simile ad altre grandi scimmie, è durata circa 6 milioni di anni. In breve, è un lento processo di piccoli cambiamenti nel corso di lunghi anni. Ma non è sempre vero.

Cambiamenti drastici nell'ambiente di una specie - clima, risorse o relazioni predatore-preda - possono portare a cambiamenti evolutivi più rapidi. Questi cambiamenti possono anche avvenire nel corso di relativamente poche generazioni, abbastanza brevi da essere osservate.

Nel 1978, David Reznick, all'epoca studente laureato, andò a Trinidad per dimostrare la sua tesi che l'evoluzione potrebbe avvenire più rapidamente . Ha raccolto guppy e ha iniziato a cambiare il loro ambiente spostandoli lontano da o verso i predatori.

Scoprì che nel giro di pochi anni, circa da sei a otto generazioni, i guppy mostravano già notevoli cambiamenti. Quelle popolazioni che sono state allontanate dai predatori hanno assunto un ciclo riproduttivo più lento maturando più tardi e producendo meno prole. Coloro che sono stati trasferiti in aree con predatori hanno fatto il cambiamento opposto, maturando più rapidamente e avendo più figli. La pressione aggiuntiva ha portato i guppy a vincere la guerra di logoramento aumentando il loro numero.

Guppy

Credito: gruppo Auscape/Universal Images tramite Getty Images

Vediamo questo stesso comportamento nella pesca. Le popolazioni ittiche sovrasfruttate sono state, a tutti gli effetti, spostate in un ambiente con un nuovo predatore. Solo che questa volta sono gli umani invece dei ciclidi. In risposta, maturano più rapidamente e hanno corpi più piccoli.

Un simile tipo di rapida evoluzione si sta verificando nelle rondini delle scogliere. Come suggerisce il nome, questi uccelli in genere costruiscono i loro nidi lungo le pareti rocciose, ma hanno iniziato a costruire ponti e cavalcavia. Così facendo li metteva in balia delle auto di passaggio e, per un po', ci sono stati molti uccelli uccisi da collisioni con veicoli.

Poi, nel corso di alcuni decenni, il numero di uccelli uccisi sulle strade è diminuito, anche se la popolazione complessiva è aumentata. I ricercatori hanno scoperto che gli uccelli che hanno colpito le auto avevano in modo schiacciante un'apertura alare più ampia, mentre i sopravvissuti avevano ridotto le dimensioni delle loro ali . Il pensiero qui è che un'apertura alare più corta consente una maggiore manovrabilità per evitare le auto in arrivo.

Le strade hanno fornito nuovi terreni di riproduzione, quei terreni di riproduzione hanno introdotto una nuova minaccia e gli uccelli si sono adattati per sopravvivere al loro ambiente all'incirca nello stesso lasso di tempo di I Simpson è stato in televisione.

re Alfredo l'ultimo regno

Vediamo che l'introduzione di nuove pressioni ambientali può comportare un rapido cambiamento evolutivo e un atterraggio di fortuna di una manciata di scimmie su un nuovo pianeta è sicuramente adatto. Forse, cosa più importante, è il numero di scimmie presenti in quella popolazione iniziale.

Quando una popolazione è ridotta a un numero relativamente piccolo, si parla di a collo di bottiglia della popolazione . Il risultato di un tale evento è una drastica riduzione della diversità genetica. Quei geni che sono meno frequenti possono essere persi completamente o hanno meno probabilità di essere trasmessi, mentre quelli che sono più frequenti nella popolazione appena ridotta diventano più comuni.

Questi eventi determinano un aumento della deriva genetica e talvolta portano all'emergere di nuove specie. Possiamo immaginare una piccola popolazione di scimmie, preselezionate dalle loro controparti umane per tratti particolari, bloccata in un nuovo ambiente e in rapida evoluzione attraverso una combinazione di un collo di bottiglia della popolazione e nuove pressioni ambientali.

CIVILTÀ IN SVILUPPO

Tuttavia, l'evoluzione che porta a una maggiore intelligenza e all'emergere del linguaggio parlato è solo una parte della storia. Per ottenere il tipo di specie che vediamo in Pianeta delle scimmie , avrebbero anche bisogno di sviluppare una cultura solida, inclusa la tecnologia.

Questa è, in qualche modo sorprendentemente, probabilmente la cosa più difficile da ottenere in soli 3000 anni. Mentre le scimmie moderne e altri primati avere assolutamente strutture sociali , non vediamo il tipo di costruzione e condivisione della conoscenza che si traduce in progresso tecnologico.

Sicuramente, un trampolino evolutivo del tipo sopra descritto potrebbe accelerare questo processo, guardando indietro alla nostra storia suggerisce che ci vorrebbe molto più di 3000 anni per arrivare all'equitazione e all'architettura.

Mentre gli umani anatomicamente moderni esistono da almeno 200.000 anni, le prime prove di civiltà risalgono solo a circa 7.000 anni fa. Per oltre il 90 per cento della nostra esistenza, ci è mancata quella che si potrebbe chiamare una società.

Pitture rupestri

Credito: PHILIPPE LOPEZ/AFP via Getty Images

Il segni distintivi della civiltà sono grandi centri abitati, architettura e arte. Se siamo disposti a prendere uno di questi come un'indicazione della nascita della civiltà, allora l'arte probabilmente emerge per prima. Almeno con noi ha funzionato. Ancora, la più antica arte figurativa conosciuta risale al circa 45.000 anni fa . Non è niente di cui deridere, ma significa comunque che per la maggior parte del tempo dopo essere diventati gli animali che siamo, eravamo ancora troppo concentrati sulla sopravvivenza per preoccuparci di molto altro.

Che un gruppo di scimmie isolate in un nuovo ambiente possa evolversi in qualcosa di nuovo, forse qualcosa di più intelligente, non è fuori discussione. Ma farlo e poi realizzare una società robusta in un lasso di tempo così breve mette a dura prova la credulità.

Potrebbe venire un giorno in cui i nostri cugini scimmie usciranno come qualcosa di nuovo, ma dovremo dargli tempo. Probabilmente molto. Speriamo che per allora abbiamo imparato ad andare d'accordo.



^