Animali

Potrebbe esistere davvero qualcuno degli animali ibridi di Avatar: The Last Airbender?

>

Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria è arrivato su Netflix il mese scorso e tantissime persone stanno guardando l'acclamato cartone animato, rivisitando la sua storia epica o vivendo la saga per la prima volta. È ampiamente considerato uno dei migliori spettacoli animati mai realizzati ed è pieno di tutti i tipi di adorabili e magici animali ibridi. Molte persone potrebbero sognare ad occhi aperti di poter piegare gli elementi alla loro volontà. Sogno di vivere in un mondo pieno di koalaotteri, tartarughe marine e cavalli struzzo.

m. night shyamalan nuovo film

Purtroppo, viviamo in un mondo pieno di vita ordinaria, noiosa e non ibrida. O noi?

IL PRIMO IBRIDO



Un miliardo di anni dopo la formazione della Terra, apparvero i primi procarioti. I procarioti includono alcune delle forme di vita più semplici sulla Terra. Mentre sono cellulari, non hanno né un nucleo chiuso né organelli specializzati legati alla membrana. Invece, il loro DNA galleggia intorno al citoplasma interno della cellula.

Sebbene i procarioti siano stati probabilmente i primi esseri viventi a sorgere sulla Terra, non stanno facendo troppo male per se stessi, anche oggi. Nonostante i molti e diversi rami dell'evoluzione, molti procarioti, come i batteri, sono perfettamente felici di rimanere più o meno come sono sempre stati.

Affinché tutti questi rami evolutivi si verificassero, tuttavia, era necessario un cambiamento significativo. Gli organismi multicellulari richiedono completamente un diverso tipo di struttura cellulare. Vale a dire, cellule eucariotiche. Gli eucarioti differiscono dai procarioti in molti modi significativi, ma soprattutto hanno un nucleo che racchiude il loro DNA e hanno organelli legati alla membrana.

Sono quegli organelli che ci danno un indizio su come si è verificato questo importante passo nell'evoluzione cellulare e ci danno una finestra verso, forse, il primo organismo ibrido del mondo.

La teoria endosimbiotica è una spiegazione ampiamente accettata di come gli eucarioti siano diventati così complessi. Funziona così: alcuni procarioti erano più grandi di altri e avrebbero consumato le loro controparti più piccole in un processo noto come endocitosi. Quando ciò accade, l'organismo consumato viene digerito e questa è la fine.

pagliaccio cult della storia dell'orrore americano

L'endosimbiosi avviene attraverso lo stesso processo, ma con risultati nettamente diversi. In questo scenario, il procariote più piccolo viene consumato ma non digerito. Invece, vive all'interno dell'organismo più grande come parte di una partnership reciprocamente vantaggiosa. Questo è probabilmente accaduto quando un organismo anaerobico ne ha consumato uno aerobico. Una situazione simile potrebbe essersi verificata con il consumo di un organismo capace di fotosintesi.

In uno scenario del genere, l'organismo più grande avrebbe protetto il più piccolo fornendogli un ulteriore livello di protezione dal mondo esterno, mentre l'organismo ora legato avrebbe fornito la capacità di elaborare la luce solare o l'ossigeno per la produzione di energia.

guarda nel versetto del ragno

Le cellule umane sono state impiantate in embrioni di maiale e successivamente impiantate in maiali femmine. Questi embrioni sono stati trasportati con successo per diverse settimane prima di essere rimossi. I maiali condividono somiglianze genetiche e strutturali con gli umani e l'obiettivo finale è creare animali in grado di coltivare organi adatti al trapianto umano.

Sebbene questi esperimenti abbiano avuto successo, siamo ancora lontani dall'essere in grado di mettere in pratica il processo.

Tuttavia, per un po' di tempo, sono esistiti ibridi uomo-maiale.

George Orwell, mangia il tuo cuore.



^