Anime

La stagione 2 di Castlevania dice al diavolo un tropo fondamentale dei videogiochi

>

di Netflix Castlevania l'anime ha fatto ciò che molti pensavano fosse impossibile: è un buon adattamento per videogiochi. Il seconda stagione di otto episodi , uscito lo scorso venerdì, è un dramma soprannaturale legittimamente buono, con un'azione di uccisione di vampiri di prim'ordine. Se la prima stagione, lunga la metà, sembrava un prologo esteso, la seconda stagione fa avanzare la storia in un modo elettrizzante ma inaspettato, e nel processo getta completamente fuori un principio fondamentale non solo del design di base dei videogiochi, ma anche delle fondamenta del Castlevania serie di videogiochi: non ci sono livelli in Castlevania .

**Avviso spoiler: questo post contiene spoiler per Castlevania Stagione 2**

Per essere onesti, il Castlevania i giochi non hanno livelli esplicitamente definiti come Super Mario Bros. è iconico Mondiale 1-1. Ma esplorare il castello di Dracula nei giochi tende a rivelare livelli distinti, anche se non sono in un ordine fisso, e i giocatori possono, per la maggior parte, lasciare e rientrare nei livelli come e quando vogliono. Castlevania è uno dei due franchise che hanno dato il nome al genere Metroidvania (l'altra metà di questo portmanteau deriva dal Metroid serie, naturalmente). In questi giochi, il giocatore esplora una grande mappa interconnessa. Il gameplay non è su binari, ma scoprendo nuovi segreti o sbloccando potenziamenti, i giocatori possono accedere a nuove aree, con il gameplay stesso che incoraggia un senso di esplorazione e investimento nel personaggio.



Varie parti del castello hanno aspetti e temi distinti. Castlevania i veterani hanno sfidato lo stridore di macchinari in inquietanti torri dell'orologio, duellato con fantasmi in vaste sale da ballo gotiche e frustate piante mangia-uomini nei cortili illuminati dalla luna. Man mano che i giocatori esplorano ogni livello, sconfiggendo ogni boss, si avvicinano al loro obiettivo finale: sconfiggere Dracula.

Castlevania La stagione 2 lancia questa idea fuori dalla finestra più alta del castello di Dracula. Non è fino al penultimo episodio che l'eroico trio di Trevor Belmont, Sypha Belnades e Alucard entrano nel castello e, una volta lì, sconfiggono alcuni soldati di basso livello, tutti i generali vampiri di Dracula e lo stesso Dracula nel corso di un singolo episodio. Trevor Belmont è essenzialmente uno speedrunner.

Castlevania Trevor combatte

Credito: Netflix

Dato il ritmo lento e deliberato della prima stagione e i sei episodi estremamente ricchi di personaggi che hanno preceduto questa resa dei conti, gli spettatori probabilmente si aspettavano un assalto molto più lungo al castello. Forse il trio partirebbe dal basso e si farà strada verso l'alto, scoprendo nuove parti del castello e sconfiggendo personaggi familiari di mini-boss lungo la strada. Invece, accade tutto in una volta, con i nostri eroi che cancellano gli scagnozzi di Dracula prima di abbattere anche lui. È solo durante lo scontro finale con Dracula che lui e Alucard cadono in altre aree del castello, anche se si tratta di apparizioni cameo sceniche piuttosto che di un nuovo livello.

Castlevania Alucard Dracula

Credito: Netflix

Un assalto lungo e più frammentato sembrerebbe sicuramente più videoludico, il che potrebbe essere il motivo per cui lo spettacolo non è andato in quella direzione familiare e perché la stagione è un tale brivido. Quando un giocatore ha il controllo dell'azione di un personaggio, la natura ripetitiva del gameplay (esplorare un'area, battere il boss, sbloccare l'oggetto, ripetere) è divertente perché il giocatore ha l'agenzia.

In TV, tuttavia, un formato del genere può iniziare a sembrare una ruota che gira, ritardando l'azione principale per il bene di un conteggio degli episodi più lungo. Castlevania ha costruito deliberatamente i suoi personaggi e ha posto la posta in gioco in modo che potesse scatenare tutta l'azione e la tensione in un episodio intenso. I combattimenti, in gran parte ambientati su una delle migliori canzoni della colonna sonora dei videogiochi, lacrime di sangue, è brillante e sapientemente coreografato, con ciascuno dei tre eroi che ha la possibilità di mostrare la propria abilità marziale.

Trevor avvolge la Stella del Mattino intorno a sé con grazia letale mentre Sypha trasforma perfettamente gli elementi stessi in armi in continua trasformazione. Nel frattempo, Alucard e la sua spada fluttuante tagliavano i nemici come se la coppia stesse ballando, gli arti mozzati dei loro nemici erano solo nuove decorazioni per la pista da ballo. Il finale arriva rapidamente, ma la grafica ne vale la pena.

Castlevania Alucard Forma Lupo

Credito: Netflix

Castlevania non sarebbe potuto esistere senza i videogiochi, in particolare il materiale sorgente diretto, Castlevania III: La maledizione di Dracula . Ciò non significa che fosse necessario aderire pedissequamente al formato e ai tropi del mezzo originale. Castlevania non sta riproducendo vecchi livelli, sta dando al pubblico qualcosa di inaspettato: una lenta combustione che porta a un finale esplosivo e compatto. Forse è parte del motivo per cui la serie è stata in grado di fare qualcos'altro di inaspettato e superare le basse aspettative per un adattamento di un videogioco.




^