H.p. Lovecraft

Puoi dire a un H.P. Storia di Lovecraft mentre rifiuta il suo odio?

>

Normalmente un regista che adatta un popolare autore di genere spalmerà le lodi, dimostrerà le sue credenziali da geek e parlerà con riverenza del santo creatore originale. Quindi è stata una bella sorpresa sentirlo Richard Stanley essere così aperto e onesto sui suoi complicati sentimenti verso un certo Howard Phillips Lovecraft mentre si avvicinava all'adattamento di una delle sue storie più avventurose, una discesa nella follia chiamata Colore fuori dallo spazio .

'Volevo anche affrontare alcuni dei problemi che ho riscontrato con HPL; il suo ateismo, il suo misantropo, il suo razzismo, la sua misoginia,' Stanley ha detto proprio in cima alla sua intervista con SYFY WIRE quando il film ha debuttato al Fantastic Fest lo scorso autunno. 'Tutte queste cose dovevano essere verificate e affrontate in un modo o nell'altro e non ho avuto l'opportunità di litigare con lui. Mi piacerebbe averlo a cena e provare a portare fuori alcune di quelle cose. In un certo senso si tratta di essergli fedele, ma a un altro livello è anche di interrogarlo. Ho dovuto trascinare alcune di quelle cose allo scoperto».

Per timore che il regista fosse attivamente ostile nei confronti del materiale a cui si stava avvicinando, Stanley ha anche parlato con riverenza verso il controverso Lovecraft, che era l'autore preferito della madre di Stanley e portato nella sua vita in tenera età. Il regista considera Lovecraft una delle voci letterarie più importanti del XX secolo, motivo per cui ha voluto esprimere i suoi sentimenti complicati all'interno del testo dell'adattamento.



Colore fuori dallo spazio , con protagonista Nicolas Cage, parla di un meteorite che atterra vicino a una fattoria isolata alla periferia della fittizia Arkham, nel Massachusetts, portando con sé un'aura extraterrestre che si insinua nell'acqua e inizia ad avere un effetto bizzarro sui raccolti, sulla fauna selvatica e , in definitiva, la famiglia travagliata che vive lì.

Colore fuori dallo spazio

Credito: RLJE Films

La storia è una delle storie più avvincenti di Lovecraft, anche se non coinvolge divinità giganti dalla bocca di tentacoli. Invece, l'attenzione è più sull'orrore psicologico di qualcosa di alieno che infetta una famiglia. Molte persone vengono catturate dagli aspetti contorti e viscidi di Lovecraft e ignorano la sua vera arma segreta: la sua rappresentazione della follia.

'Lovecraft è probabilmente l'americano Kafka', disse Stanley. 'Ossessionarsi per i tentacoli è un po' come vedere Kafka solo come uno scarafaggio. Ovviamente c'è molto di più da fare in termini di qualità strabilianti della cosa.'

"molto tempo fa in una galassia molto, molto lontana."

Stanley, che sta dirigendo il suo primo film da quando è stato rimosso dagli sfortunati L'isola del dottor Moreau , ha detto che la sua ancora per la storia sono i 'personaggi imperfetti e incapaci che affrontano cose che non possono affrontare' al centro della storia. Fondamentale per questo è stato portare il mito di Lovecraft ai giorni nostri in modo che rimanesse una minaccia chiara e presente.

'Ho un Cthulhu di peluche a casa con cui mi coccolo di notte', ha ammesso. 'Con il Il richiamo di Cthulhu giochi di ruolo e cose del genere, Lovecraft è diventato quasi caratteristico e accogliente. Una parte di me voleva fermarlo.'

Per rendere la minaccia cosmica implacabile e terrificante, Stanley ha collegato l'idea di quest'aura aliena che infetta l'ambiente circostante a una famiglia colpita duramente quando a una persona cara viene diagnosticato un cancro. Anche il modo in cui il colore infetta l'ambiente naturale ha permesso a Stanley di commentare il cambiamento climatico. Questo, credeva, avrebbe martellato il particolare marchio di casa dell'orrore di Lovecraft in un modo che altri film non sono stati in grado di fare.

Questo è il lato psicologico del film, ma Stanley sapeva fin troppo bene che doveva fare i conti anche sul fronte dei mostri. Il colore stesso è un male visivo, ma poi ci sono anche le mutazioni che provoca, che sono più grottesche e ricordano il lavoro di Rob Bottin su John Carpenter's La cosa .

Sul 'colore' del titolo, Stanley aveva un quadro di riferimento in un'opera d'arte di Virgil Finlay che è stata originariamente pubblicata con il racconto, che ha detto essere 'il più vicino possibile a un'immagine approvata dall'autore della creatura come lo siamo noi'. suscettibile di ottenere.' Il mostro, in questo caso, è semplicemente un turbinio di luce e colori, ma l'arte è dinamica e trasmette la paura delle persone che vedono la luce sfuggire al pozzo e la frenesia dell'erba influenzata da questa cosa aliena.

Colore fuori dallo spazio

Credito: RLJE Films

Per quanto riguarda il lato delle mutazioni, Stanley sapeva anche di dover fornire risultati su quel fronte, dicendo che tenere la creatura fuori dallo schermo non era un'opzione anche quando si lavora con un budget limitato. Questo è il mondo dello spettacolo, dopotutto.

'Anche in mascelle lo squalo alla fine si farà vedere', ha scherzato. 'Stiamo ancora spingendo molto oltre i limiti della busta con il budget che avevamo, ma la maggior parte delle volte ciò con cui avevamo a che fare era aumentare gli effetti fisici. Siamo stati in grado di fare le cose, ad esempio, facendole diventare marionette nella vita reale e poi rimuovendo digitalmente le aste che controllavano segretamente la cosa.'

Questa è la prima volta che Stanley è stato in grado di giocare con effetti moderni. Ha menzionato di lavorare su una sorta di tecnologia proto-MoCap mentre stava sviluppando Dott. Moreau . La moderna tecnologia VFX è servita solo a sottolineare il suo amore per i vecchi maestri, come l'esperto di stop motion Ray Harryhausen.

'Se Harryhausen stesse lavorando ora, penso che sarebbe in grado di perfezionare parte del suo lavoro al punto che non saresti più in grado di dire come è stato fatto', ha detto Stanley. 'Con il compositing ottico e la sfocatura visiva possiamo creare lo stop motion in un modo praticamente impeccabile.'

Ma le imperfezioni facevano parte del fascino di Harryhausen o di qualche effetto speciale simile? Nel King Kong , ad esempio, che è stato animato dal mentore di Harryhausen Willis O'Brien, la pelliccia di Kong sembra viva, in costante cambiamento, e questo grazie alla mano letterale del creatore. O'Brien spostava sottilmente la pelliccia sul pupazzo Kong ogni volta che lo riposizionava per lo scatto successivo.

Gli occhi di Stanley si illuminarono alla menzione di Kong, che proclamò essere il suo film preferito di tutti i tempi.

creatore della vita moderna di Rocko

'L'ho visto per la prima volta quando avevo quattro anni e sono ancora scoppiato a piangere alla fine', ha detto. 'Si connette con me emotivamente più fortemente della crocifissione, credo. Kong sull'Empire State Building è una delle immagini più potenti e iconiche che sia mai stata creata dalla nostra cultura. Il mio cuore è ancora lì con la grande scimmia.'

King Kong, 1933

Credito: Warner Home Video

Saltando fuori dal discorso sugli effetti speciali della pelliccia, ha ammesso che era un'area in cui semplicemente non avevano il budget da realizzare Colore fuori dallo spazio sembrano realistici, sia digitalmente che con effetti pratici. La famiglia Gardner alleva alpaca e, come puoi immaginare, quei poveri animali non riescono a superare indenni il film.

Sapendo che avrebbero interpretato gli alpaca mutati in qualche forma, è stata presa la decisione di rendere le versioni dei mostri senza pelo (o 'nude' come ha detto Stanley). Il risultato finale è sicuramente inquietante e potrebbe essere un caso di restrizioni di budget che finiscono per essere una vittoria creativa.

La pressione di realizzare un film ambizioso con un budget limitato peserebbe molto sulla maggior parte dei registi. Stanley non era immune a quello stress. In effetti, lavorare giorno dopo giorno in questo spazio mentale ha avuto un effetto sulla mente inconscia del regista.

'Ero perseguitato dai sogni durante tutta la produzione e in particolare nel periodo di post-produzione perché non dormivo abbastanza', ha ricordato. 'In questi sogni il colore si manifestava attivamente e mi diceva di impegnarmi di più, di renderlo più bello e di fare un lavoro migliore nel portarlo al mondo. Era come, 'Rendimi bella, proprio come sembro ora mentre ti prendo. Ricordo che nel mio sogno mi guardavo le mani e vedevo la roba che bruciava fuori dalla mia carne. Ha iniziato a esercitare un'influenza su di noi.'

E questo parla del potere di H.P. Lovecraft. Per quanto problematico possa essere l'uomo, è innegabile che il suo lavoro abbia ancora il potere di entrare nella nostra pelle e rimanerci.

di Richard Stanley Colore fuori dallo spazio è ora nelle sale.



^