Guerre Stellari

I cloni possono avere variazioni, come visto in Star Wars: The Bad Batch?

>

Il nuovo Guerre stellari serie, Il lotto cattivo, riprende alcuni dei fili rimasti da Le guerre dei cloni e segue Clone Force 99, introdotto per la prima volta nella settima stagione di quello show. Ogni membro di 99 ha qualche variazione genetica che li differenzia dal tuo soldato comune, indicato come 'regs' dal Bad Batch.

Non è uno spoiler - probabilmente nemmeno una sorpresa - che il primo episodio di Il lotto cattivo orbita quasi interamente intorno a questioni di clonazione. Nello specifico, pone varie domande sui limiti della clonazione per quanto riguarda la variazione intenzionale. I reg sono geneticamente progettati per essere conformi, identici e intercambiabili. The Bad Batch rappresenta l'altra faccia di quella medaglia: sono letteralmente e figurativamente definiti dalle loro differenze, e qui sta la loro forza.

La clonazione qui sulla Terra è leggermente diversa (per fortuna). Diamo un'occhiata a come funziona e se qualcosa come Bad Batch o reg sono possibili.



muori quando vieni ucciso

CLONAZIONE

Nel Guerre stellari , l'esercito dei cloni è cresciuto da materiale genetico fornito da Jango Fett sul pianeta Kamino. Il processo con cui sono stati realizzati i cloni non è chiaro, ma sappiamo che dovevano essere realizzati rapidamente e in massa. Nel Star Wars: L'attacco dei cloni , Lama Su afferma che sono già stati realizzati 200.000 cloni e un altro milione è in arrivo.

La clonazione di individui adulti, così come la conosciamo nel mondo reale, è un processo complesso e incerto con requisiti specifici. Per clonare un individuo adulto, gli scienziati prendono cellule somatiche (cellule non riproduttive) e inserirli in una cellula uovo , in un processo noto come trasferimento nucleare. Alla cellula uovo viene rimosso il nucleo e la cellula somatica fornisce quindi il materiale genetico che l'uovo duplica. Prima che tutto ciò possa accadere, gli scienziati devono raccogliere ovociti da un membro della specie bersaglio o da uno geneticamente abbastanza vicino da passare l'adunata. Una volta che la replicazione cellulare si verifica nell'uovo, viene impiantato in un surrogato per far crescere l'embrione.

Molto spesso, il surrogato è un membro della stessa specie, ma non è sempre così. Nel 2003, gli scienziati clonato una specie estinta di stambecco prelevando cellule congelate e impiantando l'embrione in un surrogato strettamente correlato. In entrambi i casi, ogni clone richiede un surrogato affinché l'embrione possa maturare.

come vedere la luce a infrarossi con gli occhiali

L'immagine dei bambini cresciuti in provetta è puramente un tropo fantascientifico e non si verifica nel mondo reale, almeno per ora. Si possono immaginare strutture da incubo su Kamino piene di surrogati umani che danno alla luce cloni.

Star Wars The Bad Batch key art hero

Credito: Lucasfilm/Disney+

VARIAZIONE

La saggezza comune è che i cloni sono sempre identici al loro donatore genetico, e ha senso. Se il figlio clonato condivide le stesse informazioni genetiche del suo antenato, allora dovrebbe essere una copia esatta, no?

Una specie di. Tutto si riduce a variazioni e mutazioni naturali, nonché all'impatto ambientale.

Naturalmente, anche un clone identico avrebbe differenze di temperamento e personalità. Ci sono certi comportamenti e disposizioni che sono geneticamente influenzati, ma molto di ciò che siamo si riduce alle nostre esperienze. Inoltre, anche l'aspetto può essere influenzato dal nostro ambiente e dal caso casuale.

Il il primo gatto clonato si chiamava Cc , abbreviazione di copia gatto o copia carbone, e sebbene fosse geneticamente identica a sua madre, sembravano sorprendentemente diversi. I modelli del mantello non sono necessariamente determinati dai geni e Cc aveva uno schema diverso dalla madre biologica e dalla madre surrogata.

Dobbiamo anche tenere conto di come i geni si esprimono. Dolly , la famosa pecora che detiene l'onore di essere il primo mammifero clonato, è morta all'età di 6 anni per un'infezione respiratoria. È stata sopravvissuta, tuttavia, da fratelli clonati che proveniva dallo stesso gruppo di cellule della stessa Dolly.

Nonostante siano geneticamente identiche, le quattro sorelle di Dolly (Dianna, Daisy, Denise e Debbie) hanno mostrato alcune differenze man mano che invecchiavano. In particolare, due di loro hanno avuto un'osteoartrite più avanzata rispetto ad altri, e questo probabilmente dipendeva da fattori ambientali.

Star Wars Il lotto cattivo

Credito: Lucasfilm/Disney

In quello che è forse l'esempio più lampante di variazione nella clonazione, gli scienziati sono stati in grado di derivare cloni sia maschili che femminili dallo stesso materiale genetico. Mentre il nuovo clone femminile potenziato di nome Omega, che il Bad Batch incontra nell'episodio di apertura della loro serie, non è confermato essere uno dei cloni di Jango, è una possibilità. Se vuoi entrare nelle erbacce della vita reale, puoi Comincia qui , ma il succo non è troppo difficile da afferrare. Utilizzando particolari linee cellulari di topo, i ricercatori hanno trovato un evento naturale di circa il 2% in cui il cromosoma Y è stato perso. L'uso di queste cellule per creare cloni si traduce in un mix di figli maschi e femmine provenienti dallo stesso materiale genetico.

trasformatori ritorno al futuro

Nonostante tutto quello che sappiamo in questa galassia sulla clonazione di mammiferi dopo 25 anni di attività, non abbiamo ancora nulla di simile a Guerre stellari ' livelli di comprensione. Il tasso di successo è incredibilmente basso e continuiamo a imparare che c'è molta più variazione sia prima che dopo il processo di clonazione di quanto pensassimo inizialmente. L'evidenza sembra suggerire che qualsiasi popolazione di cloni con un numero di centinaia di migliaia probabilmente avrebbe una variazione genetica significativa. È probabile che i 'lotti difettosi' siano molto più comuni di quanto supponessimo in precedenza.

Star Wars: The Bad Batch è ora disponibile su Disney+ .



^