Pianeta Delle Scimmie

'Caesar's Story' rivela le origini del leader del pianeta delle scimmie: leggi un estratto esclusivo in cui Cesare scopre la guerra

>

Che ci crediate o no, sono passati 50 anni da Charlton Heston dannati tutti noi all'inferno su quella spiaggia dall'originale Pianeta delle scimmie film. E per celebrare l'uscita del semicentenario di quel film che ha generato il franchise, Hachette Books, in collaborazione con 20th Century Fox, sta pubblicando Il pianeta delle scimmie: la storia di Cesare , una storia illustrata della vita dell'impavido capo delle scimmie, raccontata dal suo migliore amico, Maurice.

Dopo gli eventi del lungometraggio del 2017, Guerra per il pianeta delle scimmie, Maurice decide di raccontare e raccontare la storia di Cesare in modo che suo figlio, Cornelius, possa sapere chi era suo padre. La storia di Cesare racconta la vita del leader delle scimmie dai suoi primi giorni sotto la cura dello scienziato Will Rodman, così come la sua vita con la colonia di scimmie a Muir Woods dopo lo scoppio dell'influenza delle scimmie e la sua battaglia finale e la prigionia da parte del colonnello malvagio e instabile .

Con illustrazioni di Zachary Baldus, La storia di Cesare racconta anche ciò che accade tra gli eventi di Salita e L'alba del pianeta delle scimmie , così come gli eventi tra Alba e Guerra per il pianeta delle scimmie , rivelando nuovi dettagli dal Pianeta delle scimmie universo.



Il libro include i pensieri e le riflessioni personali di Maurice della sua vita trascorsa insieme a Cesare e i contributi di altre scimmie che lo conoscevano.

Il pianeta delle scimmie: la storia di Cesare , di Maurice (con Greg Keyes — sì, ha aiutato), sarà disponibile il 23 ottobre. Puoi preordinare la tua copia qui . Nel frattempo, controlla un estratto, con opere d'arte, di seguito.

Pianeta delle scimmie

Hachette / Twentieth Century Fox Film Corporation

A partire dal Il pianeta delle scimmie: la storia di Cesare di Maurice, con Greg Keyes, edito da Hachette. Copyright © 2018 di Twentieth Century Fox Film Corporation

La battaglia del ponte arancione

Cesare non sapeva nulla della guerra in quel momento. Non era mai stato in uno. Nessuno di noi l'aveva. Ma Cesare vedeva ogni ostacolo come un problema da risolvere. Se c'erano degli umani davanti ad aspettarci, quello era un problema che doveva essere risolto.

Non l'avremmo fatto caricando alla cieca l'autobus, che era chiaramente ciò che gli umani volevano che facessimo.

L'Orange Bridge era sospeso da spesse viti metalliche chiamate cavi. Cesare mandò su di loro degli scimpanzé, arrampicandosi in alto nella nebbia oscura. Mandò gli oranghi sotto il ponte, a dondolarsi sulle travi sottostanti; mi ha incaricato di guidarli. Ci accompagnarono anche alcuni scimpanzé, che scorrazzavano sulle cime delle travi metalliche.

fine del mondo 2020

L'aria non brulicava di macchine volanti. Ce n'era solo uno, ma era abbastanza mortale. Mentre ci preparavamo a farci strada attraverso la foresta, è arrivato. Cominciò a sparare alle scimmie sui cavi sopra. Vidi il primo di noi cadere, ruzzolando davanti a me, svanendo nelle acque grigie sottostanti.

come andranno a finire i morti viventi?

Cesare guidò alcuni scimpanzé e i gorilla dritto sul ponte, proprio come gli umani si aspettavano, e presto arrivarono gli umani a cavallo, bastonando le scimmie dalla loro posizione più elevata. Invece di essere guidati, Caesar e Buck hanno voltato le spalle ad alcune scimmie per combatterle.

I gorilla raggiunsero l'autobus. Ma invece di superarlo o aggirarlo, fecero come Cesare aveva detto loro. Lo spinsero sopra e poi in avanti, usandolo come scudo contro gli umani che aspettavano oltre, con le loro pistole.

E quando fu abbastanza vicino, spinto fino alla posizione umana, Cesare ci guidò in battaglia, montato su un cavallo che aveva preso agli umani. Mentre lui e quelli sul ponte caricavano, quelli di noi sotto di esso sono saliti e quelli di sopra sono scesi.

Cesare

Illustrazione di Zachary Baldus (Twentieth Century Fox Film Corporation)

Gli umani, accovacciati dietro molte delle loro auto per ripararsi, aspettandosi che venissimo da una sola direzione, furono circondati. Li abbiamo travolti in pochi istanti e sono fuggiti.

Ma poi la macchina volante si alzò come avevamo fatto noi orang, da sotto il ponte, e il grosso cannone su di esso iniziò a sputare la morte che ora conosciamo così bene. Non puoi vedere i proiettili arrivare; è come se fossero invisibili.

Immagina di morire senza sapere cosa ti sta uccidendo. Sapevamo di scappare, di nasconderci dall'omicidio invisibile nell'aria stessa. Ma quello non era abbastanza.

Cesare 2

Illustrazione di Zachary Baldus (Twentieth Century Fox Film Corporation)

La macchina si avvicinò. Cesare ha trovato una catena appesantita in una delle auto. Lo lanciò, facendo cadere gli uomini con il grosso cannone dalla macchina. Ma un altro uomo con una pistola più piccola continuava a sparare. E stava sparando a Cesare.

Buck non ha ucciso cento uomini. In effetti, ne risparmiò uno al comando di Cesare all'inizio della battaglia. Ne scagliò uno oltre il bordo del ponte. Quell'umano probabilmente è morto.

Quello che ha fatto Buck è stato spingere da parte Cesare, proteggendolo con il suo corpo. Poi balzò in aria verso l'elicottero. Verso la pistola. È stato un salto potente.

I proiettili lo colpirono, ma non lo fermarono.

Cesare 3

Illustrazione di Zachary Baldus (Twentieth Century Fox Film Corporation)

Buck fece cadere la macchina. L'uomo con la pistola è morto. Così ha fatto l'uomo che ha fatto volare la macchina. Buck ha ucciso tre uomini.

Ma l'uomo con la pistola ha ucciso Buck. Cesare era con lui mentre esalava il suo ultimo respiro.

C'era un altro umano nell'elicottero che era ancora vivo. Jacobs, l'uomo di Gen-Sys. L'umano Koba odiava più di tutti gli altri, colui che supervisionava la sua tortura. Rimase nella macchina volante mentre traballava sul bordo del ponte. Ho visto Cesare alzarsi accanto al corpo di Buck e avvicinarsi alla macchina. L'uomo implorò il suo aiuto, ma Cesare si allontanò.

Ma non si è limitato a voltare le spalle. Fece un cenno a Koba.

Ha dato il permesso a Koba.

è il libro della giungla un film disney?

E Koba ha spinto l'elicottero e l'uomo giù dal ponte.

Cesare ci ha detto di non uccidere gli umani se potevamo evitarlo. Ma per quest'uomo ha fatto un'eccezione. Posso capire la sua decisione e ha contribuito a suggellare la lealtà di Koba nei suoi confronti. Ma quella lealtà è stata contaminata fin dall'inizio. Koba pensava che lui e Caesar fossero più simili di quanto non fossero in realtà.

Con la sconfitta della macchina volante, la strada per il bosco era sgombra e Cesare ci condusse lì.

Non appena siamo entrati in quegli alberi, ci è sembrato di essere entrati in un mondo diverso. Un luogo lontano dagli uomini. Un posto per le scimmie. Non la foresta dei frutti, ma abbastanza buono.



^