La Mummia

Brendan Fraser in The Mummy: l'eroe d'azione più hot degli anni '90

>

Per quasi 40 anni, l'idea di eroismo di Hollywood è stata definita da Indiana Jones, l'archeologo giramondo con un debole per spaccare una frusta, salvare la ragazza e acquisire gli oggetti più misteriosi di importanza storica. Tutti, da Lara Croft a Nathan Drake a Peter Quill e oltre, possono affermare di essere gli eroici discendenti del Dr. Jones, ma pochi sono riusciti a inchiodare i dettagli di ciò che lo rendeva così attraente. Ci sono molti diabolici furfanti sul grande schermo, ma c'è qualcosa in Harrison Ford che rimane unico in un mare di imitazioni.

Naturalmente, quel personaggio e quel tipo di Ford che sono diventati così famosi per il gioco sono quelli che sono arrivati ​​con molti anni di critiche. Indy è un eroe straordinario e sempre il ragazzo più figo nella stanza in qualsiasi momento, ma è anche un vero idiota, l'alfa che si diverte a guardare le donne svenire ai suoi piedi anche se protesta per la loro presenza nella sua vita. Si può solo portare quel tropo così lontano prima che il pubblico, ma in particolare le donne, inizino a stancarsene. Quindi, come prendi gli aspetti più affascinanti di quel personaggio e lo trasformi in qualcosa di incredibilmente carismatico?

Entra Rick O'Connell.



Mentre il film di Stephen Sommers del 1999 La mummia è apparentemente un remake del classico film sui mostri della Universal del 1931, è più sfacciatamente un omaggio a Indiana Jones e ai vecchi serial d'avventura che hanno ispirato il personaggio in primo luogo. La Universal voleva provare a far rivivere i film di mostri che li hanno resi uno studio iconico durante l'età d'oro di Hollywood, e sapevano La mummia aveva il potenziale per farlo. Sono andati alle più grandi star del tempo quando hanno scelto il ruolo principale: a Tom Cruise è stato offerto il ruolo, così come Brad Pitt, Matt Damon e Ben Affleck. Naturalmente, tutti hanno rifiutato, ed è arrivato Brendan Fraser.

La mummia proiettili gif

Credito: Giphy

ll bel film di j squalo
Alla fine degli anni '90, Brendan Fraser aveva costruito una solida filmografia che poneva il suo personaggio sullo schermo a metà tra Jim Carrey ed Errol Flynn. In film come Giorgio della giungla e Un tuffo nel passato , ha bilanciato il fascino innocente con la spavalderia slapstick, rivelandosi un comico fisico dotato e il tipo di protagonista affascinante che era, per dirla senza mezzi termini, fatto su misura per lo sguardo femminile. C'erano film più seri nel suo catalogo, come Dei e mostri e La passione di mezzogiorno oscuro , ma il Fraser che la maggior parte del pubblico ha visto è stato uno che ti ha incantato a morte a metà strada.

In questo senso, è perfettamente interpretato come Rick O'Connell, il ladro americano che guida la bibliotecaria Evie Carnahan e suo fratello ubriaco Jonathan attraverso il deserto egiziano fino alla mitica città perduta di Hamunaptra. O'Connell è un eroe uscito da un'epopea spavalda degli anni '30, solo senza la misoginia dilagante. Potrebbe essere il protagonista di questa storia e il nome di Fraser il più importante sul poster, ma entrambi sono consapevoli che il vero eroe di La mummia è Evie, interpretata da Rachel Weisz. Certo, Rick salva Evie di tanto in tanto, ma questi non sono atti di pomposa cavalleria, e lei è chiaramente il cervello dell'operazione. Quando Evie descrive con entusiasmo ciò che accade durante la mummificazione, O'Connell ascolta con entusiasmo e nausea, il suo interesse per Evie evidente in tutto, anche quando lei stessa non se ne accorge.

Una caratteristica chiave di O'Connell che gli impedisce di essere l'ennesimo pavone impettito che lo posa sul tavolo per una gara di misurazione è la sua sfacciata goffaggine. È fondamentalmente un personaggio dei fumetti, che salva la situazione ma lo fa sempre con questo sguardo perplesso sul viso come se non riuscisse a capire come diavolo ci sia arrivato in primo luogo. Questo è qualcosa di cui Harrison Ford ha sempre beneficiato nei suoi migliori ruoli da eroe. Tutti sono pronti a dimenticare quanto sia un cretino Han Solo, e Indiana Jones, nonostante la sua natura presuntuosa, è ancora un professore scemo il cui abbigliamento da lavoro consiste in un papillon. Rick O'Connell corre come Phoebe da Gli amici e, quando si trova di fronte a una mummia non morta urlante che ha intenzione di consumare la terra, risponde urlando. Non sembra mai al di sopra di tutto o perplesso dal puro caos di ciò che sta accadendo. Questo è un ragazzo il cui panico da cartone animato sembra più realistico per la situazione di cento stoici tizi alfa armati di pistole giganti.

L'urlo della mamma

Credito: Giphy

Ciò che rende Rick O'Connell un'azione così attraente e un eroe romantico è l'equilibrio tra la fantasia di essere travolto da un bell'uomo e la stupidità sfrenata di scappare dai non morti mentre si raccontano battute. Questo non è un uomo ossessionato dal mostrare quanto sia mascolino agli altri tizi che si flettono nella stanza, e non vede il suo interesse amoroso come un premio. È solo una donna affascinante, intelligente e bella da cui è affascinato ed è felice di essere al suo fianco, qualcosa che viene enfatizzato ulteriormente nel seguito, Il ritorno della mummia . Lei è il cervello e Rick è fin troppo felice di essere il muscolo sciocco. Passa dall'essere il protagonista a metà di una solida partnership, una relazione impegnata che abbraccia tre film (facciamo finta che Evie non sia mai stata fusa nel terzo).

Ora viviamo nell'era Marvel e quell'archetipo eroico Brendan Fraser incarnato così bene negli anni '90 sembra un luogo comune nei blockbuster di oggi. Star-Lord potrebbe pensare di essere Indiana Jones, ma è decisamente più Rick O'Connell, e Thor: Ragnarok si sente come un diretto discendente di quell'era Fraser. Il pubblico è annoiato da quell'eroe alfa retrogrado e desidera ardentemente qualcosa per bucare quella serietà. A questo proposito, Rick O'Connell si sente così in anticipo sui tempi.

Dopo alcuni anni difficili, tra cui infortuni, depressione e presunta violenza sessuale, Brendan Fraser è tornato alla ribalta in una serie di ruoli televisivi, tra cui la voce di Robotman nella serie DC Universe Pattuglia del destino . Rivederlo al cinema e in televisione è un delizioso promemoria di quale presenza sullo schermo rinfrescante e del tutto attraente continua ad essere. Tuttavia, è Rick O'Connell a cui torniamo, e per una buona ragione. Molti potrebbero aver provato, ma nessuno potrebbe batterlo come il nostro eroe d'azione più sexy degli anni '90.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.




^