Frank Herbert

Libro contro Flick: Dune

>

Duna è rinomato per essere il romanzo di fantascienza più venduto di tutti i tempi, così come un film di David Lynch del 1984 che è esploso al botteghino ma è diventato un film di culto nei decenni successivi. L'autore Frank Herbert ha avuto l'idea per questo, il suo lavoro più noto, durante la ricerca di un articolo sulle dune di sabbia. Rimase affascinato dall'idea di dune che potessero inghiottire intere città.

Mentre l'articolo non doveva mai vedere la luce del giorno, i suoi appunti sono rimasti e il concetto è cresciuto in Duna . Conosciuta come una delle strane storie di successo della letteratura, è stata rifiutata da venti editori e poi stampata da un editore di manuali automobilistici. Ha continuato a vincere i premi Nebula e Hugo per il miglior romanzo di fantascienza dell'anno ed è diventato uno dei libri più famosi che siano mai stati stampati al di fuori del genere.

duna

La storia dietro Duna è complicato, e riguarda più le intersezioni dell'umanità e il modo in cui la nostra politica ci influenza a livello personale più di ogni altra cosa. L'ambientazione attraverso la quale vengono fatte queste osservazioni, tuttavia, è pura fantascienza classica. La storia segue la famiglia Atreides, a cui viene dato il controllo del pianeta desertico Arrakis dall'imperatore Shaddam. Shaddam non ama il patriarca della famiglia Atreides, Leto, e progetta di offrirgli un pianeta molto ambito e pericoloso per garantire la distruzione della famiglia di Leto e la loro popolarità. L'amante di Leto, Jessica, dà alla luce un bambino di nome Paul, nonostante sia stata istruita da una misteriosa sorellanza nota come Bene Gesserit di produrre invece una bambina.



Arrakis è il pianeta su cui si trova la droga nota come spezia, molto ambita in quanto induce uno stato mentale potenziato. Il libro per lo più rinuncia alla tecnologia futuristica comune nella fantascienza, immaginando un futuro in cui le persone sono più interessate a diventare più consapevoli e a sviluppare le loro menti piuttosto che a dipendere dai computer. Su Arrakis, i Fremen, un analogo vagamente velato per gli arabi, tengono una profezia messianica secondo cui un giorno un uomo solitario verrà ad aiutarli a sollevarsi e a superare la loro oppressione. Questo porta a un sacco di tropi del salvatore bianco piuttosto discutibili per Paul, che si rivela essere quel messia.

Alla fine, Paul ingerisce l'Acqua della Vita, che si dice uccida gli uomini e sia potabile solo per le donne. Cade incosciente per settimane, ma, quando si sveglia, scopre che ora esiste in una consapevolezza permanentemente accresciuta. Sua sorella Alia uccide un criminale persistente noto come il barone, e Paul arriva alla base dell'imperatore con l'esercito dei Fremen, cavalcando i vermi della sabbia giganti nativi di Arrakis. Minaccia di distruggere la spezia se l'imperatore non rinuncia al suo potere, e finisce in uno scontro a fuoco con il nipote del barone Feyd, che ha la meglio. L'imperatore rinuncia con riluttanza alla sua posizione. Questa presunta vittoria non è il lieto fine che si suppone sia, tuttavia, poiché si rende conto che i Fremen ora sono troppo forti nella loro fede in lui come il loro messia. La storia continua nei libri successivi, ma questa è la fine della serie che è stata raccolta come il primo libro di Dune.

Mentre il libro e il film seguono più o meno la stessa trama, c'è stato un cambio di personaggio specifico. Il barone malvagio del libro è una caricatura omofoba; mentre nel film è solo un idiota, il libro lo ritrae come un pedofilo. In altri media degli anni '60, implicare una connessione intrinseca tra queerness e pedofilia era solo uno dei tanti strumenti usati per denigrare e criminalizzare l'omosessualità. La pedofilia è indiscutibilmente criminale, ma il tropo del malvagio gay che brama i ragazzini è ben presente in tutto Duna . Le convinzioni personali di Herbert includevano la convinzione che l'omosessualità fosse intrinsecamente criminale e che comportasse la distruzione o la caduta di tutte le grandi civiltà nel corso della storia. Quindi, anche per un cattivo, il Barone è difficile da leggere.

Nel film, c'è più enfasi sulla sua ripugnanza fisica. Il grasso come indicatore di immoralità è anche un preoccupante cliché che affligge sia il libro che il film. Sarebbe ingiusto chiamare Duna fuori come interamente responsabile di questi tropi offensivi che erano e sono ampiamente utilizzati, ma anche se Herbert non ha inventato questi temi, sono molto presenti e possono servire a sminuire il godimento del libro. Allo stesso modo, mentre la madre di Paul, Lady Jessica, è incredibilmente fantastica, c'è ancora il fatto che suo figlio Paul, quindicenne, la mostra completamente in termini di abilità, e la storia dipende da un personaggio maschile adolescente incompreso che si scopre essere un profeta simile a un dio che entra in un clan di donne e fa cose che loro stesse non potrebbero mai ottenere. Mentre Duna è una lettura divertente e affascinante, e fornisce molti punti interessanti sulle intersezioni tra politica ed ecologia, molti dei temi caratteristici più preoccupanti della fantascienza degli anni '60 sono molto presenti in tutto.

dune-1984-08-g.jpg

Nel frattempo, anche come sostenitore dei media stroncati, è difficile stare dalla parte di David Lynch Duna . Tanto per cominciare, lo stesso Lynch no. Preferisce non discutere del film nelle interviste, arrivando addirittura a sconfessarlo, apparendo persino come il famoso pseudonimo di regista Alan Smithee in alcuni tagli. C'è stato qualche commento che Duna è il risultato di un regista che non aveva interesse per la fantascienza che si è iscritto per fare un film di fantascienza, ma il fatto è che sfortunatamente fallisce anche come film d'essai. Anche i punti di forza generali di Lynch mancano completamente nel film, anche se i punti deboli sono in primo piano: trama difficile da capire, inquadrature inutilmente oscure, dialoghi mormorii. In breve, è un film in cui entri davvero con la voglia di amare, anche se solo come un artefatto culturale, ma quelle grandi speranze alla fine sono deluse per molti membri del pubblico dopo due ore di scelte di montaggio molto strane e un film che diventa un po' troppo coinvolto nei dettagli più banali del romanzo su cui si basa.

In genere, è un buon segno per un regista aderire al romanzo che sta adattando, ma Lynch cerca di prendere troppo della trama per un film di due ore. Se non hai letto il libro, la storia ti sembrerà incomprensibile. Anche una lunga spiegazione all'inizio del film della principessa Irulan risulta inutilmente prolissa e vaga al punto da far deragliare quasi del tutto il suo stesso scopo. Sebbene descrittivo, non c'è contesto per quello che sta dicendo o di chi lo sta dicendo.

Uno degli elementi positivi del Duna film è che la teoria della scienza è piuttosto affascinante, ma anche quella è un'arma a doppio taglio. Lynch introduce pistole a raggi che sono alimentate da voci umane, ma a scapito della Weirding Way nel libro, che era una versione delle arti marziali che si basava sul pensiero precognitivo. In questo Herbert era interessato a costruire un mondo che rinunciasse alla tecnologia, quindi anche il tipo di idee fantascientifiche ingegnose della versione di Lynch ha sfregato molti fan del libro nel modo sbagliato.

Nel libro, c'era un focus sullo spostamento tra i pensieri interiori di diversi personaggi, ma è stato usato con buoni risultati, raccontandoci le motivazioni più profonde per più persone in ogni incontro. Ciò ha contribuito a costruire la storia e a chiarire i punti sull'umanità e la politica che Herbert era interessato a fare. Nel film, dove questo approccio avrebbe potuto essere utilizzato per un effetto ancora maggiore, finisce per fallire. Non c'è quasi nessuna ragione distinguibile per l'approccio, impariamo molto poco dai monologhi interiori dei personaggi, e le scene sono girate esattamente come si girerebbe una scena di dialogo standard, escludendo le straordinarie code visive che potrebbero essere state utilizzate da un più direttore interessato.

Duna ha davvero un cast stellato. È quasi straziante vedere talenti come Patrick Stewart, Virginia Madsen e Sean Young sprecare tutto in un film. Una giovanissima Alicia Witt appare come la sorella minore di Paul, Alia, e quasi ruba l'intero film con la sua genuina inquietudine, anche se appare sullo schermo solo per un breve periodo. Anche i set sono lussureggianti e stravaganti, ma nel complesso sprecati. C'è una grande quantità di dettagli meticolosi e pensiero nello scenario, solo per il film che mostra molto poco dei set su cui ha speso gran parte del suo budget a favore di concentrare gran parte della storia su Arrakis. Sting, nel ruolo del nipote del barone Feyd, è per lo più lì a uscire. La resa dei conti finale tra Paul e Feyd è breve e anticlimatica, il che è deludente. Feyd è un cattivo sottosviluppato e avrebbe potuto essere usato per un effetto maggiore, in particolare come interpretato da Sting con gli occhi selvaggi e i capelli a punta, che potrebbe non essere stato un grande attore ma sicuramente entusiasta.

Dune-1984

Il finale è strano e non rappresenta particolarmente il dettaglio ecologico che entra nel romanzo. Dopo che Paul ne esce vittorioso, alza le braccia e fa piovere su Arrakis. Sebbene questo sia un finale simbolico, non affronta il fatto che un tale gesto causerebbe una totale devastazione ecologica su un pianeta desertico la cui popolazione consiste principalmente di vermi della sabbia. Duna non è l'unico ad essere un film di fantascienza degli anni '80 con un bizzarro fraintendimento del suo punto finale, ma lascia il pubblico a chiedersi perché un'altra tattica altrettanto simbolica ma più logica avrebbe potuto essere usata per trasmettere lo stesso messaggio. stranamente, Duna è un film in cui il tropo del salvatore bianco chiude davvero il cerchio nel fatto che il salvatore in questione porta un disastro catastrofico su coloro che salva.

In un'intervista con Herbert nel 1979, ha dichiarato: 'La linea di fondo del Duna trilogia è: attenti agli eroi. Questo è un buon punto, e regge quando leggi il libro o guardi il film. Sebbene Paul abbia uno status più forte come eroe nel film, il suo successo nel libro o nel film serve più come un avvertimento che come una vittoria. È implicito che i trionfi temporanei del primo libro saranno i primi passi su una strada più lunga verso la rovina, e che le persone oppresse che afferma di aver salvato alla fine si rivolteranno anche contro di lui quando diventerà ciò contro cui una volta ha combattuto. Nella sua complessità, sia il film che il libro sono classici del genere fantascientifico e, sebbene ci siano molti ostacoli lungo il percorso, riescono comunque a trasmettere le intenzioni iniziali dell'autore. di David Lynch Duna potrebbe non essere la definizione di un buon film, ma è comunque stranamente importante a modo suo.



^