Film Dell'orrore

Libro contro Flick: American Psycho

>

Il libro e le versioni cinematografiche di psicopatico americano hanno una cosa in comune, ed è la controversia che li circonda. Il libro è stato bandito in più paesi al momento della sua uscita e denigrato quasi universalmente dai gruppi femministi dei primi anni '90. Nel frattempo, l'eventuale versione cinematografica è stata subito oggetto di proteste. Evitando pericolosamente una valutazione NC-17 per tutta la sua produzione, è una sorpresa che così tanto del romanzo sia arrivato nell'adattamento finale.

Eppure, il film è stato effettivamente realizzato, ed è diventato ugualmente famigerato (se non di più) del libro su cui era basato. Tuttavia, il film ha aggiunto livelli di interesse per il commento femminista in quanto è stato diretto e scritto da donne, e sono anche le donne che hanno insistito sul fatto che merita di essere considerato un lavoro femminista. Citato da alcuni come uno dei più grandi film horror di tutti i tempi, psicopatico americano , come un libro o un film, è uno studio sul paradosso.

ap1 copia

Credito: Marshall Arisman



Il protagonista di psicopatico americano è Patrick Bateman, un ricco banchiere di investimenti durante il boom finanziario degli anni '80. È fidanzato con una donna di nome Evelyn per la quale non ha altro che un profondo risentimento e che usa come cuscinetto sociale. Spesso socializzano tra celebrità e altri giovani yuppie benestanti a New York. Apparentemente godendo solo di piccoli dettagli come i caratteri sui suoi biglietti da visita e i classici pop generici dell'epoca, Bateman fa una figura antipatica anche prima di scoprire che uccide brutalmente le donne nel suo tempo libero. Non riuscendo a differenziare gli esseri umani reali da altri beni progettati per il suo consumo, Bateman inizia in un luogo di disperazione e diventa sempre più depravato man mano che il libro va avanti, uccidendo un collega perché gli somigliava troppo e passando allo stupro e alla tortura delle donne lui prende di mira. Quando Bateman tenta di confessare i suoi crimini in vari punti del romanzo, nessuno gli crede o lo prende sul serio. Preso in una spirale discendente apparentemente infinita, il romanzo si conclude con lui seduto a un tavolo e fissando un cartello in un ristorante che recita QUESTA NON E' UN'USCITA .

cosa è successo a sif in thor?

La versione in libro del racconto è stata pubblicata nel 1991 e scritta da Bret Easton Ellis, che sarebbe stato inondato di minacce di morte e lettere di odio dopo la sua pubblicazione, e che da allora è diventato comprensibilmente sempre meno interessato a rivisitare l'argomento del romanzo. L'infamia del titolo ha portato a gran parte della fama di Ellis, ma ha anche portato a una grande quantità di critiche rivolte a lui nel corso della sua carriera. Ha notato che 'viveva come Patrick Bateman'. Stavo scivolando in un tipo di vuoto consumistico che avrebbe dovuto darmi fiducia e farmi sentire bene con me stesso, ma mi faceva solo sentire sempre peggio e peggio con me stesso. Ecco dove la tensione di psicopatico americano venire da.' Studiando omicidi viscerali e serial killer presso la biblioteca pubblica durante il suo processo di scrittura, Ellis ha scritto il libro personalmente, dal punto di vista di Bateman, quindi ha aggiunto i raccapriccianti omicidi mentre il romanzo si avvicinava al completamento.

Il coronamento di psicopatico americano sono le sue sequenze cupamente divertenti, spesso brillanti tra l'irrimediabilmente alienato Bateman e le persone intorno a lui che non riescono a percepire il suo malizioso disprezzo per loro. In effetti, gran parte di questo dialogo è rimasto intatto per la versione cinematografica, così come i dettagli meticolosi della sua bellezza e del regime di allenamento. Uno dei punti di forza del film è, dopo tutto, la sua dedizione al materiale originale, anche se l'atmosfera generale è stata modificata. La ripetizione del romanzo e le compulsioni di Bateman possono essere provanti, ma servono anche a creare un ritratto più completo del mondo vuoto in cui vive, che diventa colorato ai suoi occhi solo quando schizzato di sangue.

Per quanto sia stato condannato, molti critici letterari hanno ritenuto psicopatico americano un classico postmoderno. Tuttavia, è senza dubbio difficile da leggere, anche per i fan dell'horror di lunga data. Anche nel mondo relativamente stanco di oggi, le scene di violenza contro donne ignare sono nauseanti e orribili. Mentre questo è il punto, non è facile analizzare emotivamente per il lettore. Non dovrebbe esserlo, ma nel suo orrore, a volte riesce un po' troppo bene. Le pagine sono assolutamente grondanti del disprezzo di Bateman per l'umanità. La sua omofobia nei confronti di Luis è sconvolgente e il suo disgusto generale per i poveri è particolarmente osceno. La sua repulsione verso i suoi colleghi altrettanto difficili da apprezzare è comprensibile, ma irritante.

Allo stesso modo odioso è l'instabilità della prospettiva della storia. Narratori inaffidabili e narrazione sciolta hanno prodotto delle grandi opere, ma nel caso di Americano sico, a volte rende ancora più estenuante la lettura. Alcune delle immagini suggerite nelle allucinazioni di Bateman sono provocatorie, come il momento in cui scopre un osso di pollo all'interno del suo gelato, ma in contrasto con l'inesorabile orrore dei crimini di Bateman, queste sequenze oniriche si presentano come meandri essenzialmente privi di significato. C'è qualcosa da dire per il commento complessivo, in cui un uomo sempre più disperato e ripugnante porta la cultura del consumo a estremi indicibilmente violenti. Come ora sappiamo, l'alienazione degli uomini bianchi etero dalla società in cui sono così predominanti nella creazione è degna di discussione, ma la mancanza di autocoscienza per il suo scopo più grande alla fine impedisce al romanzo di realizzarsi. Alla fine, il valore del romanzo nel grande mondo della letteratura è soggettivo, ma non è una lettura facile da parte di nessuno sforzo di immaginazione.

Molto prima che fosse mai firmata per dirigere psicopatico americano , la regista Mary Harron ha avuto una carriera affascinante. È stata tra i primissimi collaboratori per l'ormai famigerato PUNK Magazine, che è stato molto influente nel promuovere una scena che alla fine ci ha dato band come Blondie, The Talking Heads e The Ramones. Ciò ha portato al suo lavoro come critica di diversi mezzi per varie pubblicazioni nel corso degli anni prima di spostare leggermente la sua attenzione sul cinema, scrivere e dirigere documentari per la BBC. Il suo primo film aveva sposato il suo interesse per il giornalismo con un interesse in erba per la finzione creando un film biografico su Valerie Solanas, Ho sparato ad Andy Warhol, che ha sbalordito e incuriosito il pubblico offrendo una visione sorprendentemente comprensiva se non esattamente glorificante della donna che aveva effettivamente tentato di assassinare Andy Warhol, un evento che ha innescato il suo graduale declino della salute e si è concluso con la sua morte.

Subito dopo l'annuncio delle riprese, il film è stato oggetto di proteste. Condannato da molte femministe, tra cui Gloria Steinem, come intrinsecamente misogina, l'assunzione di Harron e della sceneggiatrice Guinevere Turner ha fatto poco per frenare la protesta. È vero che gran parte della violenza del libro è intatta nel film, ma è significativamente ridotta rispetto alla violenza quasi ronzante del materiale originale. Indipendentemente dall'intento del creatore, la storia è brutale e non c'è modo di rimuovere la totale depravazione di Bateman da essa. La cattiveria del suo personaggio è davvero centrale nella trama in un modo da cui è impossibile disconnettersi.

ap2

Credito: Porta dei Leoni

Mentre sia Turner che Harron hanno sostenuto psicopatico americano come un film femminista , e hanno espresso una grande comprensione anche per il materiale di partenza, le preoccupazioni contro Ellis come scrittore misogino sono più difficili da respingere. Il libro è infatti pieno di scene di tortura grafica delle donne, ma come molti film horror sanno bene, ciò non indica sempre la misoginia da parte del creatore. Nella valutazione di Turner, Ellis era rimasto ferito dal fatto che le femministe avessero disprezzato così attivamente il suo lavoro, poiché sentiva di dare una visione critica di come la mascolinità tossica le trattasse come usa e getta. Detto questo, è uno dei tanti scrittori che alla fine sconfessa una versione cinematografica del suo lavoro, suggerendo che psicopatico americano sarebbe stato meglio lasciare un romanzo, pur annotando la sua opinione personale che le donne sono intrinsecamente cattive registe a causa della loro incapacità di vedere le cose attraverso uno sguardo maschile. Naturalmente, questo è offensivo, considerando che tutti coloro che guardano i film sono invariabilmente costretti a vedere le cose attraverso lo sguardo maschile per gran parte della nostra vita a causa della sua travolgente presenza nel film. Nonostante la sua opinione personale sul fatto che il libro non sia filmabile, secondo quanto riferito lui stesso aveva scritto una delle prime potenziali sceneggiature, che a quanto pare si è conclusa con un numero musicale, predicendo stranamente l'eventuale periodo di Broadway di una versione musicale della storia.

Così, il femminismo della versione cinematografica di psicopatico americano è affascinante per molte ragioni, ma nessuna tanto quanto il fatto che sia così apparentemente in contrasto con se stessa. Nelle parole di Roger Ebert, Va bene anche una donna diretta psicopatico americano . Ha trasformato un romanzo sulla sete di sangue in un film sulla vanità degli uomini. Un regista maschio avrebbe potuto pensare che Patrick Bateman, l'eroe di psicopatico americano , era un serial killer a causa di colpi di scena psicologici, ma Mary Harron lo vede come un ragazzo in preda alle solite pulsioni e compulsioni maschili. Si comporta solo un po' di più.

quando inizia il nuovo morto che cammina?

In molti modi, Harron era semplicemente la persona migliore per il lavoro, ed è difficile immaginare una versione cinematografica di uno qualsiasi degli altri registi proposti che raggiunga le vette della versione finita come esiste oggi. Essendo apparso nella scena punk della New York della fine degli anni '70, Harron aveva una visione interessante della cultura del consumo mentre si sviluppava negli anni '80. Allo stesso modo, Turner era più che qualificata per scrivere il film, con la sua intuizione di regista lesbica e indipendente che ha dato una visione specificamente critica degli eccessi degli anni '80. Uno dei cambiamenti più sottili fatti da Turner e Harron è stato che gli omicidi non sono attraverso gli occhi di Patrick Bateman, ma piuttosto le donne che uccide, aggiungendo un tono di simpatia sottostante per loro che potrebbe essere trovato nel materiale di partenza, che si riferiva costantemente a loro come 'la carne.'

Inoltre, è difficile immaginare qualcuno che non sia Christian Bale nel ruolo. I tentativi a cui è andato come attore metodico per conformarsi al suo personaggio sono stati notati da altri membri del cast come particolarmente estremi. Lo stesso Bale ha affermato di basare il personaggio su un'intervista che ha visto una volta con Tom Cruise, osservando quella che vedeva come una completa mancanza di emozioni negli occhi del collega attore. Il comportamento freddo e energico di Bateman, abbinato a un sottostante senso di odio nichilista per il resto dell'umanità, potrebbe non essere stato così incisivo senza l'attenzione specifica di Bale ai dettagli della sceneggiatura e della storia.

Mentre l'autore originale stesso potrebbe aver visto il film come un adattamento indegno, questo scrittore sosterrebbe che questo è un caso raro di un film che supera un romanzo aggiungendo strati a quello che inizialmente era un racconto macabro e difficile da leggere di brutalità implacabile e ossessivo rimaneggiamento delle routine. Ellis è andato in profondità su come il romanzo fosse molto personale e intendesse riflettere i suoi sentimenti di isolamento e le lotte con l'autostima ispirate dalla cultura del consumo, e sebbene ciò sia di per sé interessante, cade in qualche modo piatto quando si tratta di qualsiasi sorta di commento sociale complessivo. D'altra parte, Harron ha un modo di mostrare una visione comprensiva di un personaggio che fa cose mostruose senza mai rifuggire dalle cose che le rendono irredimibili, e lei porta quell'empatia all'estremo nel film. Mentre un altro regista potrebbe aver dato un elemento di eroismo a Bateman, il Bateman di Harron e Turner è patetico e perso. Alla fine, è quello 'sguardo femminile' che ha fatto psicopatico americano uno dei film horror più famigerati degli ultimi vent'anni.

ap4

Credito: Porta dei Leoni



^