Ridley Scott

In Blade Runner, Rutger Hauer ci ha insegnato la natura agrodolce della mortalità

>

«Ho visto cose che voi non credereste... attaccare navi in ​​fiamme al largo di Orione. Ho visto i raggi C brillare nel buio vicino al Tannhäuser Gate. Tutti quei momenti andranno persi nel tempo, come... lacrime sotto la pioggia. Tempo di morire.'

canzone razzista del sud

Sembra una serendipità terrificante che il grande È morto il caratterista olandese Rutger Hauer lo stesso anno del suo personaggio più famoso, Roy Batty. Star del palcoscenico e dello schermo, Hauer si è fatto un nome come figure barocche e intense in film di genere come Ladyhawke , Furia Cieca, e l'autostoppista . È stato Buffy l'ammazzavampiri il primo vero cattivo nel film originale del 1992 e si è appoggiato duramente al suo culto in buona fede con l'omaggio grindhouse Hobo con un fucile . Ma nessun ruolo ha mai illustrato la storia d'amore byronesiana del suo lavoro di attore come Batty, un replicante che cerca disperatamente di spremere più tempo dalla sua esistenza nella fantasia onirica cyberpunk di Ridley Scott. Blade Runner .

Lancia un sasso su Facebook o Twitter nelle ore successive alla morte di Hauer e troverai una mezza dozzina di post RIP che citano il monologo di cui sopra, le ultime parole di Batty prima della sua morte su un tetto piovoso a Rick Deckard, il corridore stanco di Harrison Ford. È per una buona ragione; non è solo uno dei momenti più iconici dell'attore come attore, è uno dei monologhi più apprezzati nella storia del cinema.



Per molti appassionati di fantascienza, specialmente quelli (come me) che hanno visto Blade Runner in giovane età, l'intero percorso del personaggio di Batty ci ha permesso di elaborare la morte in un modo che non avremmo mai potuto fare prima. Ora, dato uno sguardo più da vicino, Batty ci fornisce un quadro con cui affrontare la morte di Hauer.

Anche prima del suo iconico discorso 'lacrime sotto la pioggia', Batty trascorre l'intero film infuriandosi contro la morte della luce. Un replicante, un essere artificiale creato per eseguire lavori pesanti ea cui sono stati dati solo quattro anni di vita, Batty è stato condannato a una vita di angoscia e servitù fuori dal mondo. Ora, dopo essersi trasferito sulla Terra, vede la possibilità di incontrare il suo creatore e ottenere, mentre ringhia a Elden Tyrell, 'più vita, ca**o'. (In alcune versioni, questo è soprannominato 'padre'; ogni appello porta rispettivamente la rabbia e la paura che accompagnano tale terrore esistenziale.)

Rutger Hauer in Blade Runner

Credito: Sunset Boulevard/Corbis via Getty Images

2 uomini e un bambino

La battaglia di Batty contro la morte è quella che abbiamo vissuto tutti; come esseri mortali, siamo costantemente in preda a una paura paralizzante della nostra imminente scomparsa. Se ti sei mai svegliato di soprassalto all'una del mattino, con il tuo cervello che ti ha appena ricordato che un giorno morirai, sei stato nei panni di Batty. Quella risposta di lotta o fuga, il respiro pesante, la necessità di alzarsi e camminare o distrarsi, si riflette tutto nell'agenda risoluta di Batty per guadagnare solo un altro momento su questa terra con ogni mezzo necessario. In questo stato d'animo, farai qualsiasi cosa per sopravvivere, per vivere più a lungo.

La frustrazione di Batty con il suo creatore echeggia la nostra frustrazione con la nostra: perché, se la vita è così dolce, deve finire? Immagina di andare dal tuo creatore, comunque lo immagini, e di sentire da loro che anche tu devi morire. Che ti hanno progettato per esistere solo per un breve periodo. Potresti scagliarti come fa Roy: uccide Tyrell nel modo più intimo, schiacciandogli gli occhi e il cranio dopo avergli piantato un bacio amorevole e familiare sulle sue labbra. Il viso di Hauer in quel momento è un arazzo di tormento esistenziale, tutto denti stretti e occhi selvaggi. È infuriato, ma anche con il cuore spezzato per l'atto di violenza edipica che è costretto a compiere.

Come replicante, è nato schiavo, con una candela troppo corta da bruciare per lasciare un'eredità duratura. Batty non ha nulla da lasciare indietro; anche i suoi amici replicanti non vivranno molto più a lungo di lui, anche se Deckard non li ha 'ritirati'. Non può controllare il suo destino, e nessun numero di minacce a Tyrell può cambiare il fatto che è stato creato così come potevano farlo. 'Ma non per durare.' In uno dei pezzi finali del film, un gioco diabolicamente infantile del gatto col topo attraverso un complesso di appartamenti in rovina tra lui e Deckard, Batty alla fine fa la scelta di risparmiare la vita di Deckard.

crisi lampo su terre infinite

Forse lo scopo della sua caccia con Deckard è ricordare all'altro uomo il valore della vita. (Il taglio teatrale mette in risalto questo con la voce fuori campo di Ford: 'Non so perché mi ha lasciato vivere. Forse in quegli ultimi momenti, ha amato la vita più di quanto abbia mai avuto. Non solo la sua vita. La vita di chiunque . La mia vita.')

Il che ci porta all'iconico monologo, in cui Batty si rassegna al suo destino mentre uno stordito Deckard osserva impotente. È risaputo che Hauer ha svolto un ruolo importante nella riscrittura di questo discorso, tagliando e alterando le parole originali dello sceneggiatore David Peoples (che Hauer considerava 'discorso d'opera') per dargli il senso più grandioso della poesia di cui gode attualmente. Nella sua forma finale, è una bellissima elegia, una celebrazione delle 'cose ​​che ha visto' nella sua troppo breve esistenza. Le immagini che ricorda, di 'navi d'attacco in fiamme' e armi laser futuristiche che illuminano l'oscurità dello spazio, implicano una vita di stenti e violenza.

Eppure, c'è della bellezza nel caos, una nobiltà concessa a un uomo a cui sono stati dati poco tranne i suoi ricordi a cui aggrapparsi. Dopotutto, cos'è la vita se non una raccolta dei nostri ricordi? E quando moriamo, quei momenti sono persi, 'come lacrime sotto la pioggia'. Tutto ciò che è unico in noi è sparito, non può più essere ricordato o tramandato. La morte non prende solo la vita di un individuo, ma le esperienze collettive che tutti condividiamo.

In sole cinque semplici righe, Batty (e Hauer) riescono a racchiudere la tragedia agrodolce della morte e il nostro rapporto sempre complicato con essa. Anche prima di morire, Hauer era inesorabilmente legato a Batty, garantendo a milioni di fan e spettatori di fantascienza un nuovo vocabolario per esprimere i nostri sentimenti verso il 'pensionamento' che un giorno sta arrivando per tutti noi. Sulla scia della morte di Hauer, Batty (insieme al resto del suo tremendo lavoro) diventa un modo cruciale per noi di affrontare il nostro senso di perdita, piangendo un attore che molti di noi hanno a cuore. Come dice Tyrell a Batty, 'la luce che brucia due volte più luminosa brucia la metà del tempo'.

La luce di Hauer bruciava davvero molto, molto intensamente.



^