Le Cronache Di Natale

I migliori, peggiori e strani film di Babbo Natale

>

È il periodo più bello dell'anno. Con l'arrivo delle notti buie, i viaggi per lo shopping si fanno più frenetici e le persone iniziano a sognare un bianco Natale (o a chiedere il contrario, a seconda di dove vivi), non c'è momento migliore per divertirsi con un accogliente intrattenimento stagionale. Ognuno ha i suoi film di Natale preferiti e tutti amano discutere degli stessi argomenti su ciò che conta come un film di Natale (sì, Il duro è un film di Natale, anche se chiama Brasile qualcuno potrebbe spingerlo). Ma è difficile sostenere che i film con Babbo Natale non soddisfano le specifiche dei film di Natale. È il suo grande giorno, dopotutto.

La figura conosciuta come Babbo Natale può essere vista in varie culture del mondo. Anche se non tutti i paesi hanno l'uomo barbuto in rosso che consegna regali, l'immagine di colui che agisce come dispensatore di doni e decisore della moralità dei bambini non è una novità. Basta dare un'occhiata alla follia dei Krampus o all'immagine estremamente scomoda di Zwarf Piet. L'immagine moderna che abbiamo di Santa può essere trovata nelle tradizioni di San Nicola, un vescovo cristiano della Grecia del IV secolo che era il santo patrono di marinai, mercanti, bambini, birrai e molte altre cose. Sebbene si sappia poco di lui, la sua abitudine di fare regali è stata ben segnalata e offre una connessione più diretta con la figura che conosciamo come Babbo Natale.

La figura di Babbo Natale è dal folklore inglese ed è più riconoscibile come quello che consideriamo il vero Babbo Natale: grande barba bianca, vestito rosso, allegria generale. Ma anche lui non è stato visto come una figura paterna per i bambini fino all'età vittoriana poiché è stato originariamente appropriato come simbolo della tradizione realista di fronte ai puritani del 17° secolo che hanno vietato il Natale. La figura olandese di Sinterklaas ha contribuito a consolidare la nostra immagine di Babbo Natale, una figura basata su San Nicola (e quella con i servi in ​​faccia nera). Il fumettista politico americano Thomas Nast è spesso accreditato come l'uomo che ha unito insieme queste figure vagamente collegate per creare l'immagine moderna di Babbo Natale, e dal 19° secolo, ciò che pensiamo come icona del Natale non è cambiato molto. È allegro, veste di rosso, è corpulento e barbuto, vive al Polo Nord con i suoi elfi e le sue renne, e ride con un allegro 'ho ho ho'.



Per questo motivo, è raro vedere la cultura pop legata a Babbo Natale scherzare con quell'immagine. La sua estetica è troppo iconica per essere reimmaginata. In effetti, uno dei primi film mai realizzati che è ancora disponibile per la visione oggi riguarda Babbo Natale, e il suo aspetto è quasi identico a quello che vediamo nei film del 2018. Questo non vuol dire che non abbia un cambiamento di personalità ora e poi. Babbo Natale è un personaggio intrinsecamente buono con un messaggio semplice e i narratori amano renderlo più oscuro, più strano o semplicemente più cattivo. Jonathan Meath , un produttore che ha fatto carriera diventando un Babbo Natale professionista, ha spiegato la purezza della figura e il motivo per cui ha avuto una tale influenza. 'Babbo Natale è davvero l'unica icona culturale che abbiamo che è maschio, non porta una pistola ed è tutta una questione di pace, gioia, dare e prendersi cura delle altre persone. Fa parte della magia per me, specialmente in una cultura in cui siamo diventati così commercializzati e agganciati alle icone fabbricate. Babbo Natale è molto più organico, integrale, connesso al passato e quindi connesso al futuro.'

Per prepararvi all'allegria festiva, diamo un'occhiata ad alcuni dei migliori, peggiori e strani film di Babbo Natale e rappresentazioni dello stesso San Nick. Questo elenco non è affatto completo, quindi per favore condividi i tuoi preferiti che potremmo aver perso nei commenti.

BUONA: Miracolo sulla 34a strada

Qualsiasi film di Natale che viene fornito con il sigillo di approvazione dello stesso Pope of Trash, John Waters, va bene nel nostro libro. Originariamente intitolato È meglio che stai attento , il regista Lewis Jackson ha deciso di prendere la trama della canzone Ho visto la mamma baciare Babbo Natale e portarlo alla sua conclusione logica psicotica. Il film segue Harry, un operaio di basso livello in una fabbrica di giocattoli che, dopo aver visto sua madre fare i capricci con Babbo Natale (non rendendosi conto che era suo padre), diventa ossessionato dall'idea di riportare la purezza nelle festività natalizie. Solo lui può essere l'unico vero Babbo Natale, non avvelenato dal mercantilismo o da strani sogni sessuali. Per un film che è apparentemente l'ennesimo slasher di Babbo Natale (anche questo è stato brevemente bandito nel Regno Unito in seguito alla repressione dei video slasher), il male di natale ha un'attenzione sorprendentemente acuta sulle principali questioni sociali. La missione omicida di Harry è guidata dall'odio per ciò che è diventato il Natale e dall'urgenza di riportarlo ai suoi obiettivi originali di famiglia, carità e buona volontà per tutti gli uomini. Non solo i cattivi, che inevitabilmente vengono pugnalati agli occhi dai soldatini o soffocati a morte con un sacco di regali. Non c'è da meravigliarsi che John Waters lo ami così tanto.



^