La Leggenda Di Korra

La parte migliore di Avatar: The Last Airbender erano i suoi cattivi

>

quando Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria presentata in anteprima 15 anni fa, nessuno avrebbe potuto prevedere che la serie animata sarebbe diventata uno dei più grandi esperimenti di narrazione epica fantasy che la TV abbia mai visto. Lo spettacolo ha avuto un vasta e ricca mitologia , uno stile visivo unico che ha preso in prestito dall'arte e dai miti dell'Asia orientale e una storia che ha esplorato temi complessi come la guerra, il genocidio, l'imperialismo e ancora più questioni filosofiche sul destino e il destino, il tutto pur offrendo un tono accessibile ai bambini. Quattro anni dopo la fine dello spettacolo, il suo sequel, La leggenda di Korra , ha raddoppiato i temi per adulti e ha ulteriormente offuscato il confine tra l'animazione per adulti e quella per bambini.

I personaggi principali erano sia simpatici che riconoscibili: quale ragazzo non poteva vedersi in Aang, un ragazzo che ha scelto di scappare ed essere intrappolato nel ghiaccio per 100 anni invece di affrontare le responsabilità? Ma più dei loro eroi, la forza di entrambi Avatar mostra bugie nei loro cattivi. Gli antagonisti erano diversi come le persone delle quattro nazioni, ed erano altrettanto complessi e sfumati degli stessi eroi.

Zuko e Katara in Avatar the Last Airbender

Credito: Nickelodeon



L'ULTIMO DOMINATORE DELL'ARIA ERA SULL'EMPATIA

Quando pensi ai cattivi o agli antagonisti in Avatar , il primo nome che viene in mente di solito è il Principe Zuko della Nazione del Fuoco. Sebbene abbia iniziato come l'antagonista principale, una spina nel fianco degli eroi e un maestro del rimuginare, Zuko è diventato lentamente il personaggio più complicato dello show e probabilmente la migliore storia di redenzione in televisione.

scuola americana di stregoneria e magia

I bambini possono amare la storia di Aang che compie il suo destino di Prescelto, ma gli adulti (o i bambini che prestano attenzione) sanno che il cuore di Avatar giace con Zuko. Fu sfrattato dalla sua casa e bruciato in faccia da suo padre all'età di 13 anni, tutto per aver protestato contro un piano che avrebbe sacrificato inutilmente le truppe. Inviato in una missione impossibile, Zuko ha passato anni a cercare l'approvazione del suo deludente padre. Durante lo spettacolo scopriamo di più sulla sua tragica infanzia - sua madre ha assassinato suo nonno per salvargli la vita e poi è scappato per sempre - e sorprendenti ascendenze da duello.

Ma a differenza della maggior parte degli archi di redenzione, quello di Zuko non avviene in un batter d'occhio; non c'era nessuna realizzazione che cambiasse la vita che lo trasformasse istantaneamente dal lato oscuro alla luce. Invece, è un lungo e arduo viaggio pieno di passi falsi ed errori, che rende il momento in cui Zuko abbraccia pienamente il suo lato buono ancora più gratificante. Zuko ha più possibilità di cambiare lato, ma spesso prende la decisione sbagliata, desiderando ancora tornare alla vecchia vita che gli era stata negata.

Harrison Ford è un replicante?

Nella seconda stagione, l'episodio Zuko Alone vede il principe caduto in disgrazia che cerca di compiere buone azioni per una famiglia del Regno della Terra, ma non appena scoprono chi è, lo cacciano, rendendolo incapace di sfuggire alla sua eredità e eredità, e costringendolo a vedere il dolore che la Nazione del Fuoco ha causato al mondo. È quando Zuko inizia finalmente a provare empatia verso le persone che aveva provato rabbia e odio per tutta la sua vita, che ha intrapreso il percorso della redenzione.

Jet

Credito: Nickelodeon

Anche al di là di Zuko, i cattivi minori hanno le loro storie di redenzione Avatar . All'inizio della prima stagione, incontriamo un gruppo di combattenti per la libertà che hanno tutti sofferto terribilmente per mano della Nazione del fuoco, che li ha trasformati in estremisti. Jet, il loro capo, non era al di sopra di commettere omicidi di massa se i sacrifici dovevano garantire il bene più grande. Alla fine, lui e i suoi seguaci iniziano ad allontanarsi da un percorso di guerra, finendo con lui che sacrifica la sua vita per salvare Aang e i suoi amici. Mai e Ty Lee, che erano stati droni senza cervello per la principessa Azula, alla fine la respinsero e aiutarono gli eroi nella battaglia finale.

Nel frattempo, i cattivi a cui non viene mai data una possibilità di redenzione sono quelli che non provano mai empatia per gli altri. Nella terza stagione, incontriamo una vecchia dominatrice dell'acqua che è stata imprigionata dalla Nazione del Fuoco per anni, fino a quando non ha sviluppato la capacità di piegare il sangue per liberarsi. Anche se l'episodio inizia in modo comprensivo per la sua sofferenza - lei appartiene alla stessa tribù di Katara, che ha perso sua madre a causa della Nazione del Fuoco - una volta che ci rendiamo conto che aveva rapito gli abitanti del villaggio della Nazione del Fuoco come punizione, senza riguardo al fatto che fossero vecchi o giovani, innocente o colpevole, lo spettacolo l'ha trasformata in un cattivo completo che ha dovuto essere abbattuto da Katara.

Allo stesso modo, dove a Zuko è stata data una possibilità di redenzione, il resto della sua famiglia non ha mai dimostrato di meritarselo. Azula ha avuto un'infanzia altrettanto difficile di Zuko, con una madre che la considerava un mostro e ha sempre favorito suo fratello, ma Azula non ha mai tentato di dimostrare il contrario, diventando una sociopatica completa e totale.

demolitore tre conchiglie
legend-of-kord_0.jpg

Credito: Nickelodeon

LA LEGGENDA DI KORRA ERA SULLE VISTE DEL MONDO

quando La leggenda di Korra presentato in anteprima, è stato accolto con successo dalla critica, anche se alcune stagioni sono state un po' incostanti. Lo spettacolo aveva un tono più oscuro e maturo rispetto al suo predecessore, portando a temi più complessi che coinvolgono la filosofia e la politica. Ma la più grande differenza tra i due spettacoli è stato il modo in cui si sono avvicinati ai loro cattivi.

dove dentro? L'ultimo dominatore dell'aria Aang aveva il suo predecessore, Avatar Roku, come insegnante, La leggenda di Korra per lo più ha fatto a meno della connessione spirituale con le vite passate. Invece, sono stati i cattivi a servire come i più grandi insegnanti di Korra, facendola crescere come personaggio e ampliando il mondo dello spettacolo.

canzone della canzone del sud

Durante le sue quattro stagioni, La leggenda di Korra ognuno dei suoi cattivi rappresentava una visione radicale della politica e del mondo, il che sfidava il modo in cui la stessa Korra vedeva il mondo. Ogni cattivo era indissolubilmente legato a un aspetto del personaggio di Korra, il tutto chiedendo al pubblico di identificarsi con le loro opinioni. Il primo di questi era Amon, un eguale che credeva che l'ambientazione principale della stagione, la Repubblica delle Nazioni Unite, costringesse i non piegati a vivere come cittadini di serie B.

Vediamo che la maggior parte dei funzionari governativi sono piegatori, il più grande sport si basa sul piegamento, l'esercito è per lo più composto da piegatori, così come i lavori in fabbrica e persino la polizia. Amon, quindi, guida una rivoluzione populista notando una legittima critica al mondo di Avatar nel suo insieme: quelli con la flessione sono visti come speciali, con tutti gli altri che sono solo di intralcio. Sebbene Amon fosse certamente un cattivo, ha sollevato valide preoccupazioni sullo stato del mondo, facendo persino interrogare Korra sulle azioni del suo predecessore nel finanziare Republic City.

Sebbene il più debole del gruppo, il cattivo della stagione 2, Unalaq, abbia costretto Korra ad affrontare la mancanza di spiritualità nel mondo e il danno che gli umani stavano facendo al mondo in cui vivevano. Attraverso Unalaq, Korra scopre che il mondo è non semplicemente in bianco e nero, o il bene contro il male, ma c'è è luce e tenebre in ogni persona e spirito. Sebbene Unalaq finisca per essere semplicemente un veicolo per il messaggio della stagione, il suo messaggio è molto importante per lo spettacolo, poiché finalmente impariamo esattamente da dove viene l'Avatar, insegnando a Korra il vero significato dietro il compito dell'Avatar di portare equilibrio la forza.

Unalaq ne La leggenda di Korra

Credito: Nickelodeon

Dopo che Unalaq ha aperto una breccia tra il nostro mondo e il mondo degli spiriti, consente a innumerevoli spiriti di attraversare, il che è un catalizzatore per la prossima sfida di Korra, che deve riconciliare le persone e gli spiriti che sono stati arrabbiati con loro per migliaia di anni. Questo si presenta sotto forma del cattivo della terza stagione, Zaheer. Se Amon era tutto incentrato sull'uguaglianza, Zaheer ha dedicato la sua vita all'idea del caos e alla condizione naturale instabile del mondo. Zaheer rappresenta gli estremi della vita nomade dell'aria.

Nell'originale Avatar , ascoltiamo e vediamo tutto sulla vita di Aang come nomade dell'aria e i loro insegnamenti sul distacco. Zaheer porta questi insegnamenti all'estremo, lasciando andare tutti gli attaccamenti terreni per raggiungere il potere supremo. È un fanatico con una determinazione assoluta per i suoi ideali, ma diventa anche un insegnante per Korra mostrandole l'abuso di potere che è così comune nel mondo di Avatar .

L'ultima stagione dello spettacolo vede Korra di fronte a Kuvira, che funge da compagno di Zaheer nella sua ideologia. Kuvira inizia come il più regolare dei cattivi dello spettacolo, ma si erge rapidamente come un dittatore militare spietato e vizioso. Attraverso Kuvira, vediamo uno specchio capovolto dei tratti di Korra. Come l'Avatar, Kuvira vuole semplicemente ristabilire l'equilibrio in quello che vede come un Regno della Terra fuorviato e si propone di riportarlo al suo presunto antico splendore. Suona familiare?

la cosa [2011]

Anche Korra si rende conto che Kuvira sta assumendo il suo lavoro come Avatar mentre si sta riprendendo dalla sua lotta contro Zaheer, con la ragione principale tra i due essendo la fedeltà di Kuvira solo verso il Regno della Terra, contro il mondo intero. In uno spettacolo che attribuisce tutta l'importanza e il potere a un singolo individuo, far mostrare a Kuvira i pericoli di quell'ideologia è una mossa audace per uno spettacolo andato in onda su Nickelodeon. Korra ha iniziato il suo viaggio come un'adolescente dalla testa calda e impaziente che credeva che il suo titolo di Avatar le desse un'autorità assoluta.

Durante la sua corsa, combattere i cattivi che hanno sfidato direttamente i suoi tratti della personalità ha fatto sì che non solo il mondo di... Avatar crescere in qualcosa di diverso rispetto a quando è iniziato lo spettacolo, ma la stessa Korra è maturata in una donna equilibrata che riconosce l'errore nei suoi modi e di conseguenza è molto più equilibrata. Come i migliori cattivi dell'originale Avatar , alla fine dello spettacolo, sono l'umanità e la compassione di Korra, non i suoi poteri, a salvare la situazione.


Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^