Batman '66

Il miglior Joker è ancora Cesar Romero nel programma televisivo Batman del '66, a mani basse

>

Finalmente abbiamo un film Joker profondamente serio. Il noto attore di metodo Joaquin Phoenix sta dando al pubblico il pathos e la tragedia del pagliaccio triste che ride all'esterno per nascondere il suo dolore all'interno. Questo è il vero Joker: un'anima tormentata, brutalizzata e vittima di bullismo, la cui violenza potenzialmente problematica deriva da una comprensione angosciata della comica crudeltà dell'esistenza.

scarafaggio da uomini in nero

Stavo solo scherzando.

La verità è che il miglior Joker non era introspettivo, ferito e pieno di sentimento. Era uno sciocco allegro ed estroverso, che inciampava di crimine in crimine con code viola che svolazzavano dietro di lui in una gioia spensierata. Parlo ovviamente di quell'arcicriminale, il ghignante Clown Prince of Crime di Gotham, Cesar Romero.



cesare burlone

Credito: Warner Bros.

Romero ha interpretato il Joker nel campy degli anni '60 Batman serie live action. La sua esibizione era un esercizio di nefasta gioia bonaria. Sebbene il Joker nei fumetti sia spesso presentato come un malato di mente o un pazzo criminale, l'arcinemico dalla faccia bianca di Romero ha sempre avuto il suo ingegno su di lui. Era Frank Gorshin, l'Enigmista della serie, che interpretava il suo cattivo mascherato con un'intensità maniacale a malapena trattenuta, ridacchiando, fissando, emotivamente volubile e sull'orlo di una completa rottura mentale. Il Joker, però, sembra sempre divertirsi davvero. Che si tratti di giocare a baseball in prigione, dirottare una trasmissione televisiva o sfidare Batman a una gara di surf, Romero salta sempre attraverso il suo covo criminale con delicata malevolenza, scoppiando in irrefrenabili risate per i suoi diabolici complotti.

L'unica nota dolente è quando il Caped Crusader interferisce. Poi le sopracciglia appuntite del Joker si corrono e il suo sorriso dipinto si arriccia in modo elaborato in un cipiglio. 'Batman!' esclama con gelido dispetto, la sua voce che si abbassa a un rombo garbato e garbato. 'Ooh!'

I Joker degli ultimi giorni sono stati celebrati per il loro sincero impegno nel ruolo. Heath Ledger, che ha interpretato un Joker molto apprezzato in Il Cavaliere Oscuro (2008), in una stanza d'albergo per un mese per trovare la rabbia e la solitudine al centro del personaggio. Jared Leto, che ha interpretato il Joker in Squadra Suicida , secondo quanto riferito ha inviato ai compagni di cast un topo vivo e un maiale morto come parte del suo approccio metodologico . Questi attori hanno compiuto passi estremi per entrare in quella che vedevano come l'estrema coscienza del Joker.

Il Joker di Romero, al contrario, era ostentatamente non autentico. L'attore si è rifiutato persino di radersi i baffi per la parte; è visibile nei primi piani nonostante gli strati di trucco bianco per pancake.

Potresti vedere i peli del viso errati di Romero come indicativi di una mancanza di impegno. Ma il suo approccio rilassato alla cura di Joker era appropriato per un cattivo che tendeva a togliersi la vita da criminale con una facile risata. In un memorabile episodio della serie televisiva, il Joker partecipa a un concorso artistico. Mentre altri concorrenti lanciano macchie di vernice e fanno giganteschi picchiate e vortici audaci, il Joker tampona e spazzola senza mai toccare la tela; quando ha finito, è completamente vuoto. Ovviamente vince il primo premio. Chi ha bisogno di trame elaborate quando puoi suscitare così tanta gioia sinistra senza nemmeno provarci?

Nonostante le incursioni del Joker nell'arte alta, la rappresentazione di Romero del ladro dalla faccia pallida è generalmente vista come una sciocchezza divertente piuttosto che una presa seria del personaggio. L'inquietante leccarsi le labbra di Ledger, o la risata di Phoenix al limite delle lacrime, dovrebbero essere approcci più ponderati. Anche la performance vocale di Mark Hamill per Batman: la serie animata , meravigliosamente esagerato com'era, aveva correnti sotterranee più scure di quelle di Romero.

Certo, è difficile trasmettere molta profondità di caratterizzazione mentre grida 'Tieni duro per il rimbalzo-a-margherita!' come fa Romero mentre guida la sua Jokermobile. Ma quando hai un personaggio come il Joker, la profondità è davvero profonda? Questo è, dopotutto, un cattivo che si trucca da clown, si veste di viola e squilla molto.

Alan Moore, il cui fumetto Lo scherzo dell'uccisione funge da modello per le storie di Joker più serie, alla fine ripudiato il proprio lavoro proprio perché 'dava troppo peso melodrammatico a un personaggio che non era mai stato progettato per portarlo'. Prendere un'idea fondamentalmente stupida e aggiungere un tragico retroscena non rende necessariamente l'idea stupida più seria; può anche fare il contrario. Raccogliere un cattivo in un sorriso dipinto, dichiararlo pazzo e poi meditare sulle caotiche ironie dell'esistenza non è necessariamente profondo. Potrebbe essere solo un'interpretazione offensiva e disinvolta della malattia mentale.

Il genio del Joker di Romero è che è esattamente quello che sembra essere: una prima donna determinata a mangiare ogni pezzo di paesaggio in vista. Se il suo Joker offre un messaggio, non è che la commedia della vita nasconda una tragedia segreta. È che le commedie sono commedie, e se osserviamo troppo a fondo una tela bianca dipinta da un clown, ci ridiamo addosso. Le storie di malfattori che possono essere identificati da maschere e spediti con un Bat-pugno (Pow! Wham!) valgono una cordiale risata, ma probabilmente è meglio non scambiarle per filosofia. Cesar Romero è il miglior Joker perché è il Joker più coinvolto nello scherzo: mentre la vita a volte è triste e crudele, l'arte non deve esserlo.



^