Cappuccio Rosso

Dietro Cappuccetto Rosso: una storia orale della morte e resurrezione del secondo figlio di Batman

>

La storia creativa di Jason Todd, il secondo personaggio a ricoprire il ruolo di Robin the Boy Wonder, è meglio raccontata in tre parti. Gli inizi (sì, ce ne sono più di uno), il centro (che in realtà è una fine) e la rinascita. Per raccontare quella storia complicata, SYFY WIRE ha chiesto l'aiuto di Paul Levitz, dell'editor Bob Schreck, dello scrittore Judd Winick e dell'artista Doug Mahnke per aiutare a tracciare l'evoluzione di Jason da Robin a Red Hood.

Jason Todd era all'inizio il secondo Robin, subentrando dopo che il partner originale di Bruce Wayne, Dick Grayson, lasciò cadere il mantello e alla fine divenne Nightwing. Quando è apparso per la prima volta come Robin in Batman #368 nel 1984, Jason fu presentato più o meno come una copia carbone di Grayson; aveva un passato da acrobata da circo, è rimasto orfano di criminali, accolto da Bruce Wayne, ecc. Un anno dopo, però, tutto è cambiato quando la DC ha pubblicato Crisis on Infinite Earths.

L'evento è servito come un reset creativo dell'Universo DC, consentendo rivisitazioni contemporanee delle storie di origine di molti dei personaggi di punta della DC. Questa era la base su cui si fondava la trama classica dello scrittore Frank Miller e dell'artista David Mazzucchelli Batman: Anno Uno fu costruito. Con questa nuova versione di Batman è arrivata anche una nuova versione del secondo Robin. Questa versione post-crisi (apparsa per la prima volta in Batman #408) di Robin era quanto di più lontano, dal punto di vista della personalità, da qualsiasi versione di Dick Grayson o Jason Todd che i lettori avessero conosciuto in precedenza.



Questo Jason Todd era ancora un bambino di strada orfano, ma un Bruce colto nel mezzo di un piccolo crimine incredibilmente stupido: gonfiare le gomme della Batmobile.

d&d arte e arcani
Jason Todd ruba la Batmobile

Credito: DC Comics

Intelligente e veloce nello studio, Jason indossò rapidamente i collant di Robin. Ma non era l'eroe perfettamente pulito del passato; anche gli scrittori di questo nuovo Jason si sono appoggiati alla sua vena meschina, con Jason che incarnava sia una rabbia che un vuoto che si esprimevano come un bordo affilato come un rasoio che preoccupava sia Batman che i fan di Robin allo stesso modo. Quindi, durante una trama che ha attraversato il titolo di Batman Una morte in famiglia dallo scrittore Jim Starlin e dall'artista Jim Aparo, la DC ha compiuto il passo senza precedenti di consentire ai fan (che avevano espresso il loro disappunto per questa svolta più oscura al personaggio di Robin con molte lettere agli uffici DC) di chiamare una linea telefonica che avrebbe permesso loro di decidere il destino del nuovo Robin. La linea telefonica non è stata la prima per DC.

'Alla fine degli anni '70 avevamo un numero di chiamata chiamato DC Hotline, brevi plug-in registrati per i fumetti che uscivano quella settimana', spiega Levitz. 'È stata un'idea di Mike Gold e presumibilmente ha generato così tanto traffico quando la scuola è uscita da mandare in crash i circuiti delle compagnie telefoniche.'

Il voto ha oscillato contro Jason con il minimo dei margini ed è stato ucciso in Batman #428, fatto a pezzi dopo un selvaggio pestaggio consegnato da un Joker armato di piede di porco – Batman è arrivato pochi secondi troppo tardi per salvare il suo partner.

È stata una strada difficile da percorrere, e con la sua morte determinata da un scarsissimo margine di soli 64 voti, nessuno è stato particolarmente contento del risultato. È stata la prima e l'ultima volta che l'espediente della chiamata è stato impiegato, per ovvie ragioni.

Batman trasporta Jason Todd morto

Credito: DC Comics

'La morte di Jason Todd e la reazione negativa della stampa potrebbero aver lasciato l'amaro in bocca', afferma Levitz.

E questo era quello. Il destino di Jason Todd è durato per decenni fino a quando Bob Schreck è arrivato alla DC, fresco di una già vasta carriera nell'editoria di fumetti, inclusa l'azienda di proprietà del creatore Oni Press, da lui co-fondata.

Winick: Quando Bob ha ottenuto il lavoro importante alla DC Comics, circa un anno dopo l'inizio del suo periodo di lavoro, mi ha chiamato. La conversazione è andata sulla falsariga di 'Ti piacciono i fumetti di supereroi?' 'Sì lo faccio. Li amo,' ho detto. Dice: 'Sai, sei l'unica persona con cui abbia mai lavorato fino ad ora che non mi ha chiamato per cercare lavoro alla DC. Ci sono persone che non mi piacciono che mi hanno contattato! Allora, come va? Vuoi scrivere un fumetto di supereroi?' Certo, lo faccio. Tutti hanno un rabbino. Il mio era assolutamente Bob Schreck; ha creduto in me, si è preso cura di me e si è assicurato che stessi facendo un buon lavoro.

Judd avrebbe iniziato la sua carriera alla DC con titoli come Lanterna verde prima di aggiungere stint su Freccia verde ed eventualmente, Batman ai suoi normali doveri di sceneggiatura alla DC.

Paura: Judd aveva già preso il sopravvento Batman con l'artista Dustin Nguyen su una storia di Spaventapasseri. Mentre proponeva storie future per il libro, ha pensato che sarebbe stata una grande idea riportare indietro Jason. Perché ha letto il Batman: Hush trama, che originariamente accennava al fatto che Jason Todd fosse il personaggio di Hush per un numero. Penso che abbia avuto una grossa mano nel pensare in quel modo Judd.

Riportare indietro Jason è stato divisivo, così come lo è stato ucciderlo.

Winick: È semplicemente perché pensavo che lo avrebbero fatto. È stata un'idea così fantastica! Come lettore, quando Jeph Loeb e Jim Lee hanno fatto la loro corsa Batman: Hush e hanno giocato con l'idea di rivelare Hush come Jason alla fine di un numero, nella mia mente ho rotto tutto. Tutto fino a come era uscito dalla Fossa di Lazzaro. Ho pensato che fosse incredibile. Come cento miglia di strada dissestata, ne ho appena visto l'opera. Ero sinceramente entusiasta di leggerlo. Poi è arrivato il numero successivo e l'hanno ritirato: 'No, non è Jason. È solo Clayface!' Dopo di che non potevo lasciar perdere perché aveva senso per me.

quando è uscito il cowboy bebop?
Clayface Jason Todd

Credito: DC Comics

Paura: Non ero contento dell'idea. Tutta questa faccenda del riportare indietro le persone, voglio dire, è stata fatta così tante volte. Accidenti, abbiamo davvero bisogno di farlo di nuovo? È un vecchio trucco. Questi ragazzi non muoiono mai.

Winick: Non credo che abbia tolto nulla al mito di Batman. L'idea di ciò che Bruce ha perso. Secondo me, ha comunque perso Jason e tutto ciò che ne è derivato. Il senso di colpa e ciò in cui lo ha trasformato in quell'era, quel tipo di cosa lo ha reso davvero il Cavaliere Oscuro che sapevamo sarebbe venuto dopo Morte in famiglia .

Paura: In un certo senso mi sono spinto contro di esso, e Judd stava spingendo indietro contro di me. Alla fine ho detto: 'Ok, guarda, se questo è qualcosa che vuoi davvero, davvero fare - e puoi ottenere la benedizione di Dan DiDio - verrò con me e farò la mia dovuta diligenza, ma non lo sono Contento.'

Winick: A Bob non è piaciuto quando gliel'ho proposto all'inizio. Che è una cosa incredibile. Bob è un editor straordinario su molti livelli. Non gli piaceva molto la storia, ma sapeva che era buona. Non so chi lo fa? Qualcuno è così maturo? Ma Bob lo era. Entra con un discorso di incoraggiamento di follow-up del tipo: 'No, voglio solo che tu sappia che non penso che questa sia la mia tazza di tè, ma penso che sarà fantastico, e lo renderemo fantastico .'

Paura: Alla fine, tutto si è riunito. Judd è un grande scrittore, e l'ha reso davvero divertente. Col passare del tempo, ho pensato che fosse venuto insieme bene.

Winick: La sfida di Bob per me era 'Voglio che me lo dimostri. Continua a farlo.' Abbiamo tipo cinque, sei numeri e lui dice, 'Ok, ho capito.' Io dico, 'Come hai fatto a non averlo prima?' Al che risponde: 'So che pensi di mostrarmi nei tuoi schemi. Ma non ho ancora visto la storia. Non ho visto il pathos. Non ho visto l'opera. Ora faccio.' Dico: 'Fantastico, va bene, è stato terrificante'.

Paura: La storia stava fermentando nel cranio di Judd da un po' di tempo. Stava complottando prima ancora che ottenessimo il via libera da Dan DiDio. Penso di aver tirato in ballo Doug Mahnke perché avevo lavorato con lui sul marketing di La maschera per Dark Horse.

Winick: Dal salto, sapevamo che Doug sarebbe stato l'artista su questo. Ne ero davvero entusiasta. Non posso nemmeno dire abbastanza. La cosa che ho sempre amato di più di Doug è che recita benissimo. Questi non sono solo personaggi con lo stampino. Nessuno sembra lo stesso. Ognuno ha una sua qualità, altezza, peso, e c'è emozione lì.

Doug Mahnke: Ricordo in realtà alcuni dettagli che mi erano venuti in mente, ma sono per lo più confuso su come sono arrivato a Red Hood. So che originariamente sono venuti da me e mi hanno chiesto se volevo fare Nightwing. Ho rifiutato, volevo qualcosa con un profilo più alto. Considerando dove ero stato, dopo un periodo di lavoro Lega della Giustizia . E poi sono tornati da me con Batman.

Tenendo presente, Mahnke non aveva molta familiarità con la portata di ciò in cui si stava cacciando.

Mahnke: Quello che scoprirai è quanto possano essere incredibilmente ignoranti gli artisti dei fumetti. Quando ho iniziato a lavorare per la DC, non sapevo molto di DC a parte solo i personaggi principali. Ero fondamentalmente un ragazzo Marvel, poi ho lasciato i fumetti per un po'. Quando sono tornato e ho iniziato a collezionare roba, è stato Amore e razzi , ABC Guerrieri , Metallo pesante rivista, ecc. Quindi, ogni volta che ho lavorato su un libro, era solo concentrato su quel momento invece di acquisire qualsiasi conoscenza che esisteva ben oltre i piccoli confini di dove mi trovavo. Voglio dire, non sapevo nemmeno di Jason Todd. Mi sono informato, ovviamente, ma quando sono entrato, avrebbero potuto dirmi qualsiasi cosa. Era come, 'Sì, è fantastico. Sai, sono pronto a disegnare!' Non ho apprezzato la gravità della situazione. Il fatto che stiano riportando in vita un personaggio che i fan avevano deciso di uccidere, e tutte le cose interessanti che ruotavano intorno alla storia del personaggio, e ora sta tornando dopo un po' di tempo che non c'era più.

Il nome, Red Hood, doveva evocare una delle prime identità del Joker, ma il look per la versione di Jason doveva essere leggermente diverso.

Schizzo originale del personaggio di Cappuccetto Rosso di Judd Winnick

Credito: Judd Winick

episodi di Star Trek di Family Guy

Winick: Originariamente ho disegnato il look di Jason per Red Hood. L'ho avuto come la versione originale di Joker che non aveva fessure per gli occhi. Quel tipo solido di quarzo, cosa dell'elmo di metallo. E Doug è tornato con i buchi per gli occhi, ragionando dicendo: 'Beh, sarà davvero difficile da vicino e di tre quarti, per dire cosa sta succedendo. Lo perderai e basta.' 'Sono tipo, di cosa stai parlando?' E poi mi rendo conto: 'Oh, ha ragione! Vedo cosa stai dicendo. Si. È la faccia». Penso che pensasse che sarebbe stato un po' strano, e sai una cosa? Lui aveva ragione. Ho visto altre versioni fluttuare qua e là, e quando non ha niente con gli occhi non sembra proprio giusto. Nessun occhi offre una qualità futuristica a Red Hood che semplicemente non vuoi.

Winick: È anche divertente che l'artista delle copertine Matt Wagner abbia già realizzato una serie di copertine basate sul mio design originale. Era a buon punto prima che Doug iniziasse a scrivere il libro, e quando lo fece: buchi per gli occhi. A quel punto Matt ha detto: 'Sai, qui non siamo compatibili. Ma non mi interessa. Diciamo solo che stiamo andando per il simbolismo.'

Mahnke: Quello che ricordo è che mi è piaciuto che Matt Wagner facesse le copertine, con il suo pedigree. Penso che ovviamente si adatti bene alle preferenze di Bob Schreck invece di essere solo line art dritte e normali cose da fumetti. Inoltre, una copertina Wagner ha un certo peso.

Copertina Wagner Batman Cappuccio Rosso

Credito: DC Comics

Sebbene sia stato un colpo magistrale dare al nuovo personaggio mascherato di Jason il nome di un ruolo originariamente reso famoso dal Joker, Winick non è esattamente sicuro di come tutto ciò sia andato insieme.

Winick: A un certo punto mi è semplicemente scattato in testa. L'originale Red Hood/Joker è una grande storia in primo luogo. Ho sempre amato l'idea che Batman lo abbia creato inavvertitamente. È una storia così profondamente ricca. Alan Moore lo ha fatto così bene in Lo scherzo dell'uccisione . Quindi mi è sempre rimasto impresso. Penso di aver appena fatto due più due. Per Jason, è stato un vero dito medio per Joker. In conclusione, rovinerebbe Joker, rovinerebbe Batman. Penso che fosse quello che voleva Jason.

Paura: Questo era qualcosa che era nel gozzo di Jason. Se ne stava tranquillamente seduto e aspettava il suo momento per vendicarsi di tutti. Penso che renderlo questo tipo di persona arrabbiata che vuole una sorta di punizione dal suo trattamento nel corso degli anni abbia colpito nel segno.

La trama è andata avanti Batman per oltre un anno, culminando con Batman, Jason e il Joker che si affrontano per uno scontro finale. Jason aveva trascorso la maggior parte del suo tempo a Gotham dopo il suo ritorno, torturando silenziosamente Batman e unendo diverse bande sotto la sua influenza. Si è modellato come il nuovo signore del crimine di Gotham, sfidando Black Mask con l'obiettivo finale di liberare Gotham dai suoi personaggi meno gustosi. Mentre i suoi obiettivi erano simili a quelli di Batman, i mezzi erano molto più violenti.

quando sono usciti i Teen Titans?

Winick: Ho avuto il finale fin dall'inizio. Ho solo dovuto eseguirlo con Dan DiDio. Era al Comic-Con di San Diego. Penso di essere stato il primo dei suoi quattro incontri per la colazione quel giorno che avrebbe avuto. Quindi ho appena delineato la storia e che finisce con Jason che prende il Joker, lo rapisce, minaccia di ucciderlo. Durante il combattimento, Bruce dice: 'Mi dispiace di non averti salvato'. E Jason gli dice: 'Non è di questo che si tratta. Non è perché non mi hai salvato, ma perché non hai ucciso il Joker. L'hai lasciato vivere». Dan tipo, ' Quello è come stai finendo la cosa?' Ho detto di sì!' Dan ha detto: 'Okay, vai avanti e scrivilo!'

Uccidilo Jason Todd Joker

Credito: DC Comics

La trama iniziale finì, ma la popolarità di Red Hood era evidente. L'unica cosa che manca alla storia sarebbe una spiegazione di come Jason sia tornato, che si è verificato due mesi dopo in Batman: annuale # 25.

L'elemento iniziale del lancio originale di Judd del Pozzo di Lazzaro e del coinvolgimento di Ra's al Ghul c'era, ma c'è stata un'ulteriore svolta al procedimento grazie a un altro evento di riavvio della realtà a livello di linea causato da Superboy-Prime chiamato Crisi infinita che ha attraversato tutti dei titoli DC allo stesso tempo.

Winick: Molto presto avevamo parlato del pugno che altera la realtà di Superboy. Geoff Johns, Greg Rucka e Dan DiDio avevano fatto una lista di eventi che sarebbero stati annullati a causa del pugno. Jason era una delle cose più grandi che Superboy alla fine avrebbe annullato. Quindi era lì dentro e incombeva.

Ci ho pensato, e ho pensato che i fan ci avrebbero ucciso per aver cercato di fare questa pazza storia e farla finita con un pugno di Superboy. Non pensavo che ce la possiamo fare. Dan ha accettato... e poi abbiamo cambiato idea e siamo andati avanti. Penso che il nostro cambiamento di idea sia avvenuto quando eravamo in giro, alle convention e la gente era così entusiasta di Infinite Crisis. Era tutto ciò di cui tutti parlavano, e abbiamo deciso di restare fedeli alle nostre armi e di andare avanti.

Winick: Col senno di poi, all'epoca aveva senso. Tonalmente, era giusto. Questa è la storia che stiamo facendo. Questo è ciò per cui ci siamo impegnati in origine. Ma non ha resistito per niente bene. Sembra super stupido. Non c'era modo di aggirarlo. Ecco perché, quando ho avuto l'opportunità di rifarlo per il film d'animazione, ho scelto una delle mie idee originali: Ra's prende il corpo di Jason e lo getta nella Fossa di Lazzaro.

Pugno che altera la realtà di Superboy

Credito: DC Comics

Nel mondo post-crisi, è stato rivelato che un Jason miracolosamente vivente era uscito dalla sua bara a mani nude e aveva vagato per le strade di Gotham, praticamente catatonico, prima di crollare. Ha poi trascorso un anno in coma e, al risveglio, è tornato in strada con pochi o nessun ricordo della sua vita prima della morte. È qui che entrano in gioco Talia e Ra's al Ghul, rapendolo da Gotham e ripristinando la sua salute e la sua memoria gettandolo nella Fossa di Lazzaro. Ma gli effetti esasperanti della Fossa e l'influenza degli al Ghul hanno portato Jason a desiderare vendetta; ha intrapreso un tour mondiale per rafforzare le sue abilità di combattimento, seguendo il percorso del suo ex mentore, al fine di poter tornare a Gotham e mettere in atto il suo piano.

Con tutti questi dettagli in mente, Judd è stato in grado di rivisitare la storia originale con cui ha reintrodotto Jason quando ha sceneggiato l'adattamento della Warner Bros. Animation Batman: Sotto il cappuccio rosso , uscito nel 2010.

Winick: Non ricordo esattamente dove avevo sentito dire che la Warner Bros. stava cercando di ottenere un po' di oscurità con i loro film d'animazione. Era il periodo di Nolan's Il Cavaliere Oscuro . Ho pensato, 'Fanculo, vado a lanciarli Sotto Cappuccetto Rosso .' Ho scoperto in seguito da Bruce Timm che aveva sentito che stavo arrivando. Mi ha detto che era completamente nel campo di 'Non lo faremo'. Per quanto lo riguardava, gli piaceva la storia, ma pensava che avresti dovuto raccontarla Tutti di Morte in famiglia perché la morte di Jason significasse qualcosa. Non abbiamo tempo in una funzione di 70 minuti per raccontare l'intera faccenda.

Quindi sta ascoltando il mio discorso. Io dico: 'Lo fai in ordine cronologico. Inizi con il teaser prima dei titoli di testa. Quel teaser dovrebbe essere le ultime pagine della morte di Jason Todd.' Bruce mi dice: 'L'hai rotto! È così che dovresti farlo.' Ha detto che dopo aver sentito quella parte, il resto era sfocato, non stava nemmeno ascoltando. Era sicuro che lo stessero facendo.

Per quanto riguarda il processo di adattamento stesso:

Winick: Con il film d'animazione ho avuto il lusso di rimpicciolirlo. Quindi ho preso quella storia più piccola e ho avuto modo di espandere alcune delle parti buone. È stato molto divertente per questo motivo. Collaborare con tutti e guardare questa nuova versione prendere vita. Con gli attori che entrano e lo portano ulteriormente in vita. È uno spasso. Sono ancora molto orgoglioso di quanto piaccia ancora alla gente. Sia il fumetto che il film d'animazione.

storie da raccontare al buio

Col senno di poi, tutti coloro che sono coinvolti con Jason, che ora è uno dei membri più popolari della 'Famiglia Batman', sono orgogliosi di ciò che hanno contribuito a riportare in vita, anche se il personaggio si trasforma da assassino alimentato dalla vendetta ad antieroe.

Paura: C'è un vecchio adagio: 'Le notizie in prima pagina sono sempre un cattivo affare, e le buone notizie di solito arrivano solo alle ultime pagine'. Penso che renderlo una persona arrabbiata che vuole una sorta di punizione dal suo trattamento nel corso degli anni lo abbia reso piuttosto accattivante per molte persone.

Mahnke: Non sono sorpreso dall'appello di Jason. Quando è arrivato con una tale vendetta e lo stile di carattere che era. Molto pesante nell'idea della sua versione della giustizia. Era qualcosa per cui la DC era pronta. Il ragionamento dietro le motivazioni di Jason era perfettamente allineato con la sua aggressività. Convalidato dal fatto che aveva più di un paio di asce da macinare al suo ritorno.

Winick: Sono profondamente sorpreso dalla resistenza di Jason e allo stesso tempo molto, molto orgoglioso. Non sai cosa colpirà. Ho adorato questa storia. Mi è piaciuto quando ho pensato che lo stessero facendo in Silenzio , prima ancora che fosse la mia storia. Detto questo, sono ancora sinceramente sorpreso. Appartiene all'Universo DC. Io e Doug siamo i ragazzi a cui viene il merito di aver reintrodotto Jason nel mondo, ma ora appartiene a tutti.



^