Giove

Poiché la Grande Macchia Rossa di Giove non è abbastanza mostruosa, divora intere tempeste

>

Nessuno sa perché la Grande Macchia Rossa di Giove abbia iniziato a ridursi (non importa come si sia formata), ma l'ultima tempesta spaziale si è mantenuta in vita attraverso il cannibalismo.

Si pensava che la Grande Macchia Rossa stesse affrontando il proprio destino imminente quando anticicloni vorticoso su Giove si è scontrato con esso negli ultimi anni. Sembrava che prendessero con sé pezzi delle sue nuvole rosse e la facessero franca. Questo non dovrebbe essere un problema per un colosso con venti di 355 miglia all'ora. Ora, una nuova ricerca ha scoperto che il punto potrebbe essersi rimpicciolito, ma continua a mantenere il suo mostruoso potere perché si è alimentato mangiando gli stessi anticicloni che si pensava lo stessero mordendo.

Come risultato [delle interazioni della tempesta] la Grande Macchia Rossa ha aumentato la sua velocità di rotazione interna, mantenendo la sua vorticità ma diminuendo la sua superficie visibile, ha detto il fisico Agustín Sánchez-Lavega, che ha letto uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Geophysical Research Planets.



L'iconico vortice di Giove è esso stesso un anticiclone. Negli anticicloni, il vento turbina intorno a un'area di intensa pressione in cui l'aria sta affondando. Apparentemente è sopravvissuto divorando tempeste più piccole - se si potesse chiamare piccolo qualcosa delle dimensioni della metà della Terra - che si scontrano e usano la loro energia di rotazione per aumentare la propria. Qualunque danno le facciano queste tempeste è superficiale. Anche se sembrava visibilmente rimpicciolirsi ancora di più quando molti di loro lo incontravano, assorbendo la loro energia lo riportava alle dimensioni che avevano prima della collisione.

Si è scoperto il restringimento visibile era ingannevole . Sotto le nuvole che l'occhio umano poteva vedere c'era un potente vortice i cui venti continuavano a vorticare e vorticare in profondità nonostante le interazioni con i vortici più piccoli nelle sue secche. Questi fenomeni vennero chiamati fiocchi perché gli anticicloni intrusi sembravano sfaldarsi da parti delle nuvole della Grande Macchia Rossa.

Mentre la nuvola che fa sembrare Giove come Giove sembrava che si stesse riducendo, ciò non significava che il vortice che lo alimentava dalle profondità del gigante gassoso lo fosse.

Giove

La Grande Macchia Rossa avvistata da un passaggio ravvicinato di Giunone. Credito: NASA

Quando due anticicloni si scontrano, quello più grande inghiottirà sempre quello più piccolo, anche se non succede subito. Quello che succede nel mezzo è come un pitone che ingoia una grande preda che crea un enorme rigonfiamento nel serpente fino a quando non viene completamente digerito. Le nuvole più esterne della tempesta più grande si gonfieranno fino ad assorbire completamente quella più piccola. Fino a quando le tempeste non si fondono completamente, si impegnano in una danza di morte in cui la più piccola orbita intorno a quella più grande finché non accetta finalmente il suo destino.

Non solo la Grande Macchia Rossa ha affrontato anticicloni, ma in un caso, a ciclone gioviano ha cercato di entrare in azione mentre si stava già fondendo con un anticiclone. Il mostro doveva ancora digerire l'anticiclone di fronte all'altra tempesta. Poiché le frange sia della Grande Macchia Rossa che dei vortici del ciclone stavano interagendo mentre la bestia rossa stava cercando di assorbire un'altra tempesta, ha creato quello che è noto come un punto di stagnazione , che finì per vomitare l'anticiclone e causare i fiocchi che fecero pensare ad alcuni astronomi che la Grande Macchia Rossa stesse scendendo per davvero.

I disturbi a una tempesta così grande e duratura si sono rivelati non così profondi. Si è scoperto che la vera parte hardcore del vortice non ha nulla a che fare con quelle interazioni. Invece, quando le altre tempeste si sono fuse con la massa di nuvole rossastre sopra, stavano effettivamente alimentando il mostro all'interno alimentandolo con l'energia di rotazione che lo faceva andare avanti. Il panico che ha colpito la comunità astronomica quando sono stati segnalati i fiocchi è probabilmente derivato dall'erronea connessione del vortice con le collisioni quando in realtà hanno interessato solo la superficie.

Le interazioni non sono necessariamente distruttive, ma possono trasferire energia alla [Grande Macchia Rossa], mantenendo il suo stato stazionario e garantendone una lunga durata, ha affermato Sánchez-Lavega.

Finché continuerà a mangiare tempeste, la Grande Macchia Rossa continuerà a ricevere energia di rotazione per mantenere il suo mostruoso vortice e Giove non sta per smettere di generare tempeste in qualsiasi momento presto.



^