Come Addestrare Il Tuo Drago

I contendenti ai premi: la leggenda Roger Deakins ha avuto un ruolo enorme nel finale di Dragon Trainer

>

Benvenuto ai contendenti ai premi. Questo mese, SYFY WIRE sta parlando con attori, registi, designer e artigiani il cui lavoro è stato presentato nelle migliori offerte cinematografiche e televisive del 2019 e che sono stati nominati per vari premi. Oggi parliamo con il regista Dean DeBlois di Come addestrare il tuo drago: il mondo nascosto .

Dean DeBlois aveva un sogno, una visione. Vide un'enorme cascata a 360 gradi in stile Niagara nel mezzo dell'oceano che si riversava su se stessa, come in un enorme buco nel mare. Ma DeBlois non riusciva a capire la meccanica: dove stava andando l'acqua? Dove si è svuotato il buco? Quella visione però gli è rimasta impressa, e mesi dopo gli è venuta in mente quando stava cercando di risolvere un problema sull'ultima puntata del Come addestrare il tuo drago trilogia: come dovrebbe essere la casa ancestrale dei draghi?

'Le grotte sembravano troppo opprimenti, come un esilio', dice DeBlois. 'Qualcosa ai margini del mondo conosciuto aveva più senso, dal momento che era un mito dei marinai. Ma invece di navigare al largo del confine del mondo, ci sarebbe un buco nel mare che potrebbe essere il punto di ingresso di un vulcano sottomarino, dove potresti vedere i draghi che vagano.'



L'idea del buco nel mare di DeBlois ha dato allo scenografo Pierre-Olivier Vincent un punto di partenza per la creazione di una vasta terra sotto il mare. Nella sua prima apparizione, sembrerebbe oscuro e inquietante, ma alla fine sarebbe illuminato da bioluminescenza e fosforescenza naturali. Il magma bollente trasformerebbe l'acqua in vapore, creando spazi per caverne e tunnel, e porterebbe anche luce nell'oscurità che sarebbe amplificata dai cristalli delle caverne. Ci sarebbero milioni di funghi che crescono in una foresta lunga parecchie miglia e scogliere di corallo incandescente.

'Questa terra immaginaria, dice DeBlois, 'usa cose che già esistono su questa terra, ma diventa davvero fantasiosa con loro'.

Come addestrare il tuo drago: le grotte del mondo nascosto

Credito: DreamWorks Animation

C'erano alcuni problemi con l'illuminazione in questo spazio immaginario, dal momento che uno dei due draghi principali nel film era bianco (beh, madreperla iridescente, più precisamente) e l'altro era nero. Per fortuna, il Come addestrare il tuo drago ha avuto un'arma nascosta non così segreta: il famoso direttore della fotografia Roger Deakins, che aveva accettato di essere il loro consulente visivo. Nel 2008, quando DeBlois firmò per il Drago progetto, si è presto reso conto che il suo background nell'animazione disegnata a mano non lo aveva preparato per un aspetto cruciale dell'animazione digitale.

'Il reparto layout sceglie il posizionamento della fotocamera, gli obiettivi e il movimento della fotocamera', afferma. 'E crea anche composizioni, a mesi di distanza dal processo di illuminazione. Mi sembrava strano impegnarmi in una composizione prima di sapere dove sarebbero state la luce e l'ombra.'

DeBlois ha invitato Deakins a bordo per aiutare a portare l'unità tra i due dipartimenti e la sua consulenza è iniziata suggerendo riferimenti fotografici, costruendo tavolozze di colori, creando atmosfera e aiutando a definire un'identità visiva di ogni sequenza del film. Deakins ha lavorato con gli artisti dello storyboard per la costruzione delle inquadrature, con il reparto layout per la previz e con il reparto luci per le immagini finali.

'Poteva sedersi lì e richiamare diversi scenari di illuminazione proprio come farebbe con un tecnico su un vero set', dice DeBlois. 'Era un corso di perfezionamento in cinematografia.'

Puoi vedere l'effetto del lavoro di Deakins su Il mondo nascosto nello stile di illuminazione naturalistico del film e la conseguente realtà viscerale (pensate a Hiccup che emerge attraverso il fuoco e la nebbia, o le esplosioni di plasma di Light Fury). 'L'animazione è spesso molto colorata e troppo illuminata', afferma DeBlois. 'Ma Roger cerca costantemente di rimuovere le luci. Vuole creare la sensazione della luce naturale diffusa che entra, che provenga da una finestra o da un'apertura nel terreno. C'è sempre la sensazione di cercare di creare qualcosa che sembri sofisticato, grintoso e reale.'

Deakins ha anche incoraggiato la moderazione creativa. Sebbene l'animazione CG possa ingrandire la telecamera ovunque voglia, Deakins ha ricordato ai realizzatori di pensare allo scopo di ogni ripresa. Dice DeBlois, 'Roger era sempre lì per dire: 'Ma perché? Quale prospettiva stai seguendo? Come sta portando avanti la storia?' Solo perché puoi fare qualcosa non significa che dovresti.'

Un altro dei contributi di Deakins può essere visto nel film momento più memorabile : il corteggiamento di Sdentato e Furia Leggera. Il Drago il team ha preso in considerazione diversi scenari di accoppiamento di animali, che vanno dai ragni a uccelli , e alla fine è arrivato il display meravigliosamente ridicolo di Sdentato. ('C'è un uccello del paradiso che fa una specie di ombrello con le sue ali nere e salta su e giù', dice DeBlois. 'È la cosa più strana! - 'Guarda quanto sono grande! Come sono colorato!')

Deakins ha avuto l'idea che il rituale si svolgesse all'alba, in modo che il sole si insinuasse all'orizzonte e rimbalzasse contro pareti rocciose lontane, donando alla scena un bagliore caldo e suggerendo anche il passare del tempo. 'Se guardi la scena dall'inizio alla fine, l'illuminazione cambia', afferma DeBlois. 'È davvero una transizione graduale da un'inquadratura all'altra, introducendo lentamente il nuovo giorno'.



^