Avatar: L'ultimo Dominatore Dell'aria

Avatar: Il mondo di The Last Airbender non si è mai sentito tokenizzato perché ha attinto dalla storia asiatica

>

Quasi un decennio e mezzo dopo la fine della messa in onda su Nickelodeon, Avatar: L'ultimo dominatore dell'aria ha raggiunto rapidamente la vetta della classifica dello streaming entro pochi giorni dal suo debutto su Netflix il 15 maggio. Nel 2005, quando è stato presentato in anteprima, Avatar ha ottenuto il plauso della critica e, sebbene inizialmente rivolto ai bambini, era popolare con una vasta gamma di spettatori che sono stati attratti dalla miscela unica di influenze orientali. La popolarità dello spettacolo ha portato anche a un film live-action nel 2010 diretto da M. Night Shyamalan che è ancora deriso fino ad oggi. La principale critica mossa al film è stata la sua imbiancatura dei personaggi, poiché uno degli aspetti chiave della serie animata era che si concentrava su un mondo fantasy non bianco.

Tuttavia, una rapida lettura dei creatori, degli scrittori e del cast vocale rivela che per tutto il condimento pan-asiatico della serie animata, lo spettacolo stesso è stato in gran parte imbiancato dietro le quinte per cominciare. Gli showrunner, Bryan Konietzko e Michael Dante DiMartino, sono entrambi uomini bianchi, così come lo scrittore capo, Aaron Ehasz, e la maggior parte degli sceneggiatori della serie. Certamente questi fatti influenzano il modo in cui intendiamo lo spettacolo, in particolare perché il suo fascino di massa è nella sua rappresentazione non bianca. La domanda è cosa fa funzionare, questa miscela di culture che non sembra mai forzata, offensiva o disattenta. Ci vogliono una miriade di fattori, ma la maggior parte della risposta sta nella storia.

michael 'mikey' blumberg

Anche il linguaggio che la Nazione del Fuoco usa per la sua conquista di altre nazioni riecheggia quello usato dall'Impero del Giappone. In una scena, Fire Lord Sozin, che iniziò la guerra un secolo prima degli eventi della serie, elogia la ricchezza e l'innovazione della Nazione del Fuoco ad Avatar Roku, che è anche un membro della Nazione del Fuoco. Sozin dice:



'La nostra nazione sta vivendo un periodo di pace e ricchezza senza precedenti. La nostra gente è felice e siamo così fortunati in così tanti modi... Dovremmo condividere questa prosperità con il resto del mondo. Nelle nostre mani c'è l'impero di maggior successo della storia. È ora che lo espandiamo.'

Il ragionamento di Sozin ricorda in modo sorprendente la logica dietro l'invasione dell'Impero giapponese del continente asiatico; anch'essa esprimeva il suo imperialismo in termini di prosperità e condivisione della fortuna, soprannominandola la Sfera di Co-Prosperità della Grande Asia Orientale. L'intenzione era quella di creare un'unità culturale tra i paesi asiatici nel tentativo di resistere alla crescente invasione dell'imperialismo occidentale. Per quanto grandioso sia il linguaggio, gli effetti di queste campagne militari sono chiari: in tutto Avatar, i personaggi principali vedono la desolazione e la distruzione delle nazioni che sono venute dal pontificato di Sozin, proprio come gli effetti della Grande Sfera di Co-Prosperità dell'Asia Orientale risuonano in molti paesi asiatici fino ad oggi.

La costruzione del mondo di Avatar è unica in quanto attinge da elementi concreti della storia mondiale al di fuori del contesto europeo, creando un mondo fantasy originale sovrapponendo e fondendo epoche chiave della storia giapponese come base per la Nazione del fuoco. Il risultato è una nazione immaginaria che non fa affidamento sugli stereotipi, come spesso accade quando i creatori bianchi cercano di attingere a culture non occidentali per i loro regni immaginari. Ciò che rende identificabile l'ispirazione giapponese per la Nazione del fuoco non è l'abbigliamento, il cibo o l'inclusione di un analogo della geisha - che di solito è il modo in cui 'Giappone' è significato per un pubblico non occidentale. Invece, i creatori hanno attinto alla storia giapponese, che crea una base più solida e avvincente per un mondo originale. La Nazione del Fuoco non rappresenta direttamente il Giappone più di quanto i regni della Terra di Mezzo rappresentino direttamente l'Inghilterra. Ma ognuno attinge elementi da nazioni e storie del mondo reale per creare qualcosa di nuovo che sembra decisamente reale.

Avatar L'ultimo dominatore dell'aria Sozin

Credito: Nickelodeon

guardiani della galassia grande uovo di pasqua

È questa attenzione alla storia, piuttosto che allo stereotipo, che rende Avatar un esempio di worldbuilding non occidentale fatto bene, anche da chi è al di fuori della tradizione che stanno emulando. Eppure c'è sempre il pericolo di tokenizzare, stereotipare e persino semplificare eccessivamente le caratterizzazioni quando si attinge a culture o storie sconosciute. Ecco perché è così cruciale includere una vasta gamma di scrittori in un progetto che attinge a serie come Avatar che stanno cercando di sviluppare un nuovo mondo fantastico. Anche nella rappresentazione della Nazione del fuoco ci sono momenti, come qualcuno che ha una profonda familiarità e ha investito nella storia giapponese, in cui mi chiedo se i creatori abbiano pensato ad alcune delle implicazioni di come descrivono l'arco della storia della Nazione del fuoco, in particolare nel terzo libro. La graduale realizzazione del Principe del Fuoco Zuko sulla natura insidiosa della Nazione del Fuoco arriva al culmine quando affronta suo padre, il Signore del Fuoco Ozai. Zuko dice:

“Crescendo ci è stato insegnato che la Nazione del Fuoco è stata la più grande civiltà della storia. E in qualche modo, la guerra era il nostro modo di condividere la nostra grandezza con il resto del mondo. Che incredibile bugia era quella. La gente del mondo è terrorizzata dalla Nazione del Fuoco! Non vedono la nostra grandezza, ci odiano. E ce lo meritiamo. Abbiamo creato un'era di paura nel mondo. E se non vogliamo che il mondo si autodistrugga, dobbiamo sostituirlo con un'era di pace e gentilezza.'

Mentre i sentimenti di Zuko funzionano bene per un arco narrativo pulito, sembra anche una soluzione altamente igienizzata alla tensione principale all'interno della serie, in quanto implica che i peccati di un'intera nazione vengono essenzialmente cancellati se viene rimosso un leader problematico. C'è una precedenza storica per questo nell'immediato dopo la seconda guerra mondiale in Giappone, con la linea dell'occupazione americana secondo cui il popolo giapponese era stato ingannato dai militari per andare in guerra. Piuttosto che ammettere le atrocità commesse durante la guerra, il Giappone ha storicamente eliminato la responsabilità di gran parte del suo imperialismo. La Corea del Sud, in particolare, ha chiesto al governo giapponese di scusarsi per le atrocità giapponesi commesse sotto l'imperialismo, sottolineando quante dichiarazioni ufficiali tendono a minimizzare Il ruolo attivo del Giappone nel colonialismo. Queste stesse critiche sono state sollevate come di recente come 2018 .

In molti modi, Avatar presenta una risoluzione simile per la sua guerra immaginaria; non è chiaro che la Nazione del Fuoco si assuma la responsabilità concreta della distruzione su vasta scala di un certo numero di città e villaggi. C'è solo un appello per la fine della guerra e un movimento verso un futuro di pace.

capitan america guerra civile ign

Si potrebbe sostenere che, poiché lo spettacolo era destinato a un pubblico più giovane, questo finale più ordinato e semplicistico funziona meglio. Ma, d'altra parte, la serie non ha mai evitato argomenti complessi e seri durante la sua corsa. Solo nella prima stagione, il pubblico è alle prese con la guerra, il totalitarismo e il genocidio, tutti argomenti pesanti per uno show televisivo per bambini. Se stiamo lavorando nell'ambito di un mondo originale, perché non esplorare risultati storici alternativi? Perché non esplorare le ramificazioni del mondo fantastico di queste atrocità del mondo reale?

Mentre Avatar offre un mondo fantasy ben realizzato basato sull'influenza orientale, i punti ciechi dei suoi creatori diventano evidenti in momenti come questo, in cui la storia non è all'altezza delle influenze su cui si basa. Portare più scrittori che hanno familiarità con i temi e le storie su cui sono costruite le quattro nazioni avrebbe arricchito momenti che mancano di profondità.

Avatar L'ultimo dominatore dell'aria

Credito: Nickelodeon

Ma lo spettacolo era unico, in particolare all'epoca, per il modo in cui trattava la rappresentazione non occidentale e merita credito per i rischi creativi e narrativi che ha preso. In un'intervista a tor.com , il creatore dello spettacolo Michael Dante DiMartino ha dichiarato: Affinché la storia sembrasse epica, e per far sentire come se ci fosse una vera posta in gioco, abbiamo dovuto diventare più cupi, più seri a volte, e sono grato che Nickelodeon ci abbia dato quella creatività la libertà.'

La speranza ora è che Avatar funge da precedente per i creatori non bianchi che vogliono fare simili esplorazioni di genere nei propri spettacoli e che questi creatori non bianchi otterranno la stessa libertà creativa dei creatori di Avatar fatto. Avatar La sua popolarità duratura negli ultimi 15 anni mostra che esiste un chiaro mercato per il fantasy che spinge i limiti del genere e che immagina nuovi mondi al di fuori del formato fantasy medievale standard.

giochi per pc open world 2019

Parlando con Raffi Khatchadourian di L'ora della radio del New Yorker , acclamato scrittore di fantascienza e fantasy N.K. Jemisin ha toccato l'importanza delle opere di Octavia Butler e Ursula K. Le Guin nella sua capacità di considerarsi una scrittrice in questi generi. Capisci di essere capace di ciò che vedi», disse Jemisin. 'Se non vedi mai una persona di colore in uno spazio particolare, ricevi il messaggio molto chiaro che non sei il benvenuto in quello spazio.' In altre parole: è importante che gli spettacoli da prospettive non occidentali, creati da showrunner non bianchi, abbiano il via libera sia per il pubblico che brama queste storie, ma anche per i creatori che vogliono vedere di più se stessi nel mondo.

Come qualcuno che è cresciuto vedendo pochi tentativi nei media di attingere seriamente a culture non occidentali, vedendo Avatar ha colpito un tale successo mainstream è stato incoraggiante. All'improvviso, c'erano personaggi a tutto tondo che assomigliavano a me, che si muovevano in un regno fantastico sostenuto da un arco narrativo epico. Avatar non si trattava semplicemente di giocare con l'esotismo o l'alterità. Invece, ha mostrato come immaginare la possibilità di nuovi mondi e diversi futuri, comprese le possibilità per il mondo che abitiamo.



^