Psicopatico

Asilo in orrore, dal Gabinetto del dottor Caligari a Bedlam e oltre

>

Gli ospedali psichiatrici nei film e negli spettacoli televisivi non sono uguali, occupano uno spazio a metà tra una normale struttura medica e una prigione. Simbolicamente rappresentano una mancanza di controllo, sia all'interno della propria mente che da parte di coloro che si rifiutano di ascoltare le richieste di sanità mentale. L'orrore psicologico prospera in questo locale, che si tratti di edifici abbandonati lasciati a marcire o di corridoi contemporanei illuminati da luci fluorescenti (meno il nome caricato). La storia dei manicomi è piena di racconti terrificanti, motivo per cui è un luogo allettante per narrazioni spaventose. Giocando con i timori che la nostra sanità mentale venga messa in discussione senza nessuno che sostenga per noi, il protagonista viene spesso sezionato per una ragione più nefasta, illuminato dal gas per credere che stiano impazzendo.

La relazione tra la malattia mentale e l'orrore è complicata, inacidita da tattiche di trama a buon mercato per scioccare il pubblico con un motivo di follia al centro della carneficina. Suggerire che esiste un legame schiacciante tra salute mentale e comportamento violento è una proposta incredibilmente pericolosa, che ha portato a decenni di stigma. Il paziente squilibrato che fugge da una struttura e uccide una coppia in Lovers' Lane è un racconto comune sul fuoco da campo che ha spaventato generazioni e ha generato molteplici scenari dell'orrore. È una leggenda metropolitana che spunta caselle spaventose con poche basi in realtà.

Nel Halloween , Michael Myers viene ricoverato presso lo Smith's Grove Sanitarium dopo aver ucciso sua sorella Judith all'età di sei anni. Evade 15 anni dopo e semina il caos nello stesso quartiere di Haddonfield, uno schema che si ripete quando fugge durante un trasferimento dalla stessa struttura a un carcere di massima sicurezza nel riavvio del 2018. Una struttura con un gusto per l'estetica drammatica che colloca ogni abitante su un allestimento in stile scacchiera rossa. L'immagine assolata è lontana dal cliché oscuro e umido, ma non per questo meno inquietante. Michael è la personificazione del male, che è l'unica diagnosi fatta dal Dr. Loomis (Donald Pleasence). 'Ho passato otto anni cercando di raggiungerlo, e poi altri sette cercando di tenerlo rinchiuso perché mi sono reso conto che ciò che viveva dietro gli occhi di quel ragazzo era puramente e semplicemente... malvagio.'



Alcuni luoghi si prestano all'orrore, dalla casa di famiglia - e le molte stanze all'interno che nascondono segreti e prendono di mira la nostra vulnerabilità - a strutture come un ospedale che dovrebbero essere un luogo di guarigione. 'Un luogo di rifugio, santuario' è una definizione della parola 'asilo', tuttavia, storicamente questo è tutt'altro che vero. Il film dell'orrore del 1946 bolgia , con protagonista l'icona dei mostri Boris Karloff è una versione romanzata del Bethlem Royal Hospital di Londra, noto anche come Bedlam (una parola che è diventata un'abbreviazione per una struttura psichiatrica). Fondata originariamente nel 1247, la lunga storia del primo istituto psichiatrico d'Inghilterra si legge come una lunga lista di maltrattamenti.

Ambientato nel 1761, il film si concentra sul secolo prima riforma della follia quando i detenuti venivano usati come ' intrattenimento da baraccone per le messe generali. Nel tentativo di cercare giustizia e condizioni migliori per i detenuti vulnerabili, Nell Bowen (Anna Lee) è impegnata nel tentativo di impedirle di rivelare i segreti delle condizioni disumane. Piuttosto che essere 'pazza', Nell è una vittima di coloro che vogliono mantenere lo status quo.

bolgia

Credito: LMPC tramite Getty Images

'Bellezza alla misericordia di Mad Men' e 'Entro le mura della casa dell'orrore!' fai esplodere i poster e le carte della lobby di bolgia la campagna pubblicitaria. Nell è la figura della damigella in pericolo anche se è quella che si infiltra nel sistema dall'interno nel tentativo di cambiare il sistema.

Un tema comune che attraversa l'horror psicologico è quello di imprigionare una persona precedentemente 'sana' in un incubo ad occhi aperti. Nel recente L'uomo invisibile adattamento, Cecilia Kass (Elisabeth Moss) viene istituzionalizzata dopo aver tagliato la gola a sua sorella in un ristorante affollato. Ovviamente, non è stata la sua mano a compiere l'atto, piuttosto è il suo presunto ex fidanzato violento Adrian Griffin (Oliver Jackson-Cohen). Nessuno crede alle sue ripetute affermazioni secondo cui un invisibile magnate della tecnologia ha orchestrato questo crollo mentale. Per coloro che dovrebbero proteggere e servire, le sue suppliche sono il risultato di un'illusione.

L'uomo invisibile (2020)

Credito: Universal Pictures

'Da tempo immemorabile, l'illusione è stata considerata la caratteristica fondamentale della follia. Essere pazzo significava essere illuso,' spiegato psichiatra e filosofo Karl Jaspers nel 1963. In superficie, Cecilia rientra in questa categoria, ma il pubblico sa che sta dicendo la verità. Presto le guardie della struttura lo scopriranno nel modo più doloroso, ma ci vuole tutta l'ingegnosità e la forza di Cecilia per farlo.

Seguendo questo percorso gaslighting, il film horror psicologico di Steven Soderburgh del 2018 insano segue Sawyer Valentina (Claire Foy), una donna che firma accidentalmente un modulo di consenso per un ricovero volontario di 24 ore presso l'Highland Creek Behavioral Center. Affrontando il trauma dovuto allo stalking, Sawyer sta cercando di rimettere in carreggiata la sua vita. Dopo aver realizzato il suo errore, chiama la polizia, ma la sua firma impedisce loro di essere coinvolti. La sua permanenza di 24 ore viene estesa a sette giorni dopo che si è scagliata, il che la fa precipitare ulteriormente. Se prima era paranoica, un ciclo di restrizioni e sedazione la mette in una posizione vulnerabile da cui non può uscire.

Girato su un iPhone 7 Plus, l'intimità dell'utilizzo di questo dispositivo tramite primi piani ravvicinati assicura che siamo in questo viaggio con Sawyer. Man mano che ogni colpo di scena la allontana dalla libertà e la fa affondare nel buco dell'illusione, il montaggio discontinuo migliora la nostra esperienza come unico sostenitore di Sawyer. La corruzione e il personale all'interno di questa struttura risalgono ai giorni di Bedlam, suggerendo che se mai dovessi cercare cure psichiatriche ospedaliere, ciò che ti aspetta sarà tutt'altro che ristoratore.

Il gabinetto del dottor Caligari

Credito: Goldwyn/Getty Images

Storicamente, i film ambientati in una struttura psichiatrica giocano con la percezione e dispiegheranno una svolta per indebolire il personaggio principale o dimostrare che avevano ragione fin dall'inizio. Tornando alla nascita del cinema come lo conosciamo, il 1920 di Robert Weine orrore silenzioso Il gabinetto del dottor Caligari finisce con un colpo di scena del tipo 'il protagonista è sempre stato pazzo'. Tutti i protagonisti della sua storia sono compagni di cella e dipendenti del manicomio. Rivoluzionario all'epoca, questo progetto si basa sull'idea che una storia fantastica sia proprio questo. Riflettendo su questo periodo di disordini sociali e nuovi metodi in psichiatria, l'era in cui un film viene realizzato e/o ambientato ha un impatto sulla rappresentazione della salute mentale.

La terapia con elettroshock (ora denominata terapia elettroconvulsivante o ECT) è stata utilizzata per la prima volta come trattamento nel 1938, ed è molto presente in qualsiasi cosa ambientata o girata a metà del secolo. Una persona che viene colpita con l'elettricità direttamente nel cervello è un pensiero grottesco che evoca un'immagine del dottor Frankenstein. Le connotazioni negative di questo metodo sono state derivate dalla cultura pop, tra cui Qualcuno volò sul nido del cuculo e il suo uso come terapia di conversione barbarica (la diagnosi di 'omosessualità' era solo rimosso dall'American Psychiatric Association nel 1973). La seconda stagione di storia dell'orrore americana è ambientato nell'istituto psichiatrico immaginario Briarcliff Manor che raddoppia ogni terrificante nozione preconcetta di un manicomio. Avvenuto principalmente negli anni '60 quando era una struttura attiva, le sequenze odierne mostrano che la posizione abbandonata è ancora un ambiente sgradito da evitare.

American Horror Story Asylum, Sarah Paulson

Credito: FX

Ogni stagione della serie FX antologica di Ryan Murphy assume una nota ambientazione horror o presunzione. La scelta di un asilo gestito dalla chiesa cattolica negli anni '60 offre molte strade spaventose tra cui l'esorcismo, la cosiddetta minaccia di devianza, un medico nazista che continua esperimenti umani e serial killer che trovano facili bersagli. La giornalista Lana Winters (Sarah Paulson) vuole lo scoop sul nuovo residente Bloody Face, ma finisce per ottenere molto di più di quanto si aspettasse quando incontra il vero serial killer. La sua sessualità è usata come motivo per impegnarla, sopportando l'ECT ​​come una 'cura'. Il paziente accidentale che afferma che non dovrebbe esserci è un tropo comune nell'horror psicologico, che include anche il veicolo con protagonista Halle Berry del 2003 Gothika in cui interpreta una psichiatra diventata paziente e l'horror di John Carpenter del 2010 Il reparto . Anche quest'ultimo è ambientato negli anni '60 perché questo è il decennio ideale per urlare alle autorità senza che nessuno creda a quello che stai dicendo.

Insieme alla terapia con elettroshock, le lobotomie sono usate come una minaccia nei film e negli spettacoli televisivi. Studi hanno dimostrato che la maggior parte delle lobotomie sono state eseguite su donne e una spiegazione cita il desiderio di eliminare la sregolatezza. 'In un'epoca in cui ci si aspettava che le donne fossero calme, collaborative e attente agli affari domestici, le definizioni di malattia mentale erano legate alla cultura tanto quanto i loro trattamenti. Un intervento chirurgico che ha reso le pazienti docili e compiacenti, ma abbastanza in salute da poter tornare a casa e prendersi cura di loro». L'horror ha un problema con la stigmatizzazione della malattia mentale, tuttavia, la rappresentazione dei trattamenti di asilo esercitati contro le donne come un modo per mettere a tacere non sembra troppo là fuori se si considera questo.

psico2.jpg

Credito: Universal

Le narrazioni dell'orrore inciampano quando collegano la violenza estrema e la salute mentale come causa. I manicomi sono quindi pieni delle persone più pericolose (come Michael Myers) e la rappresentazione di una tale istituzione in un tempo di esecuzione di 90 minuti non lascia molto spazio per le sfumature. Invece, una diagnosi viene utilizzata come dispositivo di trama per scioccare o fornire un colpo di scena finale. Per i personaggi maschili questo spesso si ricollega alla madre ( Psicopatico ) o una moglie morta ( Shutter Island ), mettendo la femminilità al centro del problema mentre toglie l'agenzia di quella donna perché non è in giro per difendersi. Ambientato 20 anni dopo gli eventi del primo film Psico II si concentra sul rilascio di Norman Bates (Anthony Perkins) da un reparto psichiatrico. La sua storia è inquadrata prima e dopo il trattamento, la sua malattia è esercitata contro di lui nel sequel e c'è una mancanza di interesse per la sua riabilitazione.

La rivisitazione del trauma è una specialità del film horror che raramente dedica troppo tempo all'impatto psicologico effettivo, ma le trame stanno diventando più sofisticate. Un aspetto particolarmente sorprendente del Halloween reboot è il modo in cui la salute mentale di Laurie Strode (Jamie Lee Curtis) gioca un ruolo vitale nella prigione che si è creata nei boschi. Questo non è il primo slasher ad approfondire lo stato mentale di Final Girls mentre Nancy Thompson (Heather Langenkamp) lavora al Westin Hills Psychiatric Hospital di A Nightmare on Elm Street 3: Dream Warriors . Usando le sue esperienze con Freddy Krueger (Robert Englund) nei suoi studi, Nancy è intenta a proteggere i vulnerabili. Usando farmaci sperimentali e ipnosi, Nancy dà tutto per sconfiggere Freddy.

Jamie Lee Curtis Halloween II

Credito: Universal Pictures

Laurie Strode finisce in un normale ospedale a Halloween II — dovremo aspettare ancora un po' per vedere cosa succede in Halloween uccide - ma in Hellbound: Hellraiser II , Final Girl Kirsty Cotton (Ashley Laurence) è stata impegnata dopo gli eventi del primo film. A differenza degli adolescenti in Un incubo in Elm Street 3 , Kirsty e gli altri pazienti sono in cura da qualcuno che vuole fare del male. L'unità di assistenza psichiatrica sta per diventare un vero e proprio inferno sulla terra.

L'orrore è una lente usata per riflettere le paure e i fallimenti della società, che ha fatto nel corso dell'ultimo secolo attraverso le sue raffigurazioni di manicomi, ospedali e strutture psichiatriche. Storie e personaggi spesso perpetuano i miti che circondano la malattia mentale, ma negli ultimi anni i registi si affidano meno a stereotipi dannosi nell'esplorazione della psiche umana. Nello stesso anno di bolgia il rilascio, Vita rivista pubblicata Bedlam 1946 , che si riferiva agli 'inferni artificiali' degli ospedali psichiatrici. No, questo non era uno sguardo dietro le quinte del film, ma un'orribile esposizione di due ospedali psichiatrici statali degli Stati Uniti - uno soprannominato 'Dungeon' - che ha confrontato i risultati con i campi di concentramento recentemente liberati in Europa. Quando le persone reali vengono trattate come meno di (e le istituzioni si preoccupano più della reclusione che della riabilitazione) è facile capire perché i film dell'orrore utilizzano ripetutamente questo spazio per spaventare.



^