Astronomia

Gli astronomi individuano il centro del nostro sistema solare ed ecco dove si trova

>

Definire il centro di qualcosa di vasto come il nostro sistema solare è nella migliore delle ipotesi una faccenda complicata, ma grazie al lavoro dell'osservatorio di onde gravitazionali della National Science Foundation e ad alcuni nuovi software di modellazione, i ricercatori che lavorano con la NASA Laboratorio di propulsione a reazione hanno ora rivelato il bersaglio del nostro quartiere planetario residenziale.

In un nuovo studio recentemente pubblicato nel forum scientifico online con Il Giornale Astrofisico , gli astronomi hanno rivelato che il centro di massa del nostro sistema solare si trova a soli 100 metri sopra la superficie del Sole. Questo punto preciso, ufficialmente noto come baricentro, sarebbe pari in scala a un decimo della larghezza di uno stelo di spaghetti adagiato su un campo da calcio e aiuterà gli scienziati a cacciare le sfuggenti onde gravitazionali che increspano attraverso il nostro territorio e deformano la Via Lattea .

fantasma nel corpo protesico guscio
sistema solare

Credito: Getty Images



'Utilizzando le pulsar che osserviamo attraverso la galassia della Via Lattea, stiamo cercando di essere come un ragno seduto immobile nel mezzo della sua rete', coautore dello studio Stefano Taylor, un assistente professore di fisica e astronomia alla Vanderbilt University nel Tennessee. 'Il modo in cui comprendiamo bene il baricentro del sistema solare è fondamentale mentre cerchiamo di percepire anche il più piccolo formicolio della rete'.

Il centro di massa del sistema solare, inclusi il sole, la Terra e tutti i pianeti orbitanti, ruotano tutti attorno a questo baricentro, e cambia sempre posizione a causa del punto esatto in cui i pianeti sono posizionati nelle loro orbite perpetue. Tuttavia, Giove è un colosso prepotente quando si tratta di influenze gravitazionali e quel preciso centro può spostarsi leggermente a seconda di dove si trova il gigante gassoso nel suo lungo viaggio intorno alla nostra stella traballante.

Le effemeridi, mappe dettagliate che mostrano le posizioni stimate del Sole, della luna e di tutti i pianeti nel corso di un anno, erano un modo per determinare il centro del sistema solare e consentivano ai marinai di navigare tra le stelle. Ma queste mappe non tengono conto di tutte le aberrazioni causate da anomalie come le onde gravitazionali dei buchi neri e lo strattone planetario. La modellazione delle effemeridi più sofisticata creata dai computer offre un maggior grado di tracciamento della traiettoria.

In dettaglio in questo recente documento di ricerca, gli scienziati hanno studiato le osservazioni delle pulsar rispettate per oltre un decennio dal progetto North American Nanohertz Observatory for Gravitational Waves (NANOGrav) del NSF, utilizzando i segnali costanti emessi dalle stelle pulsar morenti per aiutare i loro calcoli della distanza per rendere più stima accurata.

Un tipo altamente eccitabile di stella di neutroni in rapida rotazione, le pulsar sono nuclei stellari densamente imballati che emettono fasci regolari di radiazione concentrata dai loro poli.

spettacolo del signore degli anelli amazzonica

In questo articolo, descriviamo la motivazione, la costruzione e l'applicazione di un modello fisico delle incertezze delle effemeridi del sistema solare, che si concentra sui gradi di libertà (elementi orbitali di Giove) più rilevanti per le ricerche di onde gravitazionali con array di pulsar, notare il ricercatori .

onde gravitazionali

Credito: Getty Images

Riconoscendo queste incertezze vitali e sperando di fornire un centro del sistema solare più accurato, i ricercatori hanno progettato un nuovo modello software chiamato BayesEphem. Caricati con strumenti di rilevamento avanzati, hanno modellato le effemeridi che causavano errori nelle misurazioni delle onde gravitazionali. Inserendo un'idea realistica dei metodi con cui la gravità di Giove ha influenzato l'equilibrio dei corpi celesti attorno ad esso, hanno felicemente scoperto che anche i loro calcoli delle onde gravitazionali erano allineati.

NANOGrav sfrutta la tecnologia di enormi radiotelescopi come le installazioni presso l'Osservatorio di Arecibo a Porto Rico e l'Osservatorio di Green Bank in West Virginia, alla ricerca di variazioni nelle interruzioni dei buchi neri e nel tempo del raggio delle pulsar quando colpiscono la Terra a causa di un leggero effetto di deformazione di increspature spazio-temporali note come onde gravitazionali.

la zona del crepuscolo i mostri sono dovuti su Maple Street
arecibo

Credito: immagini Getty

'La nostra osservazione precisa delle pulsar sparse nella galassia ci ha localizzati nel cosmo meglio di quanto non avremmo mai potuto fare prima', Taylor ha spiegato . 'Trovando le onde gravitazionali in questo modo, oltre ad altri esperimenti, otteniamo una panoramica più olistica di tutti i diversi tipi di buchi neri nell'universo.'



^