Armageddon

È improbabile che l'asteroide Apophis colpisca la Terra. Ma se così fosse, cosa potremmo fare?

>

Nel giugno del 2004, gli astronomi Roy Tucker, David Tholen e Fabrizio Bernardi hanno scoperto un asteroide di 340 metri mentre lavoravano al Kitt Peak National Observatory in Arizona. L'oggetto è stato doppiato Apophis , dopo il nemico simile a un serpente di Ra dal mito egizio. A prima vista, la traiettoria di Apophis ha suggerito una piccola possibilità che potrebbe avere uno scontro con la Terra nel 2029, ma gli esperti hanno rapidamente escluso questa possibilità.

Il passaggio del 2029 lo avvicinerà, a circa 20.000 miglia dalla superficie terrestre. È abbastanza vicino da guardare ad occhio nudo, purché tu viva nell'emisfero australe.

cesio quarzo plutonico e acqua

La gravità della Terra altererà l'orbita di Apophis, allargandola, e si prevede che farà un altro sorvolo nel 2068. La probabilità che avrà un impatto sulla Terra in quel momento è stata originariamente calcolata a 1 su 150.000, ma in base a recenti osservazioni, quei modelli devono essere riorganizzati.



Un'opzione prevede le bombe nucleari, perché ovviamente lo fa, ma probabilmente non nel modo in cui ti aspetteresti. Nel Armaghedon, una squadra di perforatori si reca su un asteroide che uccide il pianeta nel tentativo disperato di piazzare una bomba e dividere l'oggetto in due. Nel film, la bomba divide l'asteroide in due ed entrambe le metà mancano di poco il pianeta.

Mentre una bomba nucleare è una tattica plausibile per deviare un asteroide in arrivo, farla esplodere non è la strategia migliore. La ricerca suggerisce che avrebbe scarso effetto.

Piantare un esplosivo nucleare all'interno di un asteroide potrebbe provocarne la rottura e la rottura, ma la forza gravitazionale del nucleo rimanente potrebbe rimettere tutto insieme . E potrebbe non fare abbastanza danni da alterare significativamente la traiettoria dell'asteroide. Invece, potremmo far esplodere un ordigno nucleare vicino all'oggetto. L'esplosione riscalderebbe quel lato dell'asteroide e lo sposterebbe fuori rotta più o meno allo stesso modo in cui l'effetto Yarkovsky sta alterando la rotta di Apophis.

Le principali sfide qui sono superare il disagio pubblico con gli esplosivi nucleari e il pericolo che il dispositivo esploda sulla Terra se il lancio va storto. Fortunatamente, abbiamo altre opzioni e le leggi della fisica sono dalla nostra parte.

di cosa parlano le vele nere?

Un impatto con la Terra dipende non solo dall'intersezione delle due orbite, ma anche dal fatto che i due oggetti si trovano nello stesso punto della loro orbita allo stesso tempo. Quindi, per prevenire un impatto, tutto ciò che dobbiamo fare è cambiare la posizione o la velocità di uno degli oggetti lungo la sua orbita. Spostare la Terra sarebbe un'impresa enorme (gioco di parole) e probabilmente non l'idea migliore. Avremmo bisogno di spostare l'asteroide.

Potremmo spostarlo da un lato o dall'altro in modo che la sua orbita cambi, oppure potremmo accelerarlo o rallentarlo in modo che passi il punto di intersezione prima o dopo che la Terra sia lì. Un modo per farlo è parcheggiare una grande navicella spaziale nelle vicinanze come un rimorchiatore gravitazionale per portare l'asteroide fuori rotta.

Questo piano dipende da un'imbarcazione incredibilmente grande o da un lungo periodo di tempo, ma funzionerebbe. Potremmo anche mandare una serie di navi in ​​rotta di collisione con l'oggetto, usando l'energia cinetica per spingerlo via. Infine, una serie di laser ad alta potenza potrebbe riscaldare parti dell'asteroide o farne esplodere parti, usando l'energia di quelle interazioni per spingerlo.

Tutti questi piani si basano sullo stesso concetto generale: agire sull'oggetto in modo significativo e per un periodo di tempo abbastanza lungo da farlo volare piuttosto che scontrarsi.

cast della cura della morte del corridore del labirinto

Ci sono innumerevoli oggetti che sfrecciano nella grande oscurità cosmica. Alcuni di loro, come Apophis, li conosciamo e li studiamo. Altri, non sappiamo nemmeno che esistano. Fortunatamente, gli oggetti più grandi sono i più facili da vedere e pianificare. Dato abbastanza tempo e sufficiente cooperazione, il problema non è al di fuori della nostra capacità di gestire se teniamo gli occhi al cielo.



^