Antichi Egizi

Gli antichi egizi credevano che il cielo fosse un oceano cosmico in una sfera di ferro che ci faceva cadere addosso meteoriti

>

Sembra un fenomeno che accadrebbe in qualche bizzarro universo alternativo. Guarderesti in una ciotola cosmica di ferro, che a volte si incrinava e mandava schegge di se stessa a schiantarsi sulla Terra.

Ecco come gli antichi egizi vedevano il cielo. Tra le altre cose, era una grande ciotola di ferro che conteneva un oceano ultraterreno che i morti avrebbero attraversato per raggiungere l'aldilà. Egittologo e dottorato di ricerca della Brown University. candidata Victoria Almansa-Villatoro, che ha recentemente pubblicato uno studio in Il giornale di archeologia egiziana, ora ha una nuova visione del segno N41 (il geroglifico a semicerchio che si ripete più volte sopra). Questo geroglifico era associato al ferro, all'acqua e alle donne. Ma cosa ci dice delle piogge di meteoriti e delle credenze mistiche?

jonathan strano e mr. norrell stagione 2

Nel Testi delle piramidi , l'immagine del cielo come un contenitore di ferro d'acqua che era anche il grembo della dea del cielo Nut ha portato il segno ad essere usato per i metalli (come il ferro), la femminilità (come l'utero) o l'acqua (come anche), Almansa -Villatoro ha detto a SYFY WIRE. L'antico Egitto era una cultura ricca di iconicità e simbologia, come risulta evidente dal suo sistema di scrittura, ma anche dai principi magici dell'arte egizia per cui un'immagine poteva essere tanto efficace e reale quanto l'idea che rappresentava.



Prima dell'avvento della fusione nell'età del ferro, il ferro appariva solo nei meteoriti caduti dall'alto e le sue origini celesti lo rendevano sacro alla maggior parte degli egiziani. Il re Tutankhamon fu sepolto con armi fatte di ferro meteoritico. I geroglifici egizi hanno spesso molteplici significati, quindi la tripla associazione che ha N41 non è insolita. Almansa-Villatoro ha potuto gettare nuova luce sul suo significato dopo aver analizzato e reinterpretato i Testi delle Piramidi. Queste incisioni di 4.300 anni sulle pareti interne delle piramidi, che sono anche i testi religiosi più antichi conosciuti al mondo, erano incantesimi destinato a guidare re e regine morti nell'aldilà.

I Testi delle Piramidi fanno continuamente riferimento all'apertura del ferro (chiamandolo con il suo nome, bjA) e alla sua separazione dal cielo, ha detto. Questa è una chiara metafora dell'apertura dell'Uovo Primordiale che il re deve rompere per invertire l'ordine naturale nascita-morte e rinascere. Il cielo è un contenitore di ferro, ma è anche il grembo di Nut e un uovo. Un uovo diviso assume una forma ovale che ricorda il segno N 41, come un contenitore. Aveva un'associazione ricorrente tra apertura, rigenerazione e creazione, come nella cerimonia dell'apertura della bocca, o la separazione primordiale tra terra e cielo.

L'apertura della bocca era un rituale funebre condotto da un sacerdote che indossava la maschera del dio dell'imbalsamazione Anubi dalla testa di sciacallo. Avrebbe toccato la bocca e gli occhi della mummia con lame netjeru che avrebbero permesso ai morti di vedere, mangiare e bere di nuovo nell'aldilà. Mentre molti di quelli trovati erano ossidiana, alcuni erano fatti di ferro meteoritico, che veniva usato per oggetti di lusso o cerimoniali. Il sacerdote designato come l'apribocca viveva anche nella città di Letopolis, che era rappresentata dal fulmine del dio Seth e si pensava fosse un luogo di antiche piogge di meteoriti. L'Egitto dovrebbe essere stato colpito da almeno un meteorite negli ultimi 5.000 anni, quindi avrebbe senso se è lì che è stato trovato il ferro celeste.

regista di shield stagione 4

Dopo la morte, si credeva che il faraone o la regina dovessero navigare attraverso il mare nel cielo, il che spiega le elaborate barche trovate nelle tombe di alcuni faraoni , e rompi la porta di ferro del regno degli dei. Puoi davvero ascoltare un'interpretazione moderna di questo viaggio nella canzone dei Nightwish Il Il faraone salpa per Orione . Questo cielo-oceano era anche il grembo di Nut, in cui il defunto sarebbe rinato, e altri dei che erano associati al metallo che gli egiziani consideravano mistico.

La più esplicita è l'associazione tra ferro e Seth, Sokar (un dio metalmeccanico che solca il cielo su una barca con una prua di ferro - metafora di una cometa nel cielo), e ovviamente Nut, poiché è il cielo stesso, e bjA non è altro che il suo grembo, ha spiegato Almansa-Villatoro. Osiride è il re defunto e trasfigurato, proprio come Horus è il re vivente. L'attuale faraone che possedeva i Testi delle Piramidi è comunemente indicato come Osiride più il nome del faraone. Osiride King deve ascendere al cielo per diventare eterno come le Stelle Imperiture, le stelle circumpolari del cielo del nord che non tramontano sotto l'orizzonte.

Gli antichi egizi avevano un modo complesso e in qualche modo caleidoscopico di vedere sia il loro pantheon divino che la realtà. Questo è anche il modo in cui questa civiltà altamente avanzata si è avvicinata all'universo e le credenze religiose spesso si sono fuse con la scienza reale. Il cielo non era solo il grembo di Nut e un vascello di ferro, ma un oceano cosmico che il sole attraversava ogni giorno. La loro conoscenza astronomica era abbastanza vasta da usarla per costruire alcuni monumenti abbastanza precisi da allinearsi con il cosmo. Quando fu costruita la Sfinge, è stato posizionato intenzionalmente far sorgere e tramontare il sole sulle sue spalle. Apparentemente anche gli egiziani erano su qualcosa con la loro visione del ferro nel cielo.

Il contenitore di ferro è una cosmologia rappresentata nei Testi delle Piramidi, che è un documento religioso, e quindi è solo una verità parziale. Ora, il fatto che riconoscano che il cielo è, almeno in parte, fatto di ferro è un'enorme conquista scientifica: significa che sapevano che qualcosa al di sopra della terra conteneva ferro, ha detto Almansa-Villatoro.

Cerca di capire tutto questo la prossima volta che osservi le stelle.



^