Stargate Sg-1

Una storia orale di Stargate SG-1: lo spettacolo che ha superato la sua ispirazione per dare vita a un franchise indimenticabile

>

Nell'estate del 1997, una nuova serie di fantascienza andò in onda su Showtime chiamata Stargate SG-1 . Era basato su un film di tre anni prima, ma ampliava notevolmente le idee introdotte dal film. Stargate SG-1 ha seguito un gruppo di persone che, come parte di un programma con la US Air Force, ha viaggiato attraverso il dispositivo Stargate per visitare altri pianeti, incontrare alieni e trovare modi per difendere la Terra dal malvagio Goa'uld.

Il concetto dello Stargate ha aperto infinite possibilità su dove potesse andare lo spettacolo e, grazie a una combinazione di storie affascinanti e un cast straordinario, è diventato un grande successo. Stargate SG-1 è durato per 10 stagioni e per un po' ha detenuto il titolo di serie di fantascienza più longeva del Nord America. Ha ispirato la creazione di due spettacoli spin-off, Stargate Atlantide e Universo Stargate , ed è stato continuato in due film direttamente in DVD, Stargate: L'Arca della Verità e Stargate: Continuum . quando Universo si è conclusa nel 2011, le cose sono andate tranquille sul Stargate davanti. Cioè, fino al lancio della nuova piattaforma di streaming Stargate Command Le origini dello Stargate nel febbraio 2018.

Con il debutto di Origini e SG-1 avendo recentemente celebrato il 20° anniversario della sua prima, FILO SYFY ha deciso di rivisitare la serie TV che ha ispirato un vasto universo fantascientifico. Attraverso interviste telefoniche separate con il cast e la troupe, torniamo attraverso il cancello per dare un'occhiata SG-1 .



Dal film allo show televisivo

La pellicola Stargate , creato da Roland Emmerich e Dean Devlin, ha debuttato nel 1994.

chi ha lasciato rey su jakku

Brad Wright (co-creatore e produttore esecutivo): Stavo lavorando per la MGM in uno spettacolo chiamato I limiti esterni. Ero nella seconda stagione e mi godevo il concerto e avevo un buon rapporto con la MGM. Quando è uscito il lungometraggio, l'ho guardato come molti altri e ho pensato tra me e me 'questa sarebbe una serie televisiva molto migliore di quella che ha fatto anche come film a causa delle possibilità.'

Jon Glassner, che è stato co-produttore esecutivo con me in I limiti esterni aveva la stessa idea e siamo andati molto d'accordo soprattutto quando ho scritto e lui ha diretto un episodio. MGM ha detto, 'come vi sentite ad essere partner?' che è stata una favolosa opportunità. L'unico aspetto negativo era che volevano che anche noi continuassimo a fare I limiti esterni , così abbiamo fatto. Jon e io - da un grande studio in Canada, Bridge Studios - siamo andati avanti e indietro tra due spettacoli per le prime due stagioni e, in qualche modo, ce l'abbiamo fatta.

Jonathan Glassner (co-creatore, produttore esecutivo delle stagioni da 1 a 3): stavo facendo I limiti esterni per la MGM in quel momento e continuavo a voler partire e tornare a casa perché vengo da Los Angeles e stavamo girando a Vancouver. Alla fine mi dissero: 'cosa ci vorrebbe per farti restare?' Io, pensando che questo fosse un campo lungo e che non sarebbe mai successo, ho detto 'hai questo film ... [che] si prestava meglio ad essere una serie che a un film ... se me lo lasci fare Stargate come serie sarei disposto a restare.'

Il presidente della MGM ha detto: 'Non credo che possa succedere, ma lasciami esaminare la cosa' e poi è tornato due settimane dopo e ha detto sicuro. Apparentemente Brad aveva chiesto la stessa cosa, quindi hanno detto, 'ti dispiace farlo insieme?' e abbiamo detto, 'no, per niente.' Il resto è storia, come dicono...

becher e dr bunsen melata

Brad ed io abbiamo passato tre mesi a studiare letteralmente il film e a dire bene, ci sono tutti questi simboli. Perché porta solo in un posto? Deve portare in altri posti. Come lo risolviamo? Cos'era Ra? Come funziona il cancello? Come fanno le persone a tornare a casa da posti dove c'è il cancello? Abbiamo dovuto capirne tutti i meccanismi.

Wright: Nel film, lo Stargate è andato ad Abydos, dove è rimasto Daniel. La mia proposta a Showtime e MGM era che avrebbe dovuto avere un senso del primo programma della NASA. Queste squadre che attraversano il cancello sono esploratori. Sono come il primo programma degli astronauti e sono stati completamente superati e superati da questi cattivi, che abbiamo ampliato in modo che Ra sia diventato uno di questi alieni che abbiamo chiamato Goa'uld.

Glassner: Una delle cose di cui eravamo molto consapevoli era che non volevamo fare Star Trek . Eravamo consapevoli dell'idea che lo spettacolo fosse ambientato oggi, non in futuro. Abbiamo una tecnologia e una conoscenza limitate e quindi stiamo scoprendo tutte queste cose con il pubblico invece di avere scanner che ci dicono tutto. Questa è stata la nostra grande cosa che ci ha aiutato perché ci ha dato molto umorismo, pericolo e divertimento.

uomo ragno ritorno a casa iron man

Lo spettacolo aveva bisogno di una squadra di talento dietro e davanti alla telecamera. La sua connessione con il film ha aggiunto un altro livello al casting poiché alcuni personaggi sarebbero tornati, ma con volti nuovi.

Robert C. Cooper (sceneggiatore, co-produttore esecutivo stagione 4, produttore esecutivo stagioni 5-10): Prima del pilota, il mio agente mi ha avvicinato. Sapevo che Jonathan e Brad stavano cercando scrittori per il loro staff. Sono volato a Vancouver per incontrarli e proporre loro delle idee. In effetti, penso di essermi fermato su quasi tutto ciò che ho proposto loro, tranne per un'ultima idea usa e getta che avevo che era una specie di battuta. Penso di ricordare che Jonathan abbia finalmente scritto sul suo taccuino dopo averlo visto sedersi lì e non rispondere per la parte migliore del campo. In seguito mi hanno detto che erano rimasti molto colpiti dal fatto che ero volato via da Toronto per incontrarli di persona... Alla fine hanno comprato quell'idea e mi hanno chiesto di scrivere una sceneggiatura. Ho iniziato con uno schema e in base allo schema hanno deciso di portarmi su una base molto temporanea in modo incrementale, come un'audizione fondamentalmente per essere nella stanza. Tutto questo prima di girare il pilot.

Glassner: Sapevamo che volevamo che Daniel e Jack tornassero nello show. Sapevamo di aver bisogno di più personaggi oltre a quello, quindi abbiamo creato Teal'c come un modo per spiegare i Goa'uld ei Jaffa ed ero irremovibile che avessimo un forte personaggio femminile, motivo per cui è stata creata Carter.

Paul Weber (direttore del casting): Ho avuto la fortuna di lavorare alla MGM dal 1995, quando ho iniziato laggiù... Sono stato fondamentalmente legato al team di casting di questo fin dall'inizio e penso di essere stato solo fortunato.

Wright: John Symes, che all'epoca era presidente della televisione MGM, aveva una relazione con Rick dal Macgyver giorni in cui era alla Paramount. Fondamentalmente ha detto solo: 'Sai, quando hai una stella forte al centro del tuo spettacolo, ti aiuterà davvero ad attirare spettatori, specialmente per la prima volta nella tua serie'. Ha menzionato Rick e in un certo senso stavamo parlando del personaggio, è stato un sì naturale. Ricordo che ci siamo guardati molto vividamente e ho pensato che sarebbe stato fantastico!

Michael Greenburg (produttore esecutivo stagioni da 1 a 8): Rick e io l'abbiamo fatto MacGyver insieme alla Paramount. Dopo MacGyver finito, abbiamo fatto alcuni film per la TV e una serie chiamata Leggenda . Richard Dean Anderson ed io siamo partner di produzione della Gekko Film e abbiamo fatto tutto insieme. Abbiamo continuato a passare da un progetto all'altro.

Dopo Leggenda è stato cancellato, siamo a Los Angeles pensando a cosa faremo dopo e penso che abbiamo appena finito un film per la televisione. John Symes, che era il nostro vicepresidente alla Paramount quando faceva MacGyver , mi ha chiamato e mi ha chiesto se conoscevo il film Stargate , che ero. Ha detto perché lo possediamo e vogliamo farne una serie televisiva. Rick e io saremmo interessati? Principalmente Rick, ovviamente, per interpretare il ruolo di Kurt Russell.

film basati su fumetti Marvel

Ho detto che posso chiederglielo, ma il ritratto di Kurt Russell di O'Neill era un militare severo con i capelli a spazzola e tutto il resto e ho detto, 'non trattenere il respiro o trattenere la speranza, ma lo gestirò da lui.' Penso che fossimo in ufficio insieme e ho detto, 'Symes ha chiamato e voleva sapere se siamo interessati a fare Stargate come una serie.' Rick ha detto: 'Non l'ho visto', quindi l'ha guardato e mi ha chiamato da casa e ha detto: 'Non dimenticarlo, assolutamente no'. Non posso interpretare quel personaggio...'

Michael Greenburg e Richard Dean Anderson Stargate SG-1

Michael Greenburg e Richard Dean Anderson sul Stargate SG-1 impostato. Foto di Michael Greenburg.

Rick non pensava di poter rendere giustizia a quel personaggio per molto tempo, in pratica. Ho richiamato Symes e gli ho detto che Rick non era interessato a causa della sua preoccupazione nell'interpretare quel tipo di personaggio. Symes ha detto: 'dì a Rick che può fare quello che vuole con il personaggio e ho anche un impegno di 44 episodi da Showtime'. Così ho richiamato Rick e gli ho detto 'okay, beh, gli ho detto che non eri interessato e lui ha detto che potevi fare tutto quello che vuoi con il personaggio ed è una garanzia di 44 episodi da Showtime', e Rick ha detto che avrebbe fatto esso. Questo ha dato il via al nostro processo creativo Stargate . Ci hanno sposato con Brad Wright e Jonathan Glassner che stavano scrivendo l'episodio pilota. La nostra società Gekko Film Corp. e la loro società Double Secret, si sono unite a noi per realizzare la serie.

Wright: Abbiamo organizzato un incontro e ci siamo incontrati con Richard Dean Anderson e avevamo una sceneggiatura in mano a quel punto e gli sono piaciute le parti divertenti. Ho scritto una riga nel pilot che ha indicato come ciò che vedeva come il personaggio. Quando alla fine dice a Teal'c 'dai' perché Teal'c li aiuta a liberarli. Teal'c dice: 'Non ho nessun posto dove andare' e O'Neill dice, 'per questo, puoi stare a casa mia!' Che era esattamente il punto debole per Richard Dean Anderson. Sì, sta facendo una scena d'azione. Sì, è drammatico e divertente, ma c'è ancora umorismo ed è per questo che siamo andati così d'accordo per così tanti anni. Abbiamo condiviso quella sensibilità secondo cui lo spettacolo dovrebbe essere tanto divertente quanto drammatico.



^