Fanfiction

Un archivio tutto nostro: come AO3 ha costruito un impero di fanfiction senza scopo di lucro e un rifugio sicuro

>

Quando il sito di fanfiction Archivio del nostro è stata concepita e fondata nel 2007, i suoi creatori avevano un obiettivo in mente. Sì, volevano dare ai creatori la proprietà sul proprio lavoro e la libertà di espressione, ma, soprattutto, volevano creare uno spazio indipendente dalla supervisione aziendale.

Archivio del nostro , spesso chiamato AO3, è il braccio più noto del Organizzazione per le opere trasformative , un'organizzazione senza scopo di lucro creata 'per servire gli interessi dei fan fornendo accesso e preservando la storia dei fanwork e della cultura dei fan nelle sue innumerevoli forme'.

In termini più semplici: AO3 è un sito di hosting di fanfiction gestito e gestito da oltre 700 volontari. Il sito esiste esclusivamente sulle spalle di quei volontari - membri del consiglio di amministrazione, organizzatori, programmatori, professionisti delle pubbliche relazioni, avvocati - e del denaro raccolto attraverso due raccolte fondi annuali. Vanta 225 milioni di pagine visualizzate a settimana, secondo Claudia Rebaza, membro dello staff di OTW Communications, su una libreria di oltre 4,5 milioni di opere scritte in lingue che vanno dall'inglese al J.R.R. Il Sindarin immaginario di Tolkien. Con un sistema di tagging abbastanza avanzato da filtrare i lavori in base a ciò che un lettore no voglia di guardare e oltre 1,8 milioni di utenti registrati, AO3 è una sorta di rifugio sicuro per ogni tipo di fan amante delle fic.



Costruire l'Archivio e l'Organizzazione è stato un lavoro d'amore per le donne che hanno tracciato il percorso e le centinaia di fan (anche la maggior parte donne) che l'hanno costruito per 12 anni.

La fanfiction esisteva molto prima di Internet, ma quando i siti web in grado di ospitare fic (soprattutto social media e siti di blog) si sono resi conto che potevano trasformare le fanfiction originali dei propri utenti in contenuti redditizi generati dagli utenti all'inizio e alla metà degli anni 2000, la protesta è stata immediata . All'improvviso c'erano delle regole. Forse la cosa più significativa è che il contenuto esplicito in tutte le sue forme è stato bandito per rendere la fanfiction qualcosa che gli inserzionisti potrebbero voler sponsorizzare. Anche i siti di hosting di fanfiction amati da tempo hanno iniziato ad autocensurarsi, incluso FanFiction.net, che è stato lanciato per la prima volta nel 1998 e ha vietato i contenuti classificati NC-17 nel 2002.

“Non potevi avere cose troppo esplicite, non potevi avere cose troppo erotiche. Un gruppo cristiano conservatore potrebbe lamentarsi e dire: 'Oh mio Dio, Harry Potter sta facendo sesso in questa storia', e poi tutte quelle storie sarebbero sparite,' Francesca Coppa , un professore di inglese al Muhlenberg College e una delle donne identificate come fondatrici dell'Archivio, ha detto a SYFY WIRE.

Sgomento per la situazione, Coppa e i suoi co-fondatori, autrice di fantascienza e fantasy Noemi Novik e Rebecca Tushnet , un professore di diritti del Primo Emendamento all'Università di Harvard, ha deciso di fare qualcosa al riguardo. Hanno lavorato insieme agli altri membri del consiglio di fondazione, un gruppo di sette fan e creatori appassionati e 'incredibilmente collaborativi', per creare un nuovo tipo di archivio. Il fatto che avessero i mezzi e le risorse per farlo parla all'ampia fascia demografica attratta dalla fanfiction.

'C'è un equivoco sul fatto che le persone che scrivono fanfiction siano tutte come ragazze di 12 anni', dice Coppa. 'E ci sono ragazze di 12 anni [che scrivono fanfiction] e, tra l'altro, sono scrittrici fantastiche... Combatterò fino alla morte per quelle ragazze di 12 anni che scrivono fiction. Un giorno domineranno il mondo. Ma non sono solo loro.'

Hanno trovato la loro squadra - un mix per lo più femminile di programmatori, contabili, bibliotecari, designer di interfacce utente e altri professionisti che hanno capito la complessità di un tale compito - nelle varie chat room e siti di blog come LiveJournal dove esisteva già la comunità di fanfiction . Nei primi due mesi di esplorazione dell'idea, il consiglio di fondazione ha raccolto oltre 100 volontari, un mix di scrittori e lettori di fanfic; hanno creato comitati per supervisionare tutto, dalla costruzione del sito dalle fondamenta alle pubbliche relazioni. A causa del lavoro svolto da questi volontari, Coppa dice che lei, Novik e Tushnet sentono che non potrebbero mai assumersi la piena responsabilità come unici 'fondatori'.

AO3 è stata una partnership sin dal primo giorno, spiega Coppa, e quella partnership ha saputo sfruttare una forza lavoro globale. Sapevano anche quanto sarebbe stato importante mantenere l'Archivio il più indipendente possibile. Così, per mantenere intatto e funzionante l'Archivio, hanno fondato l'Organizzazione per le Opere Trasformative, che Coppa chiama 'un'isola senza scopo di lucro nel mezzo di un paesaggio incredibilmente commercializzato'.

'Se fosse stata un'organizzazione a scopo di lucro, saremmo stati acquistati nel 2011. La cattiva notizia è che... per me sarei ricchissimo', dice Coppa ridendo. 'Tumblr è uscito insieme a noi e se avessimo detto 'sì, stiamo solo creando un'azienda,' qualcuno ci avrebbe offerto milioni e milioni'. Tumblr, il sito di blog orientato ai fandom, è stato acquisito da Yahoo! Inc. nel 2013 per 1,1 miliardi di dollari, una cifra che fa solo ridere di più Coppa. 'Se non fossimo femministe e non fossimo impegnati in un'esperienza senza scopo di lucro, saremmo stati acquistati da Yahoo! o Verizon o qualcuno del genere. Ma eravamo [femministe], quindi abbiamo creato un'organizzazione no-profit in modo che non potesse essere venduta.'

Continua: 'Sono più grata per questo ogni singolo giorno. È uno spazio che appartiene a noi e alla comunità e non è soggetto alle pressioni commerciali a cui è soggetto gran parte del resto di Internet.'

È qui che entra in gioco il nome: un 'archivio tutto nostro' che appartiene alla comunità delle fanfiction. Sì, il riferimento a 'Una stanza tutta per sé' di Virginia Woolf è intenzionale.



^