Thor: Ragnarok

La divertente storia delle origini dietro i nomi delle astronavi in ​​Thor: Ragnarok

>

Il Thor: Ragnarok Il tour stampa continua in vista dell'uscita del film all'inizio del prossimo mese, e stiamo lentamente imparando sempre di più su come è stata realizzata la terza avventura da solista di God of Thunder. Solo pochi giorni fa abbiamo scoperto come Hulk è finito nel film, e ora stiamo imparando un dettaglio leggermente più sottile: come le astronavi del film hanno preso i loro nomi.

Come avrete notato dai trailer, questo è un film molto cosmico. Non è solo Thor che salta sul Bifrost e va in qualunque regno scelga. Ci sono pianeti e alieni e, naturalmente, astronavi. Il regista Taika Waititi ( Cosa facciamo nell'ombra ) aveva il compito di portare tutte queste navi sullo schermo in un modo che, in precedenza, solo James Gunn ( Guardiani della Galassia ) aveva davvero fatto su così larga scala per la Marvel.

In una nuova intervista per tripla j in Australia , Waititi — che si stava imbarcando nel suo primo grande film di successo americano con Ragnarok — ha spiegato come ha aggiunto ulteriore comfort al processo di realizzazione del film confezionandolo con i sapori di casa (Waititi viene dalla Nuova Zelanda). Quindi, ha assunto attori locali aborigeni e maori (Waititi ha radici maori) per il film, ha reclutato stagisti locali per le riprese australiane del film e ha persino permesso ai registi locali di venire a osservare la produzione.



ragnarokships.jpg

Ha anche lasciato cadere alcune uova di Pasqua per se stesso durante il film, inclusi i nomi dell'astronave. Secondo Waititi, prendono tutti il ​​nome da modelli classici rilasciati da La casa automobilistica australiana Holden.

«Tutte le astronavi prendono il nome da Holdens. Il Commodoro... e la grande nave alla fine si chiama Statesman... e poi ci sono come la Torana, Kingswood... E poi la nave su cui volano, la Commodore, abbiamo praticamente preso tutti i colori dalla bandiera aborigena, e come risistemato tutto intorno al design della nave. Quindi è rosso, nero e giallo. Quindi sì, gli eroi del film stanno scappando da questo mondo sulla bandiera aborigena.'

Grandi successi di supereroi come Ragnarok può spesso guadagnarsi la reputazione di essere troppo omogeneizzato, troppo del cinema per commissione. Con questo film, Waititi ha chiaramente colto ogni opportunità possibile per iniettarci la sua personalità, e questo dovrebbe renderlo un prodotto molto eccitante. Dai un'occhiata alle sue osservazioni complete di seguito.

Thor: Ragnarok è al cinema il 2 novembre



^