Buon Mese Di Bae

Alex Summers, himbo residente degli X-Men

>

Quando hai un fratello maggiore famoso come Ciclope, lascia un ragazzo con un bel po' di cose da fare, e il nostro caro Havok (alias Alex Summers) ha davvero faticato. Mentre Scott abbracciava la sua vita come leader degli X-Men (una specie di), Alex voleva solo studiare geofisica e lasciare le decisioni difficili ad altri - fino a quando un giorno fu costretto dal destino a diventare un X-Man, il giorno in cui il suo lo status di himbo residente degli X-Men iniziò ufficialmente.

Alex Summers potrebbe essere meglio conosciuto per essere il fratello minore per lo più accidentale di un importante X-Man, ma è anche un bel disastro con una debolezza debilitante per le donne dominanti, e se c'è qualcosa a cui possiamo relazionarci, è quello. Poiché nessun X-Man ha la stessa storia esemplare di fare le peggiori scelte possibili in ogni momento, siamo venuti qui oggi per onorare il suo bel viso e la sua completa mancanza di buon senso.

havok 6

Uncanny X-Men #55, scritto da Roy Thomas, disegni di Don Heck e Vince Colletta, caratteri di Jean Izzo



uomini in nero ragazzo alieno

Ops, sono un X-Man

Il tragico retroscena di Scott Summers è che era apparentemente orfano in un incidente aereo, è caduto in un coma di un mese ed è emerso da solo e spaventato in una scuola che era segretamente gestita da Mister Sinister. Il tragico passato di Alex è che era il fratello di Scott. Per il resto, le cose sono andate abbastanza bene per lui. Fu rapidamente adottato e visse una vita abbastanza privilegiata. Non sapeva nemmeno che Scott fosse sopravvissuto all'incidente, e se Scott non glielo avesse mai detto, la sua vita sarebbe stata abbastanza tranquilla altrimenti.

Alla fine si è unito agli X-Men come fanno molte persone, per puro caso, dopo essere stato rapito. Un idiota noto come il Faraone Vivente lo afferrò dalla sua laurea e lo gettò proprio su un tavolo di metallo per sperimentare. Alex si è svegliato, gli X-Men sono intervenuti, Scott ha ammesso di essere il fratello di Alex, e Alex ha avuto una risposta bizzarramente fredda a tutto ciò.

Tuttavia, Alex non era ancora esattamente venduto come un avventuriero in costume. Ha attirato l'attenzione dell'altrettanto irrequieta Lorna Dane, e i due si sono ritirati per sempre dai supereroi, hanno finito le loro tesi e sono diventati esperti nel loro campo. Scherzo, è successo il contrario.

havok 3

Uncanny X-Men #219, copertina di Bret Blevins

Immagino che potrei andare in entrambi i modi: la storia di Alex Summers

Se c'è una cosa che ha definito Alex Summers, è che è facilmente portato fuori strada, e questo è qualcosa che non è cambiato molto nei suoi 50 anni come membro del cast di supporto degli X-Men. Alla fine si unisce alla squadra a tempo pieno dopo aver praticamente abbandonato Lorna per essere attaccato e posseduto da uno dei Malandrini, il mutante di nome Malice. Posseduta Lorna dice cinque cose cattive ad Havok e quindi lo schiaccia completamente, lasciandolo vulnerabile agli eventi veramente caotici di Inferno.

Mentre è bloccato in un loop di colpa, Alex diventa vicino alla moglie di Scott, Madelyne Pryor, che Scott aveva recentemente lasciato per riunirsi con l'amore passato Jean Grey. Pryor, che sta attraversando le sue cose in questo momento, accetta volentieri la lealtà indiscussa di Alex nei suoi confronti. Cambia il suo stato di relazione - non su Facebook, ma dandogli un minuscolo costume identico al suo e riferendosi a lui come al suo Principe Goblin. Carino!

Quest'era è forse quella in cui Alex è al suo massimo himbo. Non riesce ad essere lì per Lorna, quindi inciampa su se stesso per fare amicizia con la moglie di suo fratello. Nel Wolverine/Havok: Meltdown serie, ripete questo errore quasi esattamente con un'altra rossa di nome Scarlett. Ci sono due cose essenziali che impariamo su Havok: 1) ha un tipo e 2) quel tipo sono donne cattive a cui non importa se vive o muore. Ancora una volta, lo giudicheremmo se non ci relazionassimo così tanto.

havok 11

Uncanny X-Men #242, scritto da Chris Claremont, disegni di Mark Silvestri, Dan Green e Glynis Oliver, caratteri di Tom Orzechowski

Il tipo di leader di X-Factor

Oltre ad essere bravo a controllare la mente, Havok è anche estremamente talentuoso nell'essere uno dei leader degli X-Men più disinteressati di tutti i tempi. Finisce per essere eletto leader di X-Factor per ragioni completamente arbitrarie nonostante il fatto che Lorna sia chiaramente il vero leader della squadra. La dissonanza cognitiva di leggere un fumetto dopo l'altro di Polaris che prende tutte le decisioni difficili, eppure tutti cercano risposte in Alex, è una di quelle cose che ti farà andare oltre il limite se lo guardi troppo a lungo. Inoltre, è ingiusto nei confronti di Alex, che sarebbe molto più felice di lasciare che qualcun altro prenda le redini. L'intera faccenda è un ottimo esempio di come la mascolinità tossica danneggi anche gli uomini. Alex vuole solo uscire e ascoltare i Pink Floyd e pensare a quanto le rocce siano molto belle, in realtà. Costringerlo alla leadership nonostante la sua chiara mancanza di impegno per il ruolo non fa alcun favore a nessuno.

In seguito assume il ruolo di leader annoiato degli Uncanny Avengers. La calamita Himbo Janet Van Dyne gli chiede immediatamente di uscire, e i due vivono una vita di realtà alternativa in cui hanno una figlia di nome Katie. Tutto questo è completamente dimenticato, quindi va bene se non lo ricordi. Havok praticamente no!

havok 10

Mutant X #1, copertina di Tom Raney

Pantaloni a vita bassa e sogni a vita alta

Nella realtà alternativa di Mutant X, Alex riesce finalmente a intervenire e praticamente vive la vita di Scott. È sposato con Madelyne Pryor e ha un figlio con lei di nome Scotty. Laddove suo fratello ha sperimentato una profonda repressione emotiva come leader degli X-Men, Alex prospera estendendo la sua simpatia ai suoi compagni di squadra per lo più irredimibili nei Sei. Laddove Scott ha lasciato Maddie e suo figlio, Alex è al suo fianco ed è un buon padre per il loro bambino. Sì, è inquietante che il modo in cui Alex si è ripreso dall'essere perennemente controllato dalla mente sia stato il gioco di ruolo nei panni di suo fratello, ma ascolta: è stato catartico. Aveva bisogno di Mutant X. Ha imparato da esso. È cresciuto.

Sto scherzando, praticamente non ci pensa mai più dopo essere stato rispedito alla 616, dove è diventato un coglione molto più grande.

incredibile uomo ragno 36
havok 8

Hellions #1, copertina di Stephan Segovia

E questo ci porta ad oggi

La maggior parte delle apparizioni di Alex da Mutant X sono state quelle che cercavano goffamente di inserirsi in un ruolo di leadership, continuando a bombardare la sua relazione con Lorna, o frequentando lo spazio profondo con drammi familiari e combattendo lo Shi'ar. Attualmente è su Krakoa, al servizio di altri pericolosi mutanti dopo aver ucciso accidentalmente due persone durante un episodio ancora indefinito.

Certo, Alex è un leader terribile, ma lo sappiamo solo perché gli scrittori continuano a provare contro ogni previsione per costringerlo a essere qualcosa che non è. Il suo mandato come leader non ha funzionato, il suo ruolo di fratellino di Scott non ha funzionato – forse solo dare a questo ragazzo la possibilità di vivere libero ed essere il vero himbo che è nato per essere, gente. Solo un suggerimento.

havok 7

X-Men #180, scritto da Peter Milligan, disegni di Roger Cruz, Victor Olazaba e Liquid!, caratteri di Cory Petit



^