L'abisso

The Abyss compie 30 anni: come James Cameron ha superato i limiti e ha quasi ucciso i suoi attori

>

Ci sono certe cose per cui puoi sempre contare su James Cameron. Uno, i suoi film faranno sempre una quantità ridicola di denaro. Due, hanno detto che i film giocheranno parti indelebili nel definire la cultura pop del loro tempo. E tre, gli attori che appaiono in loro dovranno probabilmente attraversare l'inferno e tornare indietro per far sì che tutto accada.

Con un incasso mondiale al botteghino di 6,222 miliardi di dollari, i film di James Cameron hanno guadagnato più soldi di quelli di Christopher Nolan, Tim Burton e David Yates del Harry Potter serie. Non troppo malandato, considerando che ha realizzato solo nove film in tutta la sua carriera. Eppure quei nove film sono state aggiunte rivoluzionarie al mondo del genere blockbuster. La sua volontà di spingere i confini degli effetti speciali nella loro integrazione con gli strumenti tradizionali della narrazione cinematografica lo ha reso un'icona in un'azienda che è pronta a uccidere i suoi idoli. Fuori dalla telecamera, è altrettanto avventuroso, avendo raggiunto il fondo della Fossa delle Marianne ed è diventato la prima persona a farlo in una discesa in solitaria. Ma probabilmente lo conosci meglio per il Terminatore film, o Avatar , o Titanic . Quando pensi a Cameron, vedi l'enfasi per il grande schermo, spettacoli vertiginosi che sfidano le credenze e aprono la strada al futuro del medium. Ora, James Cameron non ha mai veramente fatto un flop ⁠— a meno che non conti il ​​suo debutto alla regia, Piranha II: La deposizione delle uova , ma nel complesso i suoi film sono tutti discussi con affetto e come opere di grande impatto.

Ma poi c'è L'abisso , che compie 30 anni questo mese.



In molti modi, L'abisso è l'esemplificazione perfetta di ciò che significa essere un film di James Cameron: è una meraviglia tecnica che premia l'innovazione rispetto alla narrazione o al personaggio, con dietro le quinte drammatici e che sfidano la morte come qualsiasi cosa accada nella trama. Per gli standard di Cameron, è allo stesso tempo un risultato sbalorditivo e una specie di delusione. Il film ha debuttato al numero due al botteghino nazionale, appena dietro la commedia paternità , e ha continuato a incassare 90 milioni di dollari da un budget di circa 45 milioni di dollari — numeri non disastrosi ma comunque un leggero successo rispetto a alieni e Il Terminator . Ma per un uomo la cui carriera è così fortemente definita da produzioni fatte su misura per persone con desideri di morte, L'abisso potrebbe essere il film più pazzo che Cameron abbia mai realizzato.

L'abisso è la storia di una squadra dei Navy SEAL inviata per salvare un sottomarino nucleare affondato in circostanze misteriose e preso di mira dai sovietici. Ad accompagnare Virgil 'Bud' Brigman, il caposquadra della missione, c'è il dottor Lindsey Brigman, un ingegnere che ha aiutato a progettare la piattaforma di perforazione utilizzata come base operativa. È anche l'ex moglie di Bud. Mentre la squadra lotta con inondazioni, tensioni e il rischio di ipotermia, diventa presto chiaro che c'è qualcosa di molto più grande che sta accadendo sotto la superficie del mondo.

Il 40% delle riprese principali del film (escluso il lavoro in CGI) si è svolto sott'acqua. Quell'unico passo ha richiesto un'enorme quantità di preparazione e innovazione. Ad esempio, il cast e la troupe si sono allenati per una settimana alle Isole Cayman sulle immersioni subacquee prima dell'inizio della produzione. Per filmare sott'acqua e comunicare con la sua squadra, Cameron ha chiesto alla sua società di produzione di progettare un'attrezzatura completamente nuova per il lavoro. I piani originali per girare il film alle Bahamas, dove si svolgeva la storia, sono stati naufragati perché Cameron aveva bisogno di avere il controllo totale sull'acqua, cosa che non è facile da fare nemmeno in una vasca. Il più grande serbatoio d'acqua disponibile per tali produzioni si trova a Malta, ma non era abbastanza grande per Cameron. Invece, si è rivolto a una centrale nucleare abbandonata nella Carolina del Sud, che conteneva un ex recipiente di contenimento del reattore che poteva contenere oltre 7,5 milioni di galloni d'acqua e impiegava cinque giorni per riempirsi.

è il paradosso di Cloverfield relativo a Cloverfield

Nel film, il concetto di respirazione liquida è una parte fondamentale della storia, usata dal personaggio di Ed Harris come un modo per tuffarsi per migliaia di piedi senza comprimersi. Questa è una cosa reale, ma più teoria che realtà per gli umani. È stato testato sugli animali e un topo nel film è stato un vero soggetto di prova per la respirazione liquida, ma quando è arrivato il momento per Harris di filmare la scena, ha semplicemente trattenuto il respiro all'interno di un casco pieno di liquido mentre veniva rimorchiato sotto la superficie. Incredibilmente, questa non è stata una grande esperienza per Harris.

Non è stato esattamente un brivido nemmeno per il resto del cast, che ha girato tutti settanta ore a settimane per sei mesi. Mary Elizabeth Mastrantonio ha avuto un crollo fisico ed emotivo sul set e Harris ha ammesso di essere scoppiato in un impeto di singhiozzi mentre guidava verso casa un giorno a causa dello stress. A un certo punto, un temporale ha fatto un buco nel telo nero che copriva il serbatoio, e poiché la riparazione ha richiesto troppo tempo e la produzione stava già scadendo, hanno iniziato a girare di notte. Troppa esposizione al cloro ha bruciato la pelle dei subacquei e ha reso i loro capelli bianchi. Le tensioni sono arrivate a un punto di ebollizione durante una scena, in cui il personaggio di Mastrantonio si sacrifica prima di essere rianimato da Harris.

Come ha spiegato Harris a Intrattenimento settimanale : 'Eravamo cavie, in un certo senso, Jim non era sicuro di come sarebbe andato tutto a finire... [nella scena dell'annegamento stavo] urlandole di tornare indietro e svegliarsi, e io le stavo schiaffeggiando sul faccia e vedo che hanno finito la pellicola nella telecamera - c'è una luce sulla telecamera - e nessuno aveva detto niente. E Maria Elisabetta si alzò e disse: 'Non siamo animali! e se ne andò dal set. Mi avrebbero lasciato continuare a schiaffeggiarla!'

Ad un certo punto durante la produzione, anche Cameron stesso quasi morto. Mentre in fondo a questo gigantesco set subacqueo, l'AD che avrebbe dovuto monitorare i livelli di ossigeno del regista era improvvisamente fuori servizio e Cameron sapeva che doveva prendere aria rapidamente. Si tolse tutta la sua attrezzatura, compreso il casco, e cercò di mettersi in salvo. Un subacqueo di sicurezza è andato ad aiutarlo offrendogli l'erogatore di riserva, ma era difettoso e Cameron ha finito per aspirare accidentalmente molta acqua. Cameron ha lottato per liberarsi, ma il sommozzatore ha pensato che fosse angosciato e lo ha tenuto stretto fino a quando Cameron non gli ha dato un pugno in faccia. Presto lasciò andare e Cameron si mise in salvo.

E solo per rendere le cose un po' più insopportabili? Il divorzio sullo schermo dei personaggi principali è stato rispecchiato nella vita reale, poiché Cameron e il produttore Gale Anne Hurd hanno divorziato mentre il film era in pre-produzione.

Allora per cosa era tutto? Qual è il risultato finale?

L'abisso è un film curioso, pieno zeppo di eccitazione e brividi visivi che ha un finale davvero selvaggio. In generale, Cameron non è un regista interessato a un solido arco narrativo per i suoi personaggi, ma è anche un sentimentale nel cuore, non diversamente dai coorti di successo Steven Spielberg e George Lucas. Può funzionare. Titanic è ancora, a mio modesto parere, il suo miglior film in gran parte perché prende sul serio il melodramma di quella storia d'amore centrale così come lo spettacolo della nave che affonda. Insieme a L'abisso , è un equilibrio molto meno soddisfacente, e il film avrebbe seriamente tratto beneficio dal fatto che Cameron semplicemente mettesse da parte le sue allusioni e si impegnasse a farla diventare un'esperienza tecnica piuttosto che emotiva. Tuttavia, il problema principale è il cambiamento di genere. quando L'abisso diventa completamente fantascientifico, stranamente rende il film molto meno interessante. I brividi diminuiscono quasi immediatamente e l'approccio sentimentale non ripaga. Tutto diventa sciocco ma non in modo consapevole che può essere estratto per divertimento. Gli attori stanno facendo del loro meglio e il ragazzo è la loro agonia per questo incubo di una ripresa evidente, ma possono fare solo così tanto. Loro, come tutto il resto, sono sopraffatti.

Dopo l'uscita nelle sale, Cameron avrebbe poi continuato a cambiare radicalmente gran parte del film con il suo taglio da regista. Una buona mezz'ora è stata tagliata dal tempo di esecuzione, i pezzi principali del set sono stati modificati o rimossi e Industrial Light & Magic è stato portato a bordo per completare le sequenze CGI che non avevano la tecnologia per anni prima. Il risultato finale è un film che è stato accolto molto meglio dalla critica, anche se ha ancora i suoi problemi. Certo, non è che la reputazione di Cameron avesse bisogno di essere ricostruita o altro negli anni '90. Il tipo ce l'ha fatta Titanic , Dopotutto.

Mentre Cameron continua la produzione apparentemente infinita dei primi due Avatar sequel (quattro sono previsti), mantiene la sua identità di pazzo avventuriero più importante di Hollywood. Per Avatar 2 , a molti degli attori è stato insegnato come immergersi in apnea per quelle che lui promette saranno ulteriori prodezze tecniche oltre i confini nella cattura di scene subacquee. Se il cast ha bisogno di consigli su come sopravvivere all'uragano Cameron, il cast di L'abisso avrebbe certamente capito.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^