Doug Jones

8 motivi per cui Hellboy II: The Golden Army di Guillermo del Toro è una gemma sottovalutata

>

'Ho alcune inclinazioni. Ho dei feticci per certi oggetti e certe cose, e mi piace esplorarli ancora e ancora.'

Questa citazione del nuovo premio Oscar Guillermo del Toro è arrivata durante un'intervista con Sparatoria di Hollywood subito dopo aver completato il suo secondo Ragazzo infernale film nel 2008, ed è raccontato nel suo libro Gabinetto delle curiosità . Chiunque sia un fan del lavoro di del Toro vedrà sicuramente a cosa sta andando: tutti i suoi film coinvolgono il fantastico, i mostri (sia metaforici che letterali) e, di solito, le inquadrature di ingranaggi meccanici. È un artista che non nasconde mai ciò che ama, e quell'amore irrompe in ogni suo film. Uno dei casi più gioiosi di quell'amore è il 2008 Hellboy II: L'esercito d'oro .

È stata una grande estate per il genere quando L'esercito d'oro ha debuttato — non solo l'ha fatto Uomo di ferro lanciare inaspettatamente l'MCU (prendendo tutti di sorpresa), ma Il Cavaliere Oscuro devastato chiunque e tutti i venuti e Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo ha anche rubato una buona parte dei riflettori al botteghino. Il seguito dell'originale di Del Toro Ragazzo infernale (2004) è uscito in mezzo a tutta questa follia e, di conseguenza, è stato un po' trascurato. Anche oggi, quando si discute dell'opera di del Toro, L'esercito d'oro è per lo più considerato come un ripensamento.



Il primo Ragazzo infernale il film è fantastico (soprattutto il taglio del regista) e ha dato vita cinematografica a Hellboy, alias Anung Un Rama. Il seguito, tuttavia, è su un altro livello. Venendo dopo il gigantesco classico fantasy di Del Toro Labirinto di Pan , il sequel sembra che quel film si sia unito al primo Ragazzo infernale film, è diventato davvero alto e ha dato vita a un nuovo film. L'esercito d'oro è tutto fantastico nel primo film, tranne per il fatto che manda via Myers (il personaggio umano 'radicato') e lo spiega con una riga. Con lui andato, gli elementi fantastici regnano davvero e Hellboy si ritrova in un mondo assolutamente glorioso di fantasia e mitologia.

quanti film discendenti ci sono

Ora che del Toro sta ricevendo tanti elogi (giustamente) per l'eccellente La forma dell'acqua , è il momento perfetto per esplorare 8 motivi per cui Hellboy II: L'esercito d'oro è un film molto sottovalutato.

Marionette del prologo di Hellboy II: The Golden Army (Guillermo del Toro)

IL PROLOGO DEL PUPAZZO

Hellboy II inizia con un flashback e vediamo Hellboy quando era molto più piccolo. Rivediamo anche il Professor Broom di John Hurt, morto nel primo film. I legami tra padre e figlio sono già forti, e ben presto il Professore insiste che Hellboy spenga il suo amato episodio di Ciao Doody e vai a dormire.

Anche se il professore chiama Howdy Doody un 'pupazzo infernale', Hellboy non se la prende. Pensa di essere reale, ma questo è un argomento per un'altra volta... quello che chiede, tuttavia (alla maniera di molti bambini), è una favola della buonanotte. Il professor Broom lo obbliga.

La storia scelta prevede la creazione dell'esercito d'oro dal titolo del film e costituisce il prologo del film sotto la narrazione di Hurt. Dal momento che Hellboy si era appena dilettato in un mondo di burattini, del Toro illustra questa storia da tempo dimenticata di uomini, elfi e goblin in forma di burattini. Le figure sembrano personaggi quasi scolpiti nel legno, e il risultato è un'apertura che trasmette tutte le conoscenze necessarie in modo meravigliosamente artistico. È un bel modo per iniziare il film, e alla fine della storia il piccolo Hellboy si tira su le coperte, tenendo in mano una pistola giocattolo da cowboy. La sequenza viene ulteriormente ripagata in seguito quando un altro personaggio menziona l'Esercito d'Oro e Hellboy dà uno sguardo momentaneo e distante prima di dire a se stesso, 'Ciao Doody...'

Hellboy II: The Golden Army - Hellboy sulla difensiva

TUTTI ODIA HELLBOY

Il ritratto di Hellboy di Ron Perlman è brillante e questo film gli permette di brillare davvero. A Hellboy non è mai piaciuta la segretezza di cui è stato gravato per tutta la vita, e in una delle prime scene trova un modo per esporre se stesso (e il suo ufficio 'top-secret') al mondo. È certo che sarà amato, e proprio prima di essere buttato fuori da una finestra, dice: 'mondo, eccomi qui...'

Una volta scoperto, il mondo non lo ama esattamente.

Hellboy, nonostante tutte le sue qualità umane, è un demone. L'umanità non accetta demoni o mostri, e non accetta Hellboy. Ha gettato la spazzatura contro di lui, è chiamato brutto, e in una delle scene più strazianti del film, una madre a cui ha appena salvato il bambino si spaventa da lui. Non solo ha appena salvato il bambino di questa donna, lo ha fatto mentre distruggeva una creatura fantastica. Sì, è stato utilizzato in modo distruttivo dall'antagonista del film, il principe Nuada, ma è stato comunque un tradimento della stessa specie di Hellboy. Ha fatto un enorme sacrificio per l'umanità e gli lanciano pietre addosso per paura.

Liz Sherman di Selma Blair non sta avendo questo. Accende i suoi poteri piromantici (mostrando a tutti cosa è veramente) e la folla saggiamente si ritira. Hellboy si infuria e urla contro di loro dopo il commovente discorso di Liz su come tutti vogliono solo aiutare? Lui no. Vuole solo portarla a casa.

Perlman inchioda la commedia del ruolo. Azzecca le battute, l'azione ed è in grado di proiettare quasi tutto attraverso l'enorme rack di protesi che deve indossare, ma il vero potere della sua performance arriva in momenti malinconici come questo. La sua tristezza per non essere stato accettato è schiacciante, e tutto ciò che vogliamo è abbracciarlo e dirgli che lo amiamo. Da questo momento in poi, il film ci ha saldamente dalla parte dei mostri, se non fossimo già lì.

BARRY MANILOW

Parlando di malinconia, una delle scene più inaspettate arriva quando sia Hellboy che il suo amico uomo-pesce Abe Sapien si siedono e discutono dei loro rispettivi problemi con amore davanti a diverse birre. Sebbene Abe protesti che il suo corpo è un tempio, Hellboy lo informa che ora è 'un parco di divertimenti'.

Ad Abe viene dato molto di più da fare in questo film, e Doug Jones non solo continua a fornire l'incredibile lavoro fisico, ma gli è anche permesso di usare la propria voce. Il risultato è un personaggio più completo, e lo sentiamo davvero quando si innamora della principessa elfica Nuala. L'ha appena conosciuta, ma la ama lo stesso. Hellboy sta attraversando un brutto periodo con Liz, ma la ama altrettanto. Cosa devono fare questi due, se non mettere su la loro canzone preferita segreta?

Prima che ce ne rendiamo conto, i due stanno cantando insieme a 'Can't Smile Without You' e trangugiando Tecate. Un enorme uomo rosso e il suo magro amico blu seduti sulle scale che cantano Barry Manilow: è una scena di cui non ti rendi conto di cui la tua vita ha bisogno finché non la vedi qui.

Hellboy II: The Golden Army - Hellboy e Johann Kraus

PRESENTAZIONE DI JOHANN KRAUS

A causa del comportamento di Hellboy, Washington invia un nuovo agente al Bureau for Paranormal Research and Defense perché si prenda cura di lui. L'agente che inviano non è altri che Johann Kraus, uno spirito ectoplasmatico disincarnato in una tuta di contenimento. Il mio piede sinistro di certo non ha un carattere del genere.

Johann è doppiato perfettamente da I Griffin creatore Seth MacFarlane, ed è probabilmente la cosa migliore che MacFarlane abbia mai fatto. Il suo tempismo comico è perfetto e del Toro è in grado di utilizzare tutti gli effetti fantasma (e l'uso di 'Teleplasty' da parte di Johann) con ottimi risultati. È in grado di far rivivere una creatura in miniatura 'fatina dei denti' per l'interrogatorio, incarna una serie di armadietti per picchiare Hellboy (sul serio), e quindi usa questi poteri in modo molto soddisfacente nel finale del film. Certo, è un uomo d'affari... ma è stato conquistato dalla parte del Team Hellboy entro la fine del film.

Hellboy II: The Golden Army - Il suonatore di flauto del mercato dei troll

IL MERCATO DEI TROLL

Questa è la scena del film in cui il design impazzisce davvero. Ricorda scene come la visita alla cantina di Mos Eisley in Star Wars: una nuova speranza , questa è una scena che mostra di cosa sono veramente capaci del Toro e il suo team quando si tratta di creare creature.

In viaggio verso il mercato dei troll in cerca di informazioni, Hellboy è sbalordito dalle creature che vede, dicendo persino a Liz che 'nessuno ci sta guardando!' Questo è per una buona ragione. Ogni centimetro del luogo è pieno di una sorta di creatura fantastica, ed è impossibile catturare tutto in una prima, seconda o anche terza visione. Realizzate quasi interamente con effetti pratici, le creature sono vive, belle e stimolanti. Il fatto che questa scena includa anche un 'tumore' di un troll spiritoso (così come la lotta di Hellboy con Mr. Wink) lo rende indimenticabile.

Hellboy II: The Golden Army - Il re degli elfi

IL RE NELLE FOGNE E GLI ULTIMI ELEMENTALI

La tradizione fantasy occupa un posto di primo piano per questo film e fornisce anche la maggior parte del conflitto. Elfi, goblin e tutti i tipi di creature mitiche sono stati messi da parte e costretti a vivere in luoghi segreti (come il mercato dei troll) se vogliono sopravvivere. Sappiamo dal prologo che l'uomo ha dato le foreste agli elfi, ma da allora le foreste si sono probabilmente ridotte rapidamente, no?

Dove tiene il suo trono il re delle fate? Nella fogna. Il suo dominio potrebbe avere un bagliore dorato autunnale e una soffice pioggia di foglie che cadono costantemente, ma c'è anche un enorme tubo di scarico proprio accanto a lui. Anche suo figlio, il potente principe Nuada, si allena in una fogna: le sue sequenze di allenamento vengono solo leggermente disturbate quando un vagone della metropolitana gli sfreccia accanto.

L'uomo ha dimenticato la mitologia e, per citare un altro famoso film fantasy, 'alcune cose che non avrebbero dovuto essere dimenticate sono andate perdute'. Alcuni degli esseri mitici si accontentano di essere messi in disparte e muoiono in silenzio, ma non il principe Nuada. Non si fermerà davanti a nulla finché la sua specie non avrà ripreso il posto che gli spetta: scatenerà il caos per farlo, ma lo farà. Anche la sua tesi non è priva di fondamento. Possiamo vedere il suo punto, e questo lo rende un interessante supporto per gli eroi del film, specialmente Hellboy.

Abbiamo già parlato di questo momento, ma in una delle scene più potenti del film, Hellboy deve combattere un gigantesco mostro che distrugge le città scatenato da Nuada. Poco prima che Hellboy spari con la sua pistola esageratamente sovradimensionata contro la cosa, uccidendola, appare Nuada. Informa Hellboy che questa non è solo una creatura casuale di distruzione, ma un Elementale della Foresta, e l'ultimo del suo genere. Questa creatura di tale bellezza epica è un innesco per allontanarsi dall'estinzione: Hellboy lo ucciderà davvero per salvare un gruppo di umani che lo odiano? Distruggere una creatura così magica sarebbe una tragica perdita, ma Hellboy fa comunque il suo dovere. Preme il grilletto e l'ultimo elementale va giù.

Muore, ma lo fa in modo fantastico. Ogni pezzetto di terra lastricata che l'elementale ha toccato si trasforma in una foresta lussureggiante e verde, incluso un tubo di manutenzione che erutta vapore. Per un breve momento c'è una foresta mitica nel mezzo della città, e poi gli umani diventano di nuovo cattivi.

Hellboy ha fatto la scelta giusta? L'uso da parte di Nuada dell'essere simile a un dio era ingiusto in primo luogo? Non abbiamo risposte a queste domande, ma il film ci fa sempre riflettere. Questo ha molto più potere del semplice 'giusto contro sbagliato'. Contribuisce anche alla decisione del Team Hellboy di lasciare il B.P.R.D. completamente alla fine del film.

Hellboy II: The Golden Army - L'angelo della morte

LIZ SHERMAN CONDANNA IL MONDO

Questo film è pieno di scelte difficili. Abbiamo già parlato di alcuni di Hellboy, ma anche Abe Sapien e la principessa Nuala hanno la loro parte. Nessuno di loro, però, è monumentale come quello affrontato da Liz Sherman, e nessuno di loro viene affrontato così rapidamente.

Mentre cerca di salvare il suo amato Hellboy da una feroce ferita dalla lancia di Nuada, Liz cerca l'aiuto di un essere che si rivela essere l'Angelo della Morte. La creatura stessa è uno dei tre ruoli di Doug Jones nel film (Abe Sapien e il ciambellano del re sono gli altri due), e l'aspetto è il classico del Toro. È un'immagine appena uscita da Labirinto di Pan , e il tono del film prende una piega molto seria per adattarsi al design.

L'Angelo salverà Hellboy, ma avvertono Liz che se lo fanno, Hellboy continuerà a compiere il suo destino finale. Anung Un Rama è destinato a distruggere questo mondo, e potrebbe essere meglio per tutti se Liz lo lasciasse morire. Di fronte a questa scelta - salvare l'uomo che ama o salvare il mondo - ci mette molto tempo a pensarci? Neanche vicino.

Con una semplice espressione di 'lui', sceglie Hellboy, e sceglie immediatamente. È un dato di fatto per lei, e non perde tempo nemmeno a fingere di soppesare le circostanze. Il fatto che sia incinta dei figli di Hellboy in questo momento probabilmente ha molto a che fare con la scelta, ma in realtà è solo amore, puro e semplice. Non può sorridere senza di lui, e sarà dannata se mai ci proverà.

Hellboy viene salvato, ma l'Angelo avverte Liz che potrebbe venire il giorno in cui si pentirà di questa decisione. È uno dei tanti, tanti motivi per cui è così sfortunato che del Toro non sia mai riuscito a fare un terzo Ragazzo infernale film: non vedremo mai come andrà a finire questa scelta. Eppure, senza Hellboy III , questo significa che non ci sono conseguenze! Hellboy e Liz vivono felici e contenti. Sìì!

Oh no. Volevamo un po' vedere le conseguenze. Questa scena è recitata in modo così bello e ha creato così tanto. Volevamo quel terzo film. Lo facciamo ancora.

Hellboy II: The Golden Army - Soldato dell'esercito d'oro

LA BATTAGLIA CON L'ESERCITO D'ORO, alias HOWDY DOODY TIME

Il film inizia con il professor Broom che dice a suo figlio che un giorno potrebbe affrontare l'Esercito d'Oro e scoprire se sono veramente 'indus-tra-bul'. Se impicchi un esercito d'oro all'inizio del film, beh, devi farli combattere alla fine, come dice il proverbio classico. Hellboy e la squadra si affrontano in una battaglia reale con l'esercito, ed è davvero epico.

Hellboy e Johann fanno la maggior parte dei combattimenti; Hellboy spara costantemente con la sua pistola gigante e Johann usa la sua teleplastica per controllare il corpo di uno dei soldati. Tutto sta andando bene, finché non ci rendiamo conto che queste cose sono altrettanto 'indus-tra-bul' come dicono le leggende. Non appena vengono rotti, i loro pezzi di un orologio iniziano a girare e prendere forma, e prima che tu te ne accorga, sono di nuovo insieme. Sono, sicuramente, indistruttibili.

Il design dei soldati è puro del Toro, poiché il suo amore per gli ingranaggi e l'orologeria è in piena mostra. La sequenza del titolo del film si svolge su una serie di ingranaggi tortuosi, quindi avremmo dovuto aspettarcelo. È un feticcio che del Toro ammette spesso, ed è qualcosa che puoi trovare in quasi tutti i suoi film, da Chronos al primo Ragazzo infernale all'ascensore in Picco Cremisi . A suo modo, ama così tanto gli ingranaggi meccanici che ha costruito con essi un intero set finale per Hellboy II .

Quando i nostri quattro eroi tornano in superficie, hanno finito di portare via la magia da un mondo che non lo merita davvero. Dicono a Jeffrey Tambor's Manning che hanno finito, e persino Johann gli dice di succhiare un certo qualcosa di ectoplasmatico.

Il beat finale vede Hellboy raggiante riguardo al bambino che avrà da Liz, proprio mentre lei lo informa che non avranno un bambino ma due. Il ragazzino del prologo è pronto per essere lui stesso un padre ora (dopo aver elaborato l'aspetto che dà nell'ultimo fermo immagine), e il film ci porta fuori con - che altro? — Barry Manilow.

Questo film potrebbe non avere il potere di Labirinto di Pan o l'emozione di La forma dell'acqua , ma rappresenta un maestro del cinema che si lascia andare e si diverte. Non è una copia esatta di ciò che raffigura la serie a fumetti di Mike Mignola (la nuovo riavvio sarà molto più simile a quello), ma del Toro è fedele a se stesso pazzo, e non lo faremmo in nessun altro modo.

Hellboy II: L'esercito d'oro potrebbe essere un sequel di un film a fumetti, ma è anche un incredibile lavoro d'amore. Quando le persone discutono del canone di Del Toro, questo film merita di più di essere parte della conversazione. Se non lo controlli da un po', o se non l'hai mai visto in primo luogo, dagli un'occhiata. Sali su una delle giostre più folli che Guillermo del Toro abbia mai realizzato e cerca solo di non divertirti. Sarai felice di averlo fatto.



^