Dove Sono Le Cose Selvagge

7 cose buone che Spike Jonze ha aggiunto a 'Where the Wild Things Are'

>

Sapevamo che un film basato su Dove sono le cose selvagge aggiungerebbe qualcosa alla storia per bambini illustrata di 48 pagine di Maurice Sendak. Potrebbe essere una buona cosa se il regista giusto ci desse di più Cose selvagge di quanto la nostra immaginazione infantile abbia mai sperimentato. Il regista e co-sceneggiatore del film, Spike Jonze, potrebbe aver fatto proprio questo.

Il film include le immagini chiave del libro di Max (Max Records) vestito da lupo, che naviga verso la terra delle Cose Selvagge, ordinando loro di stare fermi, diventando il loro re e facendo un putiferio selvaggio. Sono cinque minuti di tempo sullo schermo in meno, 85 in più per andare.

Abbiamo parlato con il cast e i registi lo scorso fine settimana a Beverly Hills, in California, dove hanno discusso delle nuove aggiunte a Dove sono le cose selvagge . Ecco una guida ai 'miglioramenti' di Jonze all'amato libro. Seguono spoiler! Il film si apre il 16 ottobre.



1. Incontriamo la mamma. Nella storia di Sendak, la madre di Max è solo una voce esterna che lo manda a letto senza cena. Nel film, Catherine Keener interpreta la mamma di Max. Dimostra di essere una madre single amorevole e solidale, che conforta suo figlio quando è arrabbiato. Lei esplode con lui solo dopo una notte esasperata di recitazione di Max davanti al suo appuntamento. Questo rende questo Cose selvagge una storia anche per i genitori. 'Quando Max ha quel momento e la morde e tutto il resto, non può gestirlo, perché è alla fine del suo ingegno', ha detto Keener. 'Questo, per me, è molto reale. Come genitore, non sempre lo so, non ho il tempo di sedermi qui e darti una lezione attraverso questo nel modo più politicamente corretto e gentile. Reagisco e basta.'

2. Il costume da lupo di Max viene sfruttato. Max indossa ancora la sua tuta da lupo nel film, ma con alcune modifiche. Max ora ha i buchi per le dita e indossa scarpe da ginnastica con il suo costume iconico. Il costumista Casey Storm ha spiegato come queste modifiche mostrino più storia a Max e al suo costume da gioco. 'Invece di avere artigli sul bordo delle mani, è cresciuto fuori dal vestito', ha detto Storm in un'intervista separata. 'È un vestito che ha da molto tempo, quindi ha tagliato le dita e ha tagliato i piedi, quindi vedi le sue scarpe da tennis. Inoltre, per motivi di praticità, perché fosse in grado di essere tattile e toccare le cose e fare le cose, era un bene che tu potessi far uscire le sue dita dal suo vestito.'

3. Wild Things calpesta la testa per fare un punto. King Max guida i Wild Things in una guerra di zolle, uno dei nuovi set per il film. Dopo aver lanciato pezzi di terra senza ottenere risultati, alcuni dei Wild Things calpestano la testa dei loro fratelli, e non è bello. È proprio come quando i bambini non capiscono perché i loro genitori dicono loro di tenere i gomiti fuori dal tavolo. 'Non sai esattamente, cosa significa pestare la testa?' ha detto Jonze. «Questo significa qualcosa in questa società, ma capisci l'emozione che c'è dietro. Immagino che l'idea fosse la stessa [di] un bambino che osserva il mondo osserva tutti questi strani adulti e tutte le cose a cui teniamo o non ci interessano o per cui ci arrabbiamo. Non capiscono esattamente i dettagli al riguardo, ma capiscono la sensazione che c'è dietro. Penso che sia stata una sorta di forza guida nella creazione del mondo di Wild Things.'

4. King Max ha una piattaforma politica. Nel libro, Max diventa re, guida il tumulto e torna a casa. Nel film, escogita un piano come re. Max decide di costruire un forte per le sei creature selvagge, dove non ci sarà tristezza. Il forte scioglierà il cervello di qualsiasi intruso prima che possa ferire gli abitanti. Questo porta a un'altra lezione sociale in termini di bambini. Il forte finisce ancora per far star male le persone/cose selvagge e diventa esso stesso socialmente oppressivo.

5. La terra è più grande, ma sembra ancora l'arte di Sendak. Nel film, Max trova le cose selvagge nel loro villaggio di capanne. Le capanne sono una nuova aggiunta al concetto di foresta di Sendak, così come i soggiorni nel deserto e il forte che Max costruisce. Sembrano tutti che Sendak avrebbe potuto disegnarli, però, perché lo scenografo K.K. Barrett ha usato uno stile di tratteggio incrociato quando ha costruito i set per imitare lo stile di disegno di Sendak. 'Era intenzionale', ha detto Barrett. 'Abbiamo pensato a un sistema di una foresta che è stata bruciata dove si poteva vedere una profondità infinita. Non oscurava le [cose selvagge], e sembravano le linee che avrebbe disegnato, come i suoi tronchi d'albero. Poi con l'ombreggiatura, il bastone lavora nelle capanne e nel forte. Volevamo che tutto sull'isola fosse più primitivo, più selvaggio. Siamo tornati a ciò che gli animali costruirebbero, se costruissero».

6. Le cose selvagge hanno nomi. L'anonimo libro di Wild Things of Sendak ha dei nomi, almeno quelli che sono stati tagliati per il film. Carol (voce di James Gandolfini) è quella iconica davanti ai disegni di Sendak con due corna. Quella con i capelli lunghi è KW (Lauren Ambrose). Quello con il muso di capra è Alexander (Paul Dano). Quello simile a un uccello è Douglas (Chris Cooper), quello con tre corna è Judith (Catherine O'Hara) e Ira (Forest Whitaker) ha il naso a bulbo. Sono finite le creature oceaniche e le cose del facocero.

7. Ciao, foresta della camera da letto. L'unico cambiamento a cui si è opposto anche Sendak a voce è stato il fatto che la foresta non cresce più fuori dalla stanza di Max. Nel film, Max fugge attraverso la foresta e trova la barca che lo porta nella terra delle Cose Selvagge. Jonze pensava che la fuga di Max e la scoperta della terra delle Cose Selvagge avrebbe reso l'intera avventura più reale che se fosse nata magicamente dalla sua stanza. 'Adoro quella parte del libro', ha detto Jones. 'Quando abbiamo iniziato a scrivere, non sembrava avere più senso per quello che avevamo scritto fino a quel momento. Non ha senso che all'improvviso succeda quel genere di cose fantastiche. Non sembra vero. Ciò che sembra vero è scappare via, dopo quella lotta.'



^