Altro

6 motivi per cui ci sono voluti 11 anni per vedere Toy Story 3

>

11 anni fa, Toy Story 2 ha fatto piangere gli uomini adulti quando Jessie la cowgirl ha cantato quella canzone di Sarah McLachlan sull'essere lasciati indietro. Finì persino con la nota più agrodolce possibile. I giocattoli sarebbero rimasti con Andy e avrebbero accettato che li avrebbe superati, ma sarebbe stato divertente finché fosse durato. Grazie, Pixar, per 11 anni di problemi di abbandono.

Questa settimana, finalmente consegnano. Woody il cowboy, Buzz Lightyear, Jessie e l'intera scatola dei giocattoli verranno abbandonati da Andy, che va al college. Si ritrovano in una scuola materna con una sfilza di nuovi giocattoli e una nuova avventura. Il regista Lee Unkrich ha parlato con noi e ci ha spiegato perché Toy Story 3 vale la pena aspettare. Il film si apre il 18 giugno.


Dovevano ricominciare da zero



Dall'ultimo Storia di un giocattolo è stato realizzato 11 anni fa, i personaggi non sono più compatibili con il sistema operativo che ha prodotto Su . Quindi stai vedendo Buzzes e Woodys nuovi di zecca in Toy Story 3 .

kimba il leone bianco contro il re leone

'È un po' come quando provi ad aprire un vecchio file sul tuo computer di 10 anni fa. Buona fortuna essere in grado di farlo,' ha detto Unkrich. 'Il nostro software è avanzato al punto che ora tutti quei vecchi file non possono più essere aperti e utilizzati. Quindi abbiamo dovuto reinventare completamente ognuno dei personaggi e rimodellarli da zero. È stato interessante, perché volevamo mantenerli molto simili. Non volevamo che avessero un aspetto notevolmente diverso, ma ci ha dato l'opportunità di correggere un sacco di piccole cose che avremmo voluto fare meglio nel passato e di mettere più dettagli in Woody, Buzz e tutti i personaggi. Abbiamo dovuto farlo con attenzione, perché non volevo che il pubblico si sentisse come se stesse guardando personaggi a cui era stato fatto un brutto intervento di chirurgia plastica.'


Ora ci sono più parti mobili in un Buzz Lightyear.

Gli aggiornamenti rendono i personaggi più complessi. Unkrich ci ha illustrato il nuovo modello Buzz Lightyear. Sembra qualcosa fuori trasformatori .

'È sempre stato pensato per essere un giocattolo, quindi anche se ora ha lo stesso aspetto di una volta, se guardi davvero i dettagli, puoi vedere che l'abbiamo fatto sembrare fatto di tanti piccoli pezzi diversi di plastica che sono state avvitate insieme', ha detto Unkrich. 'Mentre il Buzz originale, proprio come è stato modellato al computer, c'erano molti pezzi che si intersecavano l'uno nell'altro. È stato fatto in modo più rozzo. Anche se all'epoca aveva un bell'aspetto, ora ha un aspetto molto migliore. Sembra molto più un giocattolo realistico. Lo abbiamo coperto con piccoli micrograffi e segni di sporco e abbiamo cercato di dargli l'aspetto di un giocattolo che è stato gettato in una scatola dei giocattoli per molti anni e con cui si è giocato molto nel corso degli anni.'


Avevano un cast più grande da gestire.

Toy Story 2 ha introdotto un gruppo di nuovi personaggi che sono rimasti nella stanza di Andy. C'è ancora di più che si unisce alla banda in 3 . Il team Pixar ha impiegato del tempo per inventare una storia che si adattasse a tutti loro.

buco nero al centro della via lattea

'Non è difficile dare a tutti qualcosa da fare', ha spiegato Unkrich. 'E' più difficile mantenere l'attenzione sul tipo di personaggi principali. Con così tanti personaggi, puoi immaginare che la storia possa diventare davvero annacquata e faremmo fatica a prestare attenzione ai personaggi giusti. Alla fine della giornata, sappiamo che Woody è il personaggio principale del film e Buzz e Jessie gli si avvicinano. Quindi ottengono la parte del leone delle battute e dei momenti nel film e poi tutti gli altri si allontanano da lì.'


Jessie aveva dei problemi.

Vedi sopra sulla canzone di abbandono di Jessie. Pensavi che fosse triste la prima volta che un bambino l'ha data in beneficenza. Ora deve rivivere tutto di nuovo.

'Dovevamo rimanere fedeli al suo personaggio e assicurarci di rispettare il fatto che aveva vissuto quell'esperienza ed era stata abbandonata da un bambino prima', ha detto Unkrich. 'Quindi quando si trovano in questa situazione all'inizio del film, quando Andy apparentemente li butta via, aveva senso che Jessie si arrabbiasse davvero con se stessa per essersi lasciata mettere nello stesso tipo di situazione due volte nella sua vita .'

elenco dei giochi di James Bond

Dovevano avere una buona idea.

La Pixar non è nel business dei sequel. Non volevano nemmeno fare Toy Story 2 , ma avevano un'idea troppo buona per lasciarsela sfuggire. Poi non volevano fare Toy Story 3 , ma alla fine hanno avuto una buona idea: Andy va al college.

'Quando abbiamo fatto il primo Storia di un giocattolo , molte persone volevano sapere quando ne avremmo fatto un secondo', ha ricordato Unkrich. 'All'epoca abbiamo detto che non avevamo alcun interesse a farlo. Volevamo solo continuare a fare nuovi film e raccontare nuove storie. Ma penso che sia una testimonianza di questi personaggi e di quanto piacciano alle persone il fatto che siano rimasti in giro così a lungo e che le persone abbiano voluto vedere nuove storie con loro. Abbiamo fatto il lavoro pesante di raccontare storie degne di essere presentate al mondo.'

dottore che donna caduta a terra

A proposito: Auto 2 sta arrivando l'anno prossimo.


Doveva avere tutto.

Non basta avere un'avventura. Non basta avere tante battute. Toy Story 3 doveva essere il pacchetto completo: divertente, emozionante, straziante. Questo richiede tempo.

'Devi trovare la storia giusta', disse Unkrich. 'Avevamo una storia che pensavamo avesse un grande potenziale per essere emotiva, ma dobbiamo fare il lavoro. Non siamo mai partiti con l'obiettivo di provare a far provare forti emozioni alle persone o piangere o altro. È solo un po' dove ci ha portato la storia. Cerchiamo di rimanere fedeli ai personaggi e di mandarli in un viaggio interessante che sarà impegnativo per loro. Penso che sia solo una testimonianza del fatto che le persone si preoccupano dei personaggi che abbiamo creato e che provano emozioni insieme a loro nel film. Quando sento che le persone piangono durante il film, questo mi dice che sono di nuovo coinvolte emotivamente e si preoccupano. Penso che ci siano troppo pochi film in questi giorni in cui le persone si preoccupano veramente dei personaggi che vedono sullo schermo. Quando sento che la gente ha pianto alla fine, questo mi dice che siamo riusciti a dare alla gente un'esperienza davvero forte al cinema.'



^