Videogiochi

5 modi in cui The Legend of Zelda: Ocarina of Time avrebbe potuto essere diverso e cambiare la storia dei videogiochi

>

Vent'anni fa, il 21 novembre 1998, l'attesissimo quarto gioco del La leggenda di Zelda finalmente è uscita la serie: La leggenda di Zelda: Ocarina of Time .

film di paura da raccontare al buio

Senti, potrei sedermi qui e dirti quanto è bello e significativo Ocarina del Tempo sì, ma sarebbe superfluo ripetere gli ultimi vent'anni di meritatissimi elogi. Non ti dirò nulla di nuovo su quanto sia bello perché io e te entrambi sapere . Sappiamo che è un classico gelido, che il gameplay e la presentazione definiscono gli standard che usiamo ancora oggi, che la storia è coinvolgente e straziante, lo abbiamo capito, Clare, vedere Ganondorf trasformarsi in Ganon ha deformato il tuo piccolo cervello negli anni novanta e ecco perché hai pianto al Detective Pikachu trailer, eccetera, eccetera, eccetera.

Ma se fosse stato diverso?



Può essere facile dimenticare che il salto dal 2D al 3D è stato un cambiamento sismico per tutti nei giochi, dagli sviluppatori che cercano di capire come adattare formule di gioco 2D di successo al 3D e ai giocatori che cercano di capire come giocare con questi nuovi controller in questi nuovi ambienti. Sebbene Nintendo non abbia realizzato il primo platform 3D, non si può esagerare quanto siano diventati influenti i primi titoli di Nintendo per il Nintendo 64 sia per l'azienda che per l'industria.

Quindi, per festeggiare il ventesimo compleanno di uno dei più grandi di tutti i tempi, ho pensato di prendere spunto dalla meccanica al centro del gioco. Torniamo indietro nel tempo e immaginiamo cosa sarebbe potuto succedere se uno dei più grandi giochi di tutti i tempi fosse andato a rotoli piccolo diversamente…



^