Bram Fuochista

5 motivi per guardare il bizzarro cugino bastardo di Dracula ad Halloween

>

In questa era di una stagione festiva perpetua, Halloween non è più limitato al 31 ottobre. Ora è un affare che dura un mese, quindi i seguaci della stagione spettrale iniziano a festeggiare presto pianificando quali film spaventosi guarderanno durante il periodo di preparazione al grande giorno stesso.

Tuttavia, può essere difficile mantenere le cose fresche anno dopo anno, anche con un afflusso apparentemente infinito di film horror sui servizi di streaming e On Demand. Quanti zombi, pagliacci raccapriccianti e fantasmi riesci a gestire? E se sei stanco di lupi mannari, esperimenti scientifici rianimati, slashers mascherati e vampiri, dove puoi rivolgerti adesso? Fortunatamente, c'è una gemma dell'orrore nascosta in agguato là fuori che placherà la sete del pubblico disponibile per qualcosa di bizzarro, spaventoso, inquietante e divertente da ridere.

La tana del verme bianco , una commedia horror britannica del 1988 del regista provocatore Ken Russell, trasforma un romanzo esagerato di Dracula l'autore Bram Stoker in un pazzo psicosessuale contemporaneo pieno di serpenti famelici, nobildonne lascive e ambienti grigi e umidi di campagna inglese. Un giovane archeologo (Peter Capaldi; sì, quel Peter Capaldi), scavando nel cortile delle giovani sorelle Trent (Catherine Oxenberg e Sammi Davis) scopre l'antico teschio di quello che sembra essere un serpente gigante risalente all'epoca dell'occupazione romana in Gran Bretagna. Questo cattura l'attenzione della locale Lady Sylvia Marsh (Amanda Donohoe), che potrebbe essere o meno un immortale amministratore della bestia gigante del titolo. Nella trama c'è anche il giovane Lord James D'Ampton (Hugh Grant, solo pochi anni prima di raggiungere la fama con Quattro matrimoni e un funerale ), il cui antenato si dice abbia ucciso un grande serpente secoli fa.

L'installazione è abbastanza semplice, ma aspettano cose strane. Questo non è un esame soffocante e rigido delle strutture di classe inglesi e dell'identità nazionale. Piuttosto, è più simile a una folle miscela dei tempi d'oro dell'horror di Hammer e dei gusti eccentrici ed erotici del regista Russell. 'Ken è stato uno degli artisti più deliziosamente strani con cui ho lavorato', ha detto Donohoe in un'intervista del 2015. 'E sai, il suo corpus di opere è ancora più interessante, provocatorio e stimolante del 90 percento dei film realizzati negli ultimi tre decenni.

Ecco cinque motivi per cui La tana del verme bianco merita di essere un classico horror di Halloween:

3. Qualcosa per i Whovian

Se non sapevi che Peter Capaldi era dentro La tana del verme bianco , potresti non riconoscerlo subito. Lo scozzese interpreta Angus Flint, uno studente di archeologia che fa la strana scoperta che mette in moto la trama. Mentre i fan sono abituati all'esilarante sboccato agente del governo in cui Capaldi ha suonato Il grosso di esso e Nel loop , o, più recentemente, come un'incarnazione dura e feroce del Signore del Tempo preferito del mondo su Dottor chi , in questo film sfoggia una massa di capelli ricci e un paio di occhiali che lo contrassegnano come un potenziale ingannato o vittima delle seduzioni di Lady Sylvia.

Eppure si rivela uno dei personaggi più intraprendenti ed eroici. Interpreta principalmente l'uomo eterosessuale per il beffardo Lord D'Ampton di Grant, ma Capaldi ha i suoi momenti, suggerendo il ricco futuro della recitazione davanti a lui.

la-tana-del-verme-bianco-capaldi.jpg

Credito: Lionsgate

come sarebbe il mondo se le calotte di ghiaccio si sciogliessero

4. Divertente mortale

Tana del Verme Bianco sarebbe efficace se fosse semplicemente un film horror diretto, ma il suo umorismo mordace di fronte a antichi e nodosi terrori è ciò che lo rende un classico di culto. C'è un momento in cui un giovane esploratore che suona il clacson sulla sua armonica costringe Lady Sylvia di Donohoe a irrompere in modo pratico in una danza di serpente slinky. Più tardi, il futuro Doctor Who ottiene quella che potrebbe essere la scena distintiva del film: un'assurda passeggiata attraverso la tenuta di Lady Sylvia in cui Capaldi indossa un kilt e suona la cornamusa per ipnotizzare i serpenti e le persone serpente in agguato nel parco. Man mano che la suspense cresce, aumentano anche le risate.

5. Inciampare nell'orrore

Il regista Ken Russell, morto a 84 anni nel 2011, ha trascorso gran parte della sua carriera cinematografica provocando la critica e il pubblico con film gonzo, carichi di sesso e psichedelici pieni di immagini fantasmagoriche. Sia che offenda quasi tutti con il suo controverso incubo sessuale cattolico del 1971 classificato come X i diavoli o deformando indelebilmente l'opera rock degli Who Tommy con la sua versione cinematografica del 1975, Russell ha segnato la storia del cinema con i suoi film sconvolgenti, orribili e diabolicamente divertenti. La tana del verme bianco non fa eccezione, poiché Russell prende lo strano romanzo finale di Stoker e lo infonde con la sua ossessione feticista per le immagini cattoliche profane e il sesso da incubo. Descriveremmo alcune delle cose allegramente stravaganti che ti aspettano, ma temiamo che rovinerebbero la sorpresa e potenzialmente violerebbero alcuni standard e pratiche.



^