Opinione

30 anni dopo, Total Recall comprende ancora l'evasione dalla realtà meglio della maggior parte delle fantasie

>

'Non sei nessuno! Non sei nessuno! Sei un sogno stupido!' il malvagio governatore di Marte, Vilos Cohaagen (Ronny Cox), grida negli anni '90 Richiamo totale . Cohaagan sta parlando con il muscoloso eroe d'azione Douglas Quaid (Arnold Schwarzenegger), e ha ragione, ovviamente. Gli eroi d'azione sullo schermo non sono persone reali. Il più delle volte, sono sogni stupidi: fantasie di potenziamento superficiali e tremolanti senza storie o motivazioni convincenti.

Trent'anni dopo Richiamo totale , Paul Verhoeven capisce ancora il vuoto dei film d'azione meglio di qualsiasi altro regista. Ecco perché il suo film è così pieno di intelligenza, invenzione e amore per il genere.

Richiamo totale è molto vagamente basato sul racconto di Philip K. Dick 'We Can Remember It for You Wholesale'. È ambientato in un futuro prossimo con glitch, la guida autonoma taxi , televisori onnipresenti e colonie spaziali su Marte e Saturno. Doug Quaid è un operaio edile legato alla Terra stranamente ossessionato dal lontano Marte. Sua moglie, l'adorabile bionda Lori (Sharon Stone), non vuole andare sul Pianeta Rosso, quindi Quaid decide di pagare una società chiamata Rekall per un falso pacchetto turistico d'avventura impiantato a livello medico. Si sveglierà con i ricordi di essere stato un agente segreto su Marte, combattendo i cattivi con un aiutante bruna 'squallido e pudico'.



Qualcosa va storto con l'impianto, però, e Quaid viene mandato in un episodio psicotico oppure in realtà... è un agente segreto, con ricordi sepolti innescati dal processo Rekall. In entrambi i casi, tutti i sogni di avventura di Quaid diventano realtà. I suoi amici e la moglie si rivelano essere agenti che cercano di ucciderlo. Vola su Marte e si unisce alla resistenza combattendo il governatore corrotto. Incontra quella spalla 'squallida e pudica', Melina (Rachel Ticotin). E, come molti eroi d'azione prima di lui, salva il mondo! (Anche se quel mondo è Marte, in questo caso, piuttosto che la Terra.)

La brillantezza del Richiamo totale la trama è che è sia una narrativa di un film d'azione standard che una metafora perfetta per una narrativa di un film d'azione standard. Quaid, lo schlub di tutti i giorni che vuole vivere avventure su Marte, sei anche tu, lo schlub di tutti i giorni che guarda Richiamo totale per vivere avventure indirette su Marte. Una delle armi segrete di Quaid è una banda olografica che gli consente di proiettare duplicati esatti di se stesso per confondere i suoi avversari. Il suo potere segreto è letteralmente la capacità di essere un'immagine in movimento di se stesso, proprio come il tuo potere segreto, guardando Richiamo totale , è la capacità di mettersi al posto di quel fantasma vuoto, Douglas Quaid.

Schwarzenegger offre quella che è probabilmente la sua interpretazione più sottile e commovente nel film nelle prime parti del film come un uomo pieno di desiderio malinconico per l'avventura. Le sue caratteristiche solitamente cupe si riorganizzano in uno sguardo di speranza e meraviglia mentre l'agente di viaggio scaltro spiega le caratteristiche del pacchetto dell'agente segreto. C'è del vero pathos nel suo accento austriaco mentre cerca di far capire a sua moglie il suo strano desiderio di una vita diversa e più significativa. 'Lori, non capisci?' lui dice. 'Mi sento come se fossi destinato a qualcosa di più di questo. Voglio fare qualcosa della mia vita. Voglio essere qualcuno!'

Verhoeven riconosce la stupidità dei sogni di Quaid, che è anche la stupidità dei tuoi sogni, oh amante dei film d'azione di Hollywood. Il regista ha A volte è stato accusato o elogiato per aver preso in giro il suo pubblico, ma non è quello che sta succedendo qui. Invece, abbraccia con gusto il ridicolo dei suoi sogni d'azione ad alto budget, gettando Quaid in una giostra di un parco di divertimenti di violenza, sesso e identità vistosamente raddoppiate. Quaid usa i civili come scudo. Melani gli afferra l'inguine e gli chiede: 'Cosa hai dato da mangiare a questa cosa?' Una vasca di pesci rossi viene rovesciata, i pesci boccheggiano come persone esposte nel deserto marziano senz'aria. L'ex sé di Quaid, Carl Hauser, gli dà istruzioni video preregistrate: 'Porta il tuo ahz a Mahz!' esclama.

Quaid sei tu, che guardi se stesso in cerca di spunti su come adattare se stesso, o te stesso, allo scenario d'azione.

Richiamo totale

Credito: TriStar Pictures

Abbracciare la propria falsità dà Richiamo totale una carica allegra e campy. Quando sei in una simulazione, tutto va bene, e più oltraggioso è 'qualsiasi cosa', meglio è. Sharon Stone nei panni di Lori, in particolare, ha quello che sembra essere il momento della sua vita interpretando una casalinga pudica e ansimante, che pronuncia parole sincere di tenerezza un momento e poi si trasforma istantaneamente in tacchi alti in kick-boxing, dea castrante il prossimo . Ad un certo punto vediamo Lori in una video chat che manda un bacio glamour sul tappeto rosso ammiccante; lei è una star del cinema che finge di essere un agente segreto che finge di essere una star del cinema. È un'autentica esibizione di inautenticità esecutiva.

Stone ha un ruolo centrale in quella che potrebbe essere la sequenza più buffa e divertente del film. Il Dr. Edgemar (Ray Brocksmith) bussa alla porta dell'appartamento di Quaid su Marte, sostenendo di essere un avatar inserito nel programma da Rekall. Insiste che le avventure di Quaid sono irreali; l'operaio edile sta effettivamente vivendo un episodio psicotico negli uffici di Rekall. Edgemar fa entrare Lori, tutta pelle pallida perfetta e sincera preoccupazione, per supplicare Quaid di fare un pre- Matrice pillola rossa, che simboleggia la sua accettazione della propria irrealtà. Se lo ingoia, si risveglierà sulla Terra, sano e salvo.

La scena è come un intervallo, in cui il regista si allunga fuori dallo schermo per scuoterti e dirti che sono tutte sciocchezze e che dovresti già andare a casa. Ma ovviamente tu no, e Quaid no. Mancano ancora 50 minuti al film! Quindi Quaid vede che Edgemar sta sudando, il che significa che ha paura, e quindi deve essere reale, e ha una vera paura per la sua vita. Quaid gli spara; i cattivi arrivano a sfondare il muro; la trama va avanti. Non abbiamo ancora finito con questo pacchetto avventura!

Alla fine, dobbiamo farcela, ahimè. La scena finale del film è sulla superficie di Marte. Quaid ha attivato un antico artefatto che fornisce a Marte un'atmosfera, rompendo il monopolio dell'ossigeno di Cohaagen e liberando il pianeta dal suo dominio. 'Non ci posso credere! È come un sogno!' esclama Melina. Al che Quaid risponde: 'Ho appena avuto un pensiero terribile. E se questo fosse un sogno?' Melina sorride e gli dice: 'Allora baciami velocemente prima di svegliarti'. E lo fa, proprio prima che arrivino i titoli di coda, i sogni finiscano e tutti noi dobbiamo allontanarci dallo schermo per tornare alle nostre vite mondane qui sulla Terra.

La cosa della vita reale è che è reale. E mentre la realtà ha i suoi vantaggi, tutta l'autenticità può diventare un po' noiosa giorno dopo giorno. Quaid vuole fuggire in qualcun altro non solo perché vuole un nuovo sé, ma perché vuole far credere. A volte la storia inventata sulla vacanza è meglio che andare davvero in vacanza, non ultimo perché non puoi davvero andare su Marte. Richiamo totale non sta cercando di farti pensare che un sogno sia reale; ti incoraggia a goderti una fantasia che è una fantasia. Verhoeven conosce il vero valore di fingere, motivo per cui Hollywood raramente ha creato un sogno stupido più brillante.

Le opinioni e le opinioni espresse in questo articolo sono dell'autore e non riflettono necessariamente quelle di SYFY WIRE, SYFY o NBC Universal.



^