Christopher Mcquarrie

20 anni fa, l'incredibile prima scena di X-Men ha segnato il corso della storia del cinema Marvel

>

File e file di recinzioni sormontate da filo spinato, tutte progettate per creare un separatore per le migliaia di ebrei che si riversano ogni giorno.

Queste sono state tra le prime parole nella sceneggiatura del primo live-action X-Men film, che all'epoca era una delle scommesse più rischiose di Hollywood e oggi compie 20 anni. Quella sequenza di apertura, scritta da uno degli autori non accreditati della sceneggiatura, Christopher McQuarrie ( Mission: Impossible - Fallout ) - ha dato il via al franchise dei mutanti Marvel con una scena ambientata durante l'Olocausto nel campo di concentramento di Auschwitz nel 1944 in Polonia, che ha sicuramente aumentato il rischio.

il libro dei maghi contro la serie tv

L'audace scena di apertura che non riesce a distogliere lo sguardo è arrivata al montaggio finale, e così facendo ha dato il tono per quasi due decenni di X-Men film. In effetti, la scena aprirebbe ancora una volta un altro futuro X-Men film, consolidando ulteriormente che il piccolo contributo di McQuarrie al franchise sarebbe servito come pietra angolare più essenziale della sua fondazione. Senza di essa, è probabile che non ci sarebbe franchising. Almeno non uno degno di 20 anni di attenzione da parte dei fan.



Il pubblico viene introdotto per la prima volta nel mondo del grande schermo degli X-Men attraverso gli occhi di un giovane Erik Lehnsherr (Brett Morris), alias Magneto, un mutante con il potere di manipolare il metallo a suo piacimento costretto a vedere il mondo e l'umanità durante uno dei suoi tempi più bui e disumani. Erik mostra le sue abilità, apparentemente per la prima volta, quando i nazisti lo separano dai suoi genitori. In segno di protesta, in preda a una rabbia spaventata, il ragazzo indifeso si protende e, per lo shock delle guardie che lo spingono via, torce il recinto di filo spinato fino a renderlo inutile. Il ragazzo si becca un calcio di fucile alla testa per i suoi problemi - una cicatrice emotiva permanente inflittagli dagli umani che un giorno lo vedranno come entrambi troppo inferiori per essere importanti ma troppo pericolosi per essere ignorati.

perché netflix ha cancellato luke cage?

La sua ricomparsa e ricreazione nel 2011 X-Men: Prima Classe sottolinea ulteriormente il suo valore e la sua importanza per l'eredità del franchise. Il regista Matthew Vaughn's Prima classe segue un ventenne Magneto (Michael Fassbender) a caccia di nazisti negli anni '60. Affinché la vendetta di Magneto risuoni con un pubblico nuovo di zecca in questo mondo, questo reboot/prequel risale al momento in cui è iniziato tutto. Con una brillante scelta creativa, il film di Vaughn apre il sipario sulla scena per rivelarla come parte di un contesto più ampio.

Dopo che il giovane Erik è stato strappato via dai suoi genitori urlanti, Prima classe rivela che il malvagio Sebastian Shaw (Kevin Bacon) stava guardando la scena da dietro la finestra di un ufficio nazista. Da qui, Shaw costringe il ragazzo a usare i suoi poteri per spostare una moneta nazista, mentre una pistola viene puntata alla testa della madre del ragazzo per motivarla. Shaw vuole svelare i segreti dei doni di Magneto. Il ragazzo non può aiutarlo, nemmeno sotto costrizione, fino a quando Shaw non ordina l'esecuzione della madre di Erik. L'arco narrativo di Magneto è tragico, come ulteriormente dimostrato dai film della serie che gli dedicano un tempo considerevole. Prima che arrivasse l'MCU, il X-Men il franchise è stato il primo per un universo condiviso degno di una splash page di eroi dei fumetti.

anni 2000 X-Men doveva strisciare in modo che l'MCU potesse funzionare. Non saremmo dove siamo ora con i film di supereroi come genere oggi se non fosse per il lavoro di scena di McQuarrie allora.



^