Wonder Woman

20 supereroine che stavano salvando il mondo prima di Wonder Woman

> Ingrandire

Per tutto il mese di aprile, metteremo in evidenza il meraviglioso mondo dei fumetti, dalle interviste con i creatori e uno sguardo al modo in cui l'industria lavora a tuffi profondi con i nostri personaggi preferiti, trame e controversie. Resta sintonizzato per ulteriori informazioni durante il mese e facci sapere cosa ne pensi nei commenti o su Twitter @syfywire!

Veloce, chi è la supereroina più anziana a cui riesci a pensare in cima alla tua testa?

È una buona scommessa che Wonder Woman probabilmente ti sia venuta in mente per prima. Dopotutto, la principessa guerriera delle Amazzoni ha resistito nella cultura popolare per quasi 75 anni e la sola vista di lei è sinonimo di forza e potere femminile. Le persone che non sono mai entrate in un negozio di fumetti in vita loro possono raccontarti tutto di lei e questo fine settimana scenderanno a frotte nei cinema per vederla finalmente sul grande schermo per la prima volta in assoluto. Batman v Superman: Dawn of Justice .



Ma mentre la nostra cara Diana Prince è la furia femminile più conosciuta degli anni '40, non era l'unica super-donna del suo tempo. In effetti, non era nemmeno la prima; molte altre eroine dei fumetti sono apparse accanto a lei e anche prima di lei in edicola, più comunemente nelle serie antologiche che condividevano con le loro eroiche controparti maschili. Queste donne andavano da combattenti nazisti patriottici e combattenti del crimine mascherati a poliziotti, scienziati e giornalisti; c'erano anche altre regine guerriere e antiche dee proprio come Wonder Woman. E poiché c'erano tanti fumetti incentrati su storie di carriera e storie d'amore quanti erano su eroi d'azione e avventurieri, all'epoca il numero di ragazze che leggevano fumetti in realtà superava di numero i ragazzi.

Sfortunatamente, la maggior parte di queste eroine è andata persa nel tempo e nel mutevole panorama politico degli anni '50, durante i quali le donne che erano diventate importanti nella forza lavoro durante la seconda guerra mondiale sono state ancora una volta private dei diritti. Ma prima di tutto questo, l'età dell'oro dei fumetti è stato un momento emozionante di sperimentazione e avventura, in cui le donne potevano dimostrare di essere intelligenti, forti e capaci come qualsiasi uomo. E mentre Wonder Woman è un'icona femminista unica tutta sua, come ogni brava femminista deve molto alle affascinanti eroine che sono venute prima di lei. Cominciamo dall'inizio con:

Sheena, la regina della giungla

Debutto: Jumbo Comics #1, settembre 1938 a 3D Sheena, Jungle Queen, 1953

Ingrandire

La gente tende a presumere che l'industria dei fumetti americana sia iniziata con Superman nel 1938, ma il suo inizio ufficiale è stato nel 1933, quando è stato prodotto il primo periodico di soli fumetti. Originariamente gli editori utilizzavano il nuovo formato per le ristampe di fumetti già in sindacato, ma alla fine, quando si stancarono di pagare le licenze ai giornali, iniziarono a produrre i propri contenuti originali. Questi primi libri avevano più cose in comune con le riviste pulp e i romanzi da quattro soldi che con qualsiasi altra cosa; erano economici da produrre, pieni di storie sensazionalistiche, e le persone che ci lavoravano non venivano prese così sul serio.

A quel tempo, le storie della giungla coloniale erano particolarmente popolari grazie all'ascesa di Tarzan e altri eroi simili. È in una storia come questa che troviamo la nostra prima eroina femminile dei fumetti: Sheena, Queen Of The Jungle. Ispirata al romanzo di H. Rider Haggard del XIX secolo, She e creata da Will Eisner e Jerry Iger (sebbene, ovviamente, Iger contesti che Eisner abbia avuto un coinvolgimento perché tale è l'industria dei fumetti), Sheena è apparsa per la prima volta sulla rivista britannica Wags nel 1937 , ed è stato portato negli Stati Uniti in Jungle Comics un anno dopo. Come ci si potrebbe aspettare, era una bella donna bianca bionda in rivelanti stracci leopardati che è cresciuta nell'indeterminata giungla africana come regina dei nativi. Aveva persino la sua damigella in pericolo sotto forma del suo interesse amoroso, l'esploratore Bob Reynolds, che doveva essere salvato costantemente.


Nel corso del tempo Sheena ha lentamente dominato la serie antologica in cui ha recitato fino al 1942, quando è diventata la prima eroina dei fumetti a guidare il proprio titolo solista - ben quattro mesi prima che Wondy facesse lo stesso in Wonder Woman #1. È anche apparsa in non una ma due serie TV in syndication - una a metà degli anni '50 e un'altra nel 2002 - e un film del 1984 con Tanya Roberts di Charlie's Angels. Fino ad oggi, è una delle più note Jungle Girls nella fiction.

Camilla, regina dell'impero perduto

Debutto: Jungle Comics #1, gennaio 1940 a Jungle Comics #163, 1954

Ingrandire

Naturalmente, c'erano pretendenti al trono di Sheena che divennero popolari a pieno titolo - e molti di loro furono persino pubblicati dalla stessa compagnia di Sheena, Fiction House. Camilla, Queen Of The Lost Empire ne è stato un esempio.


Nel febbraio 1940, Camilla iniziò come governante manipolatrice e dispotica di una città vichinga dimenticata in Africa (erano molto persi). Tuttavia, questa premessa alla fine fu abbandonata e presto divenne una guerriera vagabonda che indossava la bicicletta a pieno titolo. Mentre Sheena andava d'accordo principalmente con l'ingegno e la forza, Camilla fu la prima di queste eroine a brandire una spada e guidare gli eserciti in battaglia. Non c'è da stupirsi che lei - e Fran Hopper, una delle prime artiste di fumetti in America - abbiano trasformato Jungle Comics in uno dei libri più longevi dell'Età dell'Oro fino a quando alcuni altri artisti hanno preso il sopravvento alla fine degli anni '40 e alla fine hanno trasformato la loro regina in un'altra ragazza della giungla generica.

Fantasma

Debutto: Jungle Comics #2, febbraio 1940 a Jungle Comics #51, marzo 1944

Ingrandire

Solo un numero dopo la prima apparizione di Camilla, Jungle Comics è diventata anche la città natale della prima donna con superpoteri nei fumetti: Fantomah, la Mystery Girl Of The Jungle. A differenza di Sheena e Camilla, la storia di Fantomah arriva con una svolta; quando attiva i suoi poteri soprannaturali, il suo volto cambia da quello di una bella donna bionda a quello di un mostro scheletro dalla faccia blu. Immagina se Skeletor e Evil Lyn avessero avuto un figlio insieme e poi l'avessero lasciata a governare la giungla africana. Questo è Fantoma.


Originariamente Fantomah proteggeva la sua casa dai malfattori con punizioni incredibilmente bizzarre e brutali, ad esempio inviando un branco di gatti volanti della giungla a squarciare i paracadute degli invasori o dando uno scienziato pazzo al suo esercito di demoni di gorilla geneticamente potenziati. Sai, roba da giungla normale. Alla fine, è stata riconnessa alla reincarnazione di una principessa egiziana (interpretata da Alex Proyas di Gods Of Egypt, senza dubbio) senza tutti i fantastici super poteri, e nel 1942 era già svanita nell'oscurità.

La donna in rosso

Debutto: Thrilling Comics #2, marzo 1940 a Thrilling Comics #46, gennaio 1944

Ingrandire

Un mese dopo il debutto di Fantomah, i fumetti hanno ottenuto il loro primo vigilante in costume con The Woman In Red. La poliziotta Peggy Allen era la migliore agente sotto copertura del suo distretto, ma per evitare di far saltare la sua copertura, si vestiva di rosso dalla testa ai piedi e indagava sui crimini senza alcuna restrizione legale. Anche se non aveva poteri di cui parlare, era una detective brillante e una tiratore scelto ancora migliore, e aveva il pieno sostegno del suo commissario di polizia che faceva tutto ciò che doveva essere fatto per risolvere un caso - che, sì, a volte implicava uccidere persone . Ricorda, questo era il periodo in cui Batman portava ancora una pistola.


Anche se la sua eredità della Golden Age termina con il suo ultimo numero nel 1945, una volta che la donna in rosso è entrata nel pubblico dominio è stata resuscitata nella serie Tom Strong di Alan Moore e Chris Sprouse nel 2001. Questa nuova versione dei personaggi aveva dei superpoteri grazie a una magia cristallo di rubino e faceva parte di una squadra di supereroi chiamata SMASH, che è stata posta in animazione sospesa e ripresa decenni dopo. Questo finisce per essere un tropo comune per riportare i personaggi dell'età dell'oro. Diciamoci la verità, probabilmente è colpa di Capitan America. L'ha iniziato lui.

Amazona la donna potente

Debutto: Planet Comics #3, maggio 1940

Ingrandire

Amazona è durata solo per un singolo numero, ma ha preceduto Wonder Woman di oltre un anno, e il suo set di poteri è abbastanza simile che alcune persone pensano erroneamente che fosse in realtà un'imitazione di Wonder Woman. A differenza di Diana, è l'ultima di una razza di umani superpotenti persi nell'era glaciale e segue l'enorme esploratore Blake Manners in America (quindi, un po' più come Diana) dopo aver scoperto la sua cittadella nel Nord Artico. Da lì ferma una banda di malviventi che interrompono una festa, abbagliando gli invitati con la sua forza sovrumana. Peccato che non sia mai riuscita a fare di più!

L'invisibile Scarlet O'Neil

Debutto: The Chicago Times, 3 giugno 1940 al 1955

Ingrandire

Fantomah potrebbe essere stata la prima donna con superpoteri, ma Scarlet O'Neil aveva sicuramente il primo set consistente di poteri, almeno quando li aveva. Dopo un incidente con un raggio dell'invisibilità costruito da suo padre, Scarlet ha sviluppato la capacità di diventare completamente invisibile, vestiti e tutto, premendo un nervo sul suo polso. Poiché il suo fumetto era un po' più adatto ai bambini e meno ricco di azione, Scarlet generalmente usava la sua invisibilità per aiutare i bambini in difficoltà e altre avventure più banali.


Alla fine, nel 1950 i poteri di Scarlet furono abbandonati, così come l'Invisibile dal suo nome, e un altro personaggio chiamato Acciaio inossidabile finì per diventare la star della sua serie invece nel 1954. Scarlet non fu mai più vista, e un anno dopo aver cambiato il nome di la striscia per riflettere il suo nuovo eroe, il creatore Russell Stam (che in precedenza aveva lavorato a Dick Tracy) lasciò completamente l'industria dei fumetti per intraprendere una carriera in televisione.

signora fortuna

Debutto: The Spirit Section, giugno 1940 a Lady Luck Comics #90, agosto 1950

Ingrandire

Un'altra eroina che deve ringraziare Will Eisner per la sua esistenza (anche se non ha mai scritto o disegnato nessuna delle sue storie), Brenda Banks era una socialite irlandese-americana e connazionale di The Spirit. Sebbene non avesse poteri soprannaturali - e nemmeno maschera, per le sue prime apparizioni - ha fermato il crimine con la sua maestria nel jiu-jitsu, le sue eccellenti abilità di tiro e, occasionalmente, il suo autista Peecolo.


Lady Luck ha debuttato per la prima volta nei fumetti dei giornali insieme al resto degli alleati di The Spirit, e le sue avventure sono state successivamente compilate e ristampate in libri come Smash Comics e Lady Luck Comics. Nel 2011, Geoff Johns ha annunciato l'intenzione di farla rivivere come membro della Justice League nel New 52 della DC Comics, ma alla fine non è mai successo. Invece, ha fatto un'apparizione inaspettata in The Phantom Stranger # 6 nel 2013 e da allora non è stata più vista.

Marga la donna pantera

Debutto: Science Comics #6, luglio 1941 a Weird Comics #20, 1942

Ingrandire


Come è comune per i fumetti della Golden Age, le origini di Marga sono complicate. Nella sua prima apparizione, uno scienziato pazzo le inietta il DNA di pantera, facendo diventare neri i suoi capelli biondi e dandole la forza di una pantera. In un successivo retcon, è invece una ragazza che è stata allevata dalle pantere nella giungla. Ad ogni modo, come altre ragazze della giungla prima di lei, si sentiva più a suo agio con gli animali che con gli umani e si impegnava a proteggere il suo habitat nella giungla con la sua forza da pantera.

Vedova Nera

Debutto: Mystic Comics #4, agosto 1940 a All Select Comics #1, autunno 1943

Ingrandire

Secondo alcuni resoconti la misteriosa Vedova Nera (che, mentre ora è di proprietà della Marvel Comics, non ha alcuna relazione con la superspia russa dai capelli rossi che tutti conosciamo e amiamo) potrebbe essere considerata più una cattiva che un eroe in costume, ma solo in quanto ha l'abitudine di uccidere senza pietà i criminali senza alcun rimorso per volere di Satana. Ma ehi, se è abbastanza buono per il Punitore e Ghost Rider, allora è abbastanza buono per lei, giusto?

Nella sua incarnazione originale della Golden Age, la Vedova Nera è una medium di nome Claire Voyant che è stata uccisa per mano del suo datore di lavoro, il che non suona così strano se si considera che ha lanciato una maledizione fatale su tutta la sua famiglia mentre era posseduta da il diavolo. A Satana deve essere piaciuta molto, anche se, una volta arrivata all'Inferno, la prepara con un nuovo fantastico costume e il potere di uccidere le persone con un singolo, rimandandola sulla Terra per vendicarsi. Una volta che ha finito, inizia a dare la caccia ai sindacati della criminalità organizzata e ad altri malvagi criminali, con il pretesto che sta mandando le loro anime in un primo viaggio all'Inferno a cui appartengono.

Dopo sessant'anni di perdita nella storia dei fumetti, Claire è stata successivamente accolta nell'Universo Marvel ufficiale in The Twelve, una miniserie del 2007 di J. Michael Straczynski e Chris Weston. Come la donna in rosso prima di lei, la nuova (vecchia) Vedova Nera ha un retroscena completamente diverso rispetto alla sua controparte della Golden Age e appartiene anche a una squadra di supereroi criogenicamente congelati degli anni '40. Grandi menti, eh?

signorina furia

Debutto: Bell Syndicate Comics, aprile 1941-1952

Ingrandire


Una ricca socialite senza superpoteri di cui parlare, ma una tonnellata di risorse tecnologiche a sua disposizione (accidenti, a chi sembra?), Marla Drake, AKA Miss Fury, combatte i nazisti e altri criminali mentre è vestita con una tuta che migliora le abilità. È anche particolarmente nota per essere stata scritta e disegnata da Tarpe Mills, una delle prime creatrici di fumetti nel settore, anche se certamente non l'ultima, poiché sempre più donne sono intervenute per assumere i lavori lasciati dagli uomini nella seconda guerra mondiale. È stata anche l'ispirazione per Hellcat della Marvel e recentemente è apparsa in una serie appena riavviata per Dynamite Comics.

Infermiera di guerra

Debutto: Speed ​​Comics #13, maggio 1941 a All New Comics #11, primavera 1945

Ingrandire

Prendere a pugni i nazisti era una volta un'antica tradizione nel mondo dei fumetti di supereroi, e quando la guerra iniziò a riprendersi in Europa, le eroine iniziarono a gettarsi nella mischia come simboli di virtù e patriottismo. Pat Parker, War Nurse era uno di questi simboli. Un'infermiera che vive appena fuori Londra, è diventata parte dello sforzo bellico quando ha appreso di un pianificato attacco nazista alla marina britannica e si è precipitata per fermarlo.


Alla fine è finita con una maschera e una tiara che ricordano in modo sorprendente l'aspetto attuale di Wonder Woman, anche se dopo un po' ha abbandonato la sua identità di War Nurse per guidare un gruppo etnicamente eterogeneo di Girl Commandos, che è stato creato da Barbara Hall e rilevato da Jill Elgin fino alla sua conclusione nel 1946.

la signora vittoria

Debutto: Captain Fearless #1, agosto 1941 a Captain Aero #26, 1946

Ingrandire

Una stenografa per il governo degli Stati Uniti, Joan Wayne non solo ha abbattuto nazisti e fascisti durante la guerra, ma ha anche tentato di riformare il sistema dall'interno abbattendo i politici corrotti con la sua presunta super forza e velocità. Inoltre, e per un po', è stata attratta dalla prolifica Nina Albright, che l'ha trasformata in una delle eroine patriottiche più popolari del periodo.


Decenni dopo, Miss Victory è stato riavviato nel 1984 da AC Comics e ha avuto una nuova storia di origine sorprendentemente simile a quella di Capitan America. Invece di una segretaria, è un'ex ricercatrice presso il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, che ha lavorato ed è diventata l'unica utilizzatrice di una formula di super soldato anti-invecchiamento e che garantisce superpoteri chiamata V-47. Ora è considerata un punto fermo del team FemForce tutto al femminile di AC.

Gatto nero

Debutto: Pocket Comics #1, Agosto, Dal 1941 al mistero del gatto nero, 1951

Ingrandire


Molto prima che Felicia Hardy indossasse il nome Black Cat per rubare un tesoro e flirtare con Spider-Man, l'attrice di Hollywood e la stuntwoman Linda Turner lo usavano per scovare le spie naziste nell'industria cinematografica. Linda sarebbe diventata una delle Victory Girls più popolari nei fumetti, e il suo titolo solista è continuato bene nella Silver Age of Comics, anche se a quel punto il libro era stato riorganizzato in una serie antologica per bambini e lei non era presente più come personaggio. Oh, e ovviamente aveva anche un compagno acrobatico: Kit Weston, un artista circense di 13 anni che si chiamava Black Kitten. Immagina Dick Grayson in un costume da gatto imbranato e questo è praticamente Kit.

Signora fantasma

Debutto: Police Comics #1, agosto 1941

Ingrandire

Un altro eroe creato da Will Eisner, Sandra Knight era la figlia di un senatore degli Stati Uniti, che ha sviluppato un gusto per fermare i cattivi dopo aver sventato un tentativo di assassinio di suo padre. A differenza della maggior parte dei supereroi dei fumetti, aveva una vera spiegazione per il suo vestito succinto - che aveva lo scopo di distrarre i criminali maschi contro cui ha combattuto. Ha anche usato un raggio di luce nera che le ha permesso di accecare i suoi avversari o rendersi invisibile.

I diritti di pubblicazione di Phantom Lady sono passati di mano molte volte nei decenni successivi. Dopo la sua ultima apparizione in Police Comics n. 23 per i fumetti di qualità, è stata venduta alla Fox Feature Syndicate, poi a un gruppo di altre società diverse fino a quando non è quasi scomparsa a metà degli anni '50 grazie al suo famoso costume rivelatore (una delle sue copertine anche finì nel libro anti-fumetto Seduction Of The Innocent). Alla fine, è finita nelle mani della DC Comics, che l'ha riportata indietro negli anni '70 e ha completamente rinnovato le sue origini.

Il mantello di Phantom Lady è ora un'eredità che è stata trasmessa a diverse donne; una versione di una di queste eroine è apparsa anche nel cartone animato Batman: The Brave And The Bold. Anche The Silk Spectre di Watchman di Alan Moore è stato direttamente ispirato dalla sua eredità e, chiaramente, dal suo guardaroba.

Pat Patriota

Debutto: Daredevil Comics n. 2, agosto 1941 a Daredevil Comics n. 11, 1942

Ingrandire

Occasionalmente conosciuta come l'americana Joan Of Arc, Pat Patriot (che non ha alcuna relazione con l'attuale mascotte dei New England Patriots - Patriot deriva dal suo cognome, Patrios) ha iniziato come un operaio scontento che, mentre era vestito da Zio Sam per una commedia locale, scopre un'operazione di contrabbando illegale perpetrata dal suo ex capo. Galvanizzata da questa scoperta, diventa praticamente la migliore combattente per la libertà in circolazione e alla fine decide di combattere i poteri dell'Asse in un costume da War Nurse. Il nuovo abbigliamento non durò molto a lungo, ma per Pat non fu la fine; invece è diventata la leader delle Girl Commandos, una squadra multietnica tutta al femminile di combattenti della seconda guerra mondiale. Spostati, Nick Fury, i tuoi Howling Commandos non hanno niente su queste donne.

Miss America

Debutto: Military Comics #1, agosto 1941, Military Comics #7, febbraio 1942

Ingrandire


A differenza della Miss America che ha combattuto al fianco di Capitan America e Bucky nella All-Winners Squad per Timely Comics, Joan Dale era una giornalista a cui, dopo essere stata visitata in sogno dalla Statua della Libertà (no, davvero), è stato concesso il potere di trasmutare elementi e li ha usati per combattere il crimine. È stata abbandonata come personaggio abbastanza rapidamente, ma le va il merito di essere stata la prima Victory Girl a conquistare l'America per un titolo, e anche al fianco dell'eroe della DC Comics noto come BlackHawk.

Wildfire

Debutto: da Smash Comics #25, agosto 1941 a Smash Comics #37, novembre 1942

Ingrandire


Probabilmente conosci Drake Burroughs, il Wildfire della DC Comics che ha debuttato per la prima volta negli anni '70, ma in realtà è stato il secondo supereroe a detenere quel titolo. Prima di lui è arrivata Carol Vance Martin, un'orfana a cui sono stati dati i poteri dal Dio del Fuoco dopo essere quasi morta con la sua famiglia in un incendio boschivo. Dopo essere stata adottata da un ricco benefattore, Carol ha combattuto il crimine con i suoi poteri pirocinetici... e sorpresa! Alcuni di quei criminali erano anche nazisti.

data di morte di brandon lee

Spider-Queen

Debutto: The Eagle #2, settembre 1941 a The Eagle #4, gennaio 1942

Ingrandire


Cosa, pensavi che Peter Parker fosse speciale perché ha inventato i suoi spara-ragnatele? Si scopre che Shannon Kane è riuscito a farlo accadere 20 anni prima di lui. Dopo che suo marito scienziato è stato ucciso dai nemici del paese, Shannon ha scoperto una formula per il fluido della ragnatela nei suoi appunti e l'ha usata per creare un paio di braccialetti, permettendole di oscillare nell'aria e intrappolare i criminali contro cui ha combattuto. Sfortunatamente, la sua storia è durata solo tre numeri nel corso di un anno, ma è stata brevemente ripresa per una miniserie a tema della seconda guerra mondiale nei primi anni '90.

Madame Strange

Great Comics #1, novembre 1941 a Great Comics #3, gennaio 1942

Ingrandire

L'eredità di Madame Strange non è durata molto a lungo: come con Spider-Queen, è apparsa solo in tre numeri di una serie antologica prima di svanire nell'etere. Ma oh ragazzo, è stata fantastica in quei tre numeri. Tutto quello che sappiamo su di lei è che è una giornalista ragazza americana che ha usato la sua ridicola forza, velocità, tiro a segno e abilità di pilotaggio per rintracciare spie naziste in Europa.

Lady Satana

Dynamite Comics #2, dicembre 1941 a Dynamite Comics #3, 1942

Ingrandire


Si pensa comunemente che i supereroi maschi si dedichino alla lotta al crimine dopo che è successo qualcosa di terribile ai loro cari, e che le supereroine femmine lo facciano dopo che è successo loro qualcosa di terribile. Per Lady Satan, sono probabilmente entrambe le cose: ha perso il suo fidanzato annegato e si è quasi annegata dopo che i tedeschi hanno bombardato la loro nave. Per vendicarsi, indossò una maschera e un abito da sera e inseguì la Francia occupata dai nazisti, uccidendo tutti quelli che incontrava sul suo cammino con una pistola a gas al cloro. In seguito fu rianimata nel 1946 come una mistica maga che fermò il crimine con la magia oscura, ma anche questa nuova Lady Satan non ottenne molta trazione e svanì rapidamente.

Allora, cos'è successo?

È chiaro che quando Wonder Woman è finalmente arrivata sulla scena alla fine del 1941 in All-Star Comics # 8, aveva un sacco di compagnie femminili con cui condividere le edicole, inclusi personaggi non elencati nemmeno qui, che prendevano a calci il culo come reporter di tutti i giorni e avvocati e scienziati. E, naturalmente, c'erano anche molte donne fantastiche che sono arrivate sulla scena dopo Wonder - come Black Venus, un'infermiera di giorno e un pilota della Seconda Guerra Mondiale di notte; il Veiled Avenger, segretario di un procuratore distrettuale che ha combattuto il crimine con una frusta; o Madre Hubbard, che era letteralmente solo una vecchia signora con superpoteri da strega.

Tuttavia, verso la metà degli anni '50, la maggior parte di queste pubblicazioni si era completamente prosciugata. La diminuzione delle vendite di fumetti presumibilmente provocata dall'ascesa della televisione non ha certamente aiutato, e nemmeno la mutevole enfasi culturale sull'allontanare le donne dalle loro responsabilità dell'era di guerra e tornare a vivere come casalinghe per gli uomini di ritorno.

Ma il vero chiodo nella bara è arrivato con 1954 dello psichiatra Fredric Wertham La seduzione dell'innocente , che sosteneva che le rappresentazioni di sesso, violenza e horror nei fumetti portassero direttamente alla delinquenza giovanile nei suoi giovani lettori. Temendo di essere censurata o addirittura chiusa dal governo degli Stati Uniti, l'industria dei fumetti si è invece censurata, creando la Comics Code Authority come un insieme draconiano di linee guida per dettare i contenuti. I fumetti che seguirono il CCA ricevettero un sigillo di approvazione dalla Comic Magazine Association of America; era garantito che i fumetti non si vendessero bene, o addirittura non sarebbero stati riforniti sugli scaffali delle edicole in primo luogo.

Il CCA ha avuto un profondo effetto agghiacciante su come le donne sono state ritratte in particolare - ironicamente in non piccola parte applicando un codice di abbigliamento e chiedendo che le donne siano disegnate in modo realistico. Altre parti del Codice vietano gli orrori soprannaturali, le armi, il sesso e il romanticismo che non promuovono la santità del matrimonio, decimando completamente interi generi in cui i personaggi femminili prosperavano e incentivando la loro sottomissione. La politica editoriale interna della DC Comics è persino raddoppiata ulteriormente, affermando che 'l'inclusione delle donne nelle storie è specificamente scoraggiata. Le donne, quando utilizzate nella struttura della trama, dovrebbero avere un'importanza secondaria.

In questi giorni sembra che l'industria dei fumetti stia lentamente iniziando a migliorare nella rappresentazione delle sue eroine femminili - o, per lo meno, sembra che i critici stiano giustamente chiedendo che l'industria dei fumetti migliori, anche se le cose sono ancora lente a in realtà Cambia. Dopotutto, le donne secondarie hanno dominato le pagine delle nostre storie di supereroi preferite per decenni e decenni.

Tuttavia, almeno possiamo trarre conforto nel sapere che non è sempre stato così; che nonostante quanto significativa sia per noi l'eredità di Wonder Woman, non è l'unica nel suo genere. Un sacco di eroine pionieristiche e artiste di fumetti femminili hanno aperto la strada a lei per prime, e vale la pena celebrarle. Anche quelli che sono durati un solo numero.

Assicurati di controllare di più Fangrrls contenuto qui.

E, naturalmente, assicurati di seguire Fangrrls sopra Twitter e Instagram .



^