Superman 80°

13 attori di Superman ricordano gli alti, i bassi e le parti più folli dell'interpretazione dell'Uomo d'Acciaio

>

Siamo cresciuti con Superman. Abbiamo seguito le sue avventure nei fumetti e sugli schermi piccoli e grandi per molto, molto tempo - 80 anni, in effetti. Ma nessuno ha dedicato tanto pensiero all'Uomo d'Acciaio (e anche a Superboy) come i tanti attori che lo hanno interpretato nel corso degli anni, quelli che hanno indossato il mantello, hanno usato la macchina da scrivere del Daily Planet, o trovato il tono giusto sia per la voce di Clark che per quella di Kal-El.

Nel corso di questa settimana parleremo molto con i membri di questo gruppo d'élite, incluso Brandon Routh ( Il ritorno di Superman ), Tom Welling ( Smallville ), e Dean Caino ( Lois & Clark: Le nuove avventure di Superman ), oltre a diversi Super delle generazioni precedenti. Questi ragazzi hanno molti ricordi e, come vedrai, anche molte storie.

Qui ogni Superman ripercorre come è stato scelto, la pressione che ha sentito nel ruolo, com'era sul set e cosa pensa del ruolo dopo tutti questi anni.



1961
John Rockwell, Le avventure di Superboy

John Rockwell Superboy

Ho sentito che stavano facendo il casting per Le avventure di Superboy , così sono andato all'ufficio del produttore, e Whitney Ellsworth, che aveva prodotto Le avventure di Superman , stava giocando a gin rummy con il capo dello studio. Ho detto: 'Chiunque vinca, uno di voi due, voglio giocare il vincitore'. Ero molto arrogante allora, perché giocavo molto a gin. Ed ero molto, molto bravo.

Così ho finito per suonare con Whitney e gli ho detto: 'Non devi cercare oltre. Posso volare.' Solo per scioccarlo. Sapevo di avere il lavoro dopo. Ero già atletico – facevo acrobazie, ginnastica, tuffi – quindi ho pensato che fosse qualcosa in cui potevo essere molto bravo. Potrei immergermi più di 20 persone. Ho vinto il gioco, ho vinto un provino e mi hanno messo alla prova per quattro o cinque ragazze diverse per Lana. Mi hanno adattato a Western Costume per un abito grigio e marrone, perché abbiamo girato in bianco e nero.

Mi hanno fatto andare da un doppiatore, perché all'epoca avevo un accento della Pennsylvania. Non ho sentito alcuna pressione nel recitare la parte. Non ci ho mai nemmeno pensato in quel modo. Whitney mi raccontava di George Reeves e di come la gente veniva a chiedere autografi. George era molto amichevole con tutte le persone, e Whitney mi diceva di fare lo stesso. 'Questa è la tua base di fan. Vuoi renderli felici.'



^