Ex Machina

10 Fembot al cinema e cosa dicono su come sono rappresentate le donne a Hollywood

>

I robot non sono solo figure di fascino contemporanee; sono stati fonte di stupore, intrigo e trepidazione per diversi secoli, e nel cinema i robot si intrecciano con la rappresentazione delle donne. Con l'avvento dei film di fantascienza sull'intelligenza artificiale, la meccanizzazione del genere in forma cinematografica non può essere ignorata. Questo robot femmina ha anche un nome particolare: The Fembot.

Come ponte tra donna e robot, il fembot è stato coniato per la prima volta nel programma televisivo del 1976 La donna bionica . Da allora, il fembot è apparso in numerosi film di fantascienza di blockbuster come Il Terminator a film indipendenti come Storie di robot . Attraversando tutti i generi con un'inclinazione alla fantascienza, la parola fembot potrebbe sembrare un riconoscimento se ripensi alla tua prima visione della commedia del 1997 Austin Powers: l'uomo del mistero internazionale . Ricordi quando Frau Farbissina, la scagnozza del Dr. Evil, presenta i Fembot, con la sua stridula voce tedesca? 'Portate i Fembot!'

Come cenno a Donne bioniche , le fembot in Austin Powers erano bombe bionde poco vestite, i loro corpi magri e voluttuosi giustapposti a seni di mitragliatrice; ma non tutti i fembot nel film seguono questo archetipo. C'è un'ampia varietà di rappresentazioni cinematografiche dei fembot. Come teorica dei cyborg, Donna Harraway scrisse una volta, La replicante Rachael nel film di Ridley Scott Blade Runner si pone come l'immagine della paura, dell'amore e della confusione di una cultura cyborg. A differenza dei biondi Fembot di Austin Powers , Rachael offre un'altra comprensione del Fembot. Mentre i film sull'intelligenza artificiale sono in aumento e i nostri futuri distopici sembrano vicini al presente, i fembot nei film ci insegnano non solo sulle macchine, ma sulla trasgressione del genere.



Che l'ascesa dei robot sembri una notizia eccitante o spaventosa, è chiaro che i fembot ci insegnano cosa significa essere umani. Ci insegnano il cinema di fantascienza. Perché i fembot non sono tutti uguali. Alcuni fembot nel film sono personaggi complessi, sfumati e complicati; altri sembrano nient'altro che accessori oggettivati ​​nel messa in scena essere guardato. Come ci ha insegnato la teorica del cinema Laura Mulvey, il cinema differisce a causa dello sguardo che la macchina da presa tiene per le donne, e anche per il pubblico.

Tuttavia, poiché alcuni fembot ricambiano lo sguardo e lo mettono in discussione, forse è il momento di ricalibrare i fembot. Alla luce del rilascio di Blade Runner 2049 , facciamo il punto sui dieci migliori fembot del cinema. Prendiamo in considerazione questioni di agenzia, complessità e potere. Usciamo anche dagli Stati Uniti, perché il cinema è globale e non tutti i fembot nascono in Occidente.

Allison Bechdel ha fatto questo test per le donne nel film e un test Bechtel per i fembot potrebbe includere 1. Sono loro il personaggio principale? 2. Hanno un compagno asiatico o un fioretto? 3. Sono oggetto di affetto? 4. Muoiono?

Solo un film della nostra lista è stato tagliato. Questo non vuol dire che gli altri fembot non siano memorabili e debbano essere apprezzati, ma parla della complessità dei fembot e della sua rappresentazione. Prefigura anche i futuri fembot a venire.



^